Lingua   

Margherita caduta in guerra

Lucia Miller
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

E anche al mi' marito
(anonimo)
The Darkling Fields of Stowborough
(Mick Harvey & Christopher Richard Barker)
Viole del Carso
(E.A. Mario)


2019
Lampi sulla pianura
lampi
(testo M. Bubola- S. Ferro- musica M. Bubola)


Dedicata a Margherita Kaiser Parodi Orlando, crocerossina presso la Terza Armata sul fronte orientale durante la Prima guerra Mondiale.
Morta il primo dicembre del 1918 di febbre spagnola, poco dopo la fine della guerra.
Unica donna sepolta nel Sacrario militare di Redipuglia


“Margherita caduta in guerra” è dedicata a Margherita Kaiser Parodi, infermiera volontaria della Croce Rosa, medaglia di bronzo al valor militare e unica donna sepolta nel Sacrario Militare di Redipuglia. Una figura straordinaria eppure poco conosciuta...

Lucia Miller – Quando per il romanzo di Massimo Bubola “Ballata Senza Nome”, pubblicato nel 2017, dedicato alla figura del Milite Ignoto, andammo a visitare i luoghi della Grande Guerra, rimanemmo molto colpiti dalla tomba di questa ragazza, sepolta in un luogo tanto denso di vibrazioni e di solennità come il sacrario di Redipuglia. Da sola, una donna tra migliaia di soltati caduti. Abbiamo così cominciato a pensare al sacrificio che anche le donne fecero durante la guerra, a quelle che rimasero a casa a portare avanti i campi e le  famiglie piene di bambini e a quelle che andarono addirittura al fronte di guerra, volontarie a curare i feriti. Così Massimo Bubola ha deciso di raccontare una storia così rappresentativa, poco conosciuta purtroppo, ma molto significativa, il sacrificio di una donna che porta con sé il sacrificio di tutte. È stata tra le canzoni più struggenti da interpretare. 
Bloogfolk.com
Su questa pietra ogni dolore 
muore di freddo, si cuoce al sole
Su questa pietra fra centomila
ci sta il mio nome, la breve vita
Su questa pietra fra centomila
ci sta il mio nome ch’è Margherita

La rossa croce del mio destino 
Io la portavo cucita al seno 
A diciott’anni andare in guerra
è come scegliere tra cielo e terra
A diciott’anni andare in guerra
è come scendere dal cielo in terra

Su un letto bianco ho chiuso gli occhi
quando la febbre suonò i rintocchi
Su quella foto c’è il mio sorriso
che a darti un bacio non riuscirò 
Su quella foto c’è il mio sorriso
l’ultimo bacio ti spedirò

Io che ho curato ferite in guerra
e le ferite che fa l’amore 
Porto con me laggiù il mio cuore 
che fiorirà tra marmo e la terra
Porto con me laggiù quel fiore
ch’è Margherita caduta in guerra
Porto con me laggiù il mio fiore
la Margherita caduta in guerra.

inviata da Dq82 - 26/12/2019 - 21:24



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org