Lingua   

Salviamo i marò

Bello Figo
Lingua: Italiano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Io non pago affito
(Bello Figo)


[2016]
Parole e musica di Paul Yeboah, in arte Bello Figo (e molti altri AKA), rapper italiano di origine ghanese.

Bello Figo


Ho scoperto l'esistenza di Bello Figo perchè proprio nei giorni scorsi un suo concerto nel mantovano è saltato a causa delle minacce, anche di morte, rivolte al rapper da parte di singoli e di gruppi della galassia dell'estrema destra, come il Veneto Fronte Skinheads e Forza Nuova, ed associazioni locali formalmente apartitiche formate da “cittadini patrioti”, come Mantova ai Virgiliani. A giudicare dai post su Facebook questa gente lo vorrebbe proprio morto a Bello Figo: “Un pezzo di legno e giù botte. Torna in Africa, negro”, “Fatelo venire e poi fracasatelo (sic!) di mazzate”, ecc. ecc.... Alla faccia della libertà di parola!



Perchè tanto odio?

Perchè Bello Figo, che esordì qualche anno fa con canzoni facili e volgari come “Mi faccio una segha”, “Ce l'ho grosso” e “Pasta col tonno”, ha una vena politica che piano piano ha preso il sopravvento ed il suo metodo è oltraggioso, è sbattere in faccia all'italiano ignorante, razzista, xenofobo e fascista le sue stesse stronzate, cioè che gli stranieri, i profughi e tra loro i negri in particolare vengono in Italia per fare un cazzo, ospiti in alberghi di lusso a spese della collettività, ci fregano il lavoro, si scopano le nostre donne e si fanno i cazzi loro alla faccia degli italiani che si rompono il culo sul lavoro o dei poveri disoccupati.

Marònna, casapaund!


Anche questa canzone che propongo è uno schiaffo in faccia ai fascistelli tipo Casa Pound che nelle piazze manifestavano per i due assassini di pescatori reggendo striscioni recitanti “Andiamo a riprenderci i nostri ragazzi”... Naturalmente nessuno di costoro poi ha messo mai piede in India, e invece un paio di settimane dopo l'uscita di questo brano di Bello Figo anche Salvatore Girone ha fatto rientro in Italia e poi la Corte Suprema indiana ha consentito a lui e a Massimiliano Latorre di restare in Italia fino alla decisione sull'arbitrato...

Che sia stato merito di Bello Figo?
Grhà grhà grhà grhà
Tutti i miei, miei amici
Andiamo a salvarli (uuuh!)

Amico, se tu mi senti (tu mi senti)
Porta tutti i tuoi amici
E andiamo in India (in India)
E andiamo a salvalli
Marò Marò
Salviamo i Marò (i Marooò)
Perché loro sono inocenti (inocenti)
Perché loro non han fatto niente (fatto niente)
E se non ce li danno facciamo guerra
Marò Marò
Salviamo i Marò (i Marooò)
Perché loro sono inocenti (inocenti)

Sto arrivando con tutti i miei
Miei amici
E siamo tutti
Siamo tutti neri
Tu porta tutti i tuoi amici
Anche le fighe bianche
Così mentre siamo in viaggio possiamo scopare
La scopo in bocca prima che arriviamo in India
E se ci cucina qualcosa è ancora meglio
Così almeno mangiamo qualcosa
Perché metti caso che quando arriviamo abbiamo fame
Ehhhh fratelo! Così ci ammazzano!
Quindi dille di portare
Da mangiaro
Andiamo a riprenderci i nostri amici
Arriviamo lì, giuro, facciamo casino

Amico, se tu mi senti (tu mi senti)
Porta tutti i tuoi amici (tuoi amici)
E andiamo in India (in India)
E andiamo a salvalli
Marò Marò
Salviamo i Marò (i Marooò)
Perché loro sono inocenti (inocenti)
Perché loro non fatto niente (fatto niente)
E se non ce li danno facciamo guera
Marò

Ascoltami, non aver paura
E molla tutto, andiamo
Andiamo in India a salvà
Perché loro non han fatto niente
Cosa pensa, che noi siamo qui a scherzare?
Io arrivo con [?] e li faccio
Li faccio saltare in aria come un pallavolo
Tutti sanno che ho paura del
Dell'erio
Se no avrei preso anche anche
Anche l'erio
Se mi date una figa bianca giuro, io vado
A piedi pure a Losangelos
Dove sono stato (sono stato)

Amico, se tu mi senti (tu mi senti)
Porta tutti i tuoi amici (amici)
E andiamo in India (in India)
E andiamo a salvalli
Marò Marò
Salviamo i Marò (i Marooò)
Perché loro sono inocenti (inocenti)
Perché loro non han fatto niente (fatto niente)
E se non ce li danno facciamo guera
Marò Marò
Salviamo i Marò (i Marooò)
Perché loro sono inocenti (inocenti)
Perché loro non han fatto niente (fatto niente)
E se non ce li danno facciamo guera
Marò Marò
Salviamo i Marò
I Marooò

inviata da Bernart Bartleby - 28/12/2016 - 23:22


Bello Figo è bersaglio dei razzisti da settimane
di Sebastian Bendinelli su The Submarine, 28 dicembre 2016.

Bernart Bartleby - 28/12/2016 - 23:35


Scusate se mi permetto di esprimere un'opinione contro corrente. A me queste letture intellettualoidi delle canzoni di Bello Figo (o Gucci Boy, come si faceva chiamare prima della causa con l'omonima casa di moda) sembrano tanto la visione speculare di quelle della destra più becera che abbiamo potuto "ammirare" da Belpietro.
Si vuol vedere una vena politica consapevole con tanto di metodo oltraggioso, si parla di "schiaffi in faccia", personaggio costruito...Nell'articolo che introduce l'altra canzone si instilla il dubbio di un progetto costruito di presa in giro degli stereotipi da sempre spauracchio/baluardo del peggior razzismo populista (non che quello genetico sia migliore, per carità, ha solo il "pregio" di esser meno urlato -e pregasi non fraintendere e manipolare questo discorso).
A me sembra lo stesso tipo di lavoro fatto dalle destre: riempire di significati seri una cosa che questi significati proprio non li ha, per costruire un fenomeno che poi viene tirato da un lato o dall'altro per sostenere tesi che col fenomeno in se, preso nella sua purezza, non c'entrano nulla. Mi chiedo infatti se queste due canzoni si sarebbero trovate nel sito (accanto a quelle di un De Andrè, tanto per citar qualcuno), se non ci fosse stata l'ospitata da Belpietro e polemiche a seguire. Riguardo queste, ed i vari messaggi, ricordo come Bello Figo venisse pesantemente offeso anche in precedenza, e per i concerti annullati (non capisco allora perché prima non lo fossero, dato che offese e minacce fioccavano dai tempi di "Mi faccio una segha"), credo che per lui, a livello di guadagno, non incidano più di tanto viste le numerose visualizzazioni in più ottenute da destrorsi repressi con la bava alla bocca. Guardando lo spezzone della trasmissione di Belpietro, io non ho avuto l'impressione di vedere un "genio", bensì semplicemente di vedere un ragazzo di 21 anni che rispondeva ad un adulto che gli sbraitava contro, alla maniera di tutti i ragazzi della sua età, ovvero sbeffeggiandolo. Ma non perchè padrone di chissà quale coscienza politica, semplicemente perchè ragazzo (tant'è che a volte con il viso mi sembrava dire "Ma di che stanno a parlare questi?Che ci faccio io qui?) offeso da un adulto, adulto al quale (proprio perchè tale) è precluso il suo mondo, di "swag" e di "boneggio" (termini usati da Gu stesso).
Bello Figo Gu è una ragazzo di 21 anni che, come la maggior parte dei ragazzi della sua età, per quanto può' sembrare inaccettabile all'elite "intellettuale" della sinistra odierna, ama cazzeggiare e divertirsi, nella vita e su youtube, senza che dietro vi sia questa intenzionalità politica che gli è stata attribuita. Non per niente nel suo canale, tra un "Salviamo i Marò" e un "Non pago affitto", continuano a trovarsi "perle" come "In figa" o "Adolf Hitler" etc... Sarebbe così sconcertante pensare che abbia semplicemente fatto canzoni su ciò che si legge online, che riempie facebook etc...unicamente per questo motivo, senza alcuna velleità o metodo o intenzionalità di schiaffeggiare metaforicamente alcuno? A conferma di ciò basta vedere alcuni altri suoi video, o meglio ancora un video in particolare del suo amico Don Capucino (che oltre a far da guest a Gu, ha anche un canale proprio), in cui ridacchia perchè in Italia si chiama Bello Figo a parlare di politica. E se, materialmente, questo lo ha fatto la destra, adesso vedo farlo dalla sinistra, caricando questo ragazzo di velleità che non ha, dando così implicitamente ragione alla destra stessa quando sbraita che "ci prende per il culo".
E allora mi chiedo, perchè creare un caso dove non c'è (se non nelle reazioni dell'italiano imbeccato dalla TV)? Non sarebbe meglio limitarci a questo, a discutere delle reazioni stupide e cieche, senza estrapolare con un processo alchemico delle parole dalle canzoni di FiGu ciò che non c'è, ridimensionadolo a ciò che è realmente e ci ricorda lui stesso, assieme ai suoi amici ("Swag è divertimento, non politica") evitando così di cadere nello stesso errore delle destre, da noi stessi in questo modo "giustificate" nelle populistiche reazioni, che sono proprio quelle che hanno fatto acquistare un plus di visibilità(negativa) al ragazzo?
Spero di aver espresso il mio pensiero in maniera abbastanza comprensibile, grazie dello spezio e a chi si dedicherà alla lettura di questa mia.

Riflettiamo - 17/1/2017 - 11:32


Mah, qui non si voleva creare nessun caso. E quanto al personaggio Bello Figo, Bendinelli lo scrive chiaramente che è tutta una costruzione commerciale.

Detto questo, personalmente non l'avevo mai sentito prima, l'ho scoperto per caso per via dell'annullamento sotto minaccia dei suoi concerti, queste sue due canzoni mi hanno fatto molto ridere e ancor più mi hanno fatto sghignazzare quella Brutta Racchia e i suoi sodali con la bava alla bocca.

Se un "artista" (l'ho messo tra virgolette, intendo dire uno qualunque, anche un coglioncello) viene minacciato di morte perchè negro e perchè dice cose che ai fascisti fanno venire l'orticaria, per me vuole dire che qui sulle CCG/AWS ci sta benissimo.

Saluti

Bernart Bartleby - 17/1/2017 - 13:37


Grazie per la risposta.
Evidentemente non mi sono fatta capire: è proprio sulla "costruzione commerciale" che non sono d'accordo, ribadendo che è semplicemente un ragazzo che si diverte cantando.
Tutt'al più è un caso costruito ultimamente ad hoc, e non certo da Bello Figo.
Per il resto...pensavo che nel sito venissero postate canzoni contro la guerra, non canzoni che fanno venire l'orticaria a fascisti che hanno il quoziente intellettivo di una rana (e fra l'altro potevano sfruttare sto ragazzo in ben altro modo, del tipo "Vedete, lui, che è nero, canta ciò che da sempre noi diciamo e blah blah -mi pare abbia fatto un'esternazione del genere Salvini, ma non ne sono sicura" e battere su questo tasto, ma si vede che schiumare come cani rabbiosi è loro ben più consono). Evidentemente ho preso un granchio, e lo ributtero a mare.
Buona giornata!

riflettiamo - 17/1/2017 - 16:37


No, evidentemente non hai frequentato abbastanza non conosci ancora bene questo sito ormai immenso, che non raccoglie solo Canzoni Contro la Guerra tout court e che ha anche molti percorsi - discutibili quanto vuoi, discussi anche dal sottoscritto - tra i quali uno sull'Antifascismo militante e uno su canzoni ascrivibili alla destra.

Secondo me vale la pena che tu lo approfondisca un po', se ti interessa.

Per quanto riguarda Bello Figo, ho provato a spiegare che sono state inserite un paio di sue canzoni non perchè l'autore abbia prodotto dei capolavori o perchè sia riuscito ad esprimere chissà quale pensiero politico originale, ma perchè il furbetto si è inventato qualche strofa divertente, provocatoria e inoffensiva che però ha mandato su tutte le furie quelle rane (come le chiami tu) becere dei fascisti e omologhi, tanto da minacciare Bello Figo di morte e da cercare di togliergli la parola. E lui ha replicato sempre con flemma, ironia e pacificamente.

E per questo Bello Figo si è meritato un suo legittimo spazio sulle CCG.

Saluti

Bernart Bartleby - 17/1/2017 - 23:33


Per come l'ho capita, credo che il punto sia questo.Trovare qui questi due testi fa un po' lo stesso effetto di trovare Bello F. a parlare di politica vs Mussolini etc.
Soprattutto con i discorsi introduttivi, che sia l'articolo citato o che siano quelli scritti da BB.
Sono testi che in se non significano niente, a cui è dato un intento che non hanno (anche lui lo dice più volte, ad esempio non parla di fighe bianche per sbattere nel muso "la paura della prolificità dell'uomo di colore", ma perchè gli piacciono le ragazze bianche-detto da lui e dalla sua crew).
La destra si è incazzata (e non capisco perchè dato che, se lo prendiamo sul serio come hanno fatto loro, conferma le loro tesi) prendendolo sul serio, e, ora che è minacciato, viene preso troppo sul serio anche dall'altra parte, col risultato di fraintendere tutto, creare un gran casino e non farlo piu suonare.
P.s. ho sempre pensato che se qualcuno si fosse dovuto inkazzare dovrebbero essere state le donne, visto come ne parla in tutte le sue canzoni, fosse stato bianco gli avrebbero già tagliato il cazzo forse.

giò - 18/1/2017 - 13:21


"Antifascismo militante"come sezione, non "cacchiate che hanno creato scalpore perchè fraintese". Se la sinistra usa questo per contrastare la destra stiamo messi male...un bell'esame di coscienza su argomenti e metodi sarebbe necessario.

. - 23/1/2017 - 11:15


Caro ., non si capisce nemmeno a cosa ti riferisci e di che cosa stai parlando.

Se della canzone in questione, non è inserita nel percorso "Antifascismo militante", e ci mancherebbe pure...

Se con "cacchiate" ti riferisci a quelle di Bello Figo, non si può che essere d'accordo con te: cacchiate che fanno parecchio ridere (o anche solo sorridere) e che invece certi stolti, da sempre così lividi e neri anche perchè privi di ogni senso dell'umorismo, hanno preso così sul serio da volerlo morto, quel negro di m****.

Se poi invece parli della "sinistra", beh, vai da qualche altra parte, perchè questo è un sito di Canzoni contro la Guerra, non so se te sei accorto.

Saluti

Bernart Bartleby - 23/1/2017 - 13:20



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org