Lingua   

Beal Feirste

Canta u Populu Corsu
Lingua: Corso


Ti può interessare anche...

A carta nera
(Voce Ventu)
Da u sangue à l'omi
(Dopu cena)
H-Block Escape
(The Templars of Doom)


1995
Sintineddi
sintineddi

Per introdurre questa canzone diciamo soltanto che "Beal Feirste" (propriamente: Béal Féirste) è il nome gaelico di Belfast. Il testo è ripreso da Paroles de chansons Corses.
Un ghjornu per furtuna scalai in questi lochi
À vede cristiani piatassi per pregà
Un Diu ch'ùn pò chè interra li so morti
Cerchendu cumu fà.

Per scioglie'ssa disgrazia ch'elli chjamanu guerra
Trà fratelli di sangue è nò di civilità
Ognugnu suttumessu per forza à la Regina
Chì ci vole a rispettà.

Beal Feirste sì cità marturiata
Beal Feirste o chì vita straziata.

Mà in st'isula pinta di mare è di virdura
C'hè una ghjente di core chì s'offre u so campà
Senza nisuna stizza per la so sepultura
U celu a saperà.

Cumu cresce la luce quella mane à bon'ora
trà luna vechja è sole omu ùn si pò sbaglia
Cumu cresce l'omu à mez'à la nigrura
A vita libera.

È puru di'ssu mondu tutti ne sò fieri
Di pretende salvà a nostra umanità
Ùn feghjenu chè l'altri in paesi strangeri
Bramendu a libertà.

O populu d'Irlanda fà sunà lu viulinu
Tamburi è caramusa per pruvà d'innacqua
L'avvene chì ferà girà lu mulinu
Di a to fraternità.

Beal Feirste sì cità marturiata
Beal Feirste o chì vita straziata
Beal Feirste sì cità marturiata
Beal Feirste o signore pietà.

inviata da Riccardo Venturi - 30/1/2007 - 18:14



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org