Lingua   

Pe 'n sordato piamontese anegà chì

Paolo Bertolani
Lingua: Italiano (Ligure)

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Paisi di libertà
(Cyprien Di Meglio)
A greva di i pialinchi
(Léon Camugli)
L'asciascin
(Cyprien Di Meglio)


Dal volume di versi 'E góse, l'aia [Le voci, l'aria] (Guanda, 1988).
(...)
Ma cóse te 'n savévi, te, der mae – te
vegnù chì da Cugno, a vint'ani, a fae
er mainàe?
Na bocà d'àigua, e a testa
la t'è 'ndà fito 'n nèbia...
lì, dónde la bata
smorto 'r mae.
'Nte c'ló gnente, te gh'è lassà
a résca – te, mainaéto
te, pésso nó anca
der tuto sfantinà...

Avóa ch'a te miémo cossì stenco,
e muèlo, e besénfio, squasi come bogì,
te ne pai pu distante che 'e stele
ch'la formìgue stanòte
sórve ai téci e ai orti:
cossì come ogni vòta ne 'ntravén
miàndo i bèsti sotùrni, i morti.

inviata da L.L. - 2/10/2020 - 23:10



Lingua: Italiano

Versione italiana dell'Autore
PER UN SOLDATO PIEMONTESE ANNEGATO QUI

(...)
Ma cosa ne sapevi, tu, del mare – tu
venuto qui da Cuneo, a vent'anni, a fare
il marinaio?
Una boccata d'acqua, e la testa
ti è andata presto in nebbia...
lì, dove batte
spento il mare.
In quel niente, ci hai lasciato
la lisca – tu, marinaretto
tu, pesce non ancora
del tutto sbambinato...

Ora che ti guardiamo così rigido,
e livido, e gonfio, quasi come bollito,
ci sembri più lontano delle stelle
che formicolano stanotte
sopra ai tetti e agli orti:
così come ogni volta ci accade
guardando le bestie taciturne, i morti.

inviata da L.L. - 2/10/2020 - 23:15



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org