Lingua   

Li Varchi all'Orizzonti

Don Chrisciotte
Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

Lu pisce spada
(Domenico Modugno)
Livin’ in the City
(John Butler Trio)


Testo e voce, Don Chrisciotte
Musiche, Diego Cofone

Li Varchi all'Orizzonti


Questo il triste che racconta quello di cui parlo nella canzone:


Varcuni chini i genti
Lu cori mi sa stringi
Pinsannu ai picciriddi, alla matri cu li figghi
Allu patri adduluratu, lu maritu dispiratu
La su Diana l'ha lassatu, risgraziatu

Varcuni chini i genti
Lu cori mi sa stringi
Pinsannu ai picciriddi, allu patri dispiratu
Allu sbirru tripulinu ca lu frusta nta lu schinu
Stu bastaddu sciaguratu, u sarracinu strascinatu
Cu la varca strascinatu, lu lassanu nta lu mari
E lu chianceru amaramenti la su ma' e la su genti

E lu viaggiu ie beddu loncu, La prigiuni e li catini
Cu li donni abbiulintati e li masculi vattiati
Picciutteddi suli misi ca pacienza r'aspittari
Lu mumentu pi'salpari, ma nun sannu ca lu mari
N'avi occhi ppi taliari, nun usapi ca' si nicu
Ca n'avissutu a viaggiari e senza sonnu e senza abbentu
Nui lu vittimu anniari e tra l'ondi scumpariri
Mentri all'autri li sbarcammu ie trimannu s'abbrazzanu

Mala sorti di sta genti ca nun'anu nu rizzettu
Ca vulissinu canciari ma la morti ianu a taliari
Mala sorti di sta genti senza paci e senza nenti
Nenti cchiui di lu rispiru, la spiranza comu'n filu.

inviata da Don Chrisciotte - 18/12/2019 - 21:31



Lingua: Italiano

Traduzione italiana
LE BARCHE ALL'ORIZZONTE

Barconi pieni di gente,
il cuore mi si stringe,
pensando ai bambini, alle madri con i figli,
al padre addolorato, al marito disperato,
chè la sua "Diana" (amata) lo ha lasciato.

Barconi pieni di gente,
il cuore mi si stringe,
pensando ai bambini, al padre disperato.
Allo sbirro tripolino che lo frusta sulla schiena,
questo bastardo sciagurato, il saraceno trascinato,
con la barca trascinato, lo lasciarono in mezzo al mare
e lo piansero amaramente la sua mamma e la sua gente.

Ed il viaggio è molto lungo, la prigione e le catene.
Con le donne violentate e i maschi picchiati.
Ragazzini soli, con la pazienza di aspettare
il momento per salpare. Ma non sanno che il mare
non ha occhi per guardare e non lo sa che sei piccino,
che non dovresti viaggiare. E senza pace e senza sonno
lo vedemmo annegare e tra le onde scomparire,
mentre gli altri li sbarcammo e tremando si abbracciarono.

Mala sorte di questa gente che non ha una casa,
che vorrebbero cambiare ma la morte devono guardare.
Mala sorte di questa gente senza pace e senza niente,
niente più che il proprio respiro, la speranza come un filo.

18/12/2019 - 21:37



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org