Lingua   

Mamma tedesca

Nonò Salamone
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Portella delle Ginestre
(Ignazio Buttitta)
Muos Muos Muos
(Nonò Salamone)
Chiui sta porta
(Salvatore Tartamella)


1980
l'Omu e la natura: Nonò Salamone canta Ignazio Buttitta
Nonò Salamone canta Ignazio Buttitta

Ignazio Buttitta è un grande poeta siciliano, ma a scuola molto difficilmente ne sentiamo parlare.
Buttitta combattè la prima guerra mondiale, e quando tornò a casa non riuscì mai a dimenticare la gente che aveva ammazzato, soprattutto un ragazzo di 17 anni tedesco, caduto proprio a qualche passo dalla sua mitragliatrice.
Ebbe il tempo di vedere i suoi occhi azzurri chiudersi per sempre.
Come consuetudine, gli frugò nelle tasche in cerca di qualcosa di utile, ma trovò solo una sua foto abbracciato con la madre: la prese.
Quando tornò a casa la mise al muro con una cornice.
Alcuni anni dopo, tornando a casa, trovò sua moglie addormentata con i suoi figli vicino, e li abbracciava nello stesso identico modo con cui la mamma tedesca abbracciava suo figlio.
Ignazio guarda sua moglie e vede la mamma tedesca a cui ha ammazzato il figlio.
Si siede e scrive una lettera che invia all'indirizzo riportato sulla foto. Non riceverà mai nessuna risposta.
Più volte lui stesso raccontò questa vicenda, finendo sempre con il ripetere:

"Guardavo mia moglie e guardavo la madre a cui avevo ammazzato il figlio."

Questa è la lettera che scrisse.
Il titolo originale è: Littra a 'na mamma tedesca
Mamma tedesca,
ti scrivi ddu surdatu talianu
chi t’ammazzò lu figghiu.
Mmaliditta dda notti
e l’acqui di lu Piavi
e li cannuna e li bummi
e li luci chi c’eranu;
mmaliditti li stiddi
e li prigheri e li vuci
e lu chiantu e li lamenti
e l’odiu, mmaliditti!

Mamma tedesca,
iu, l’assassinu
ca t’ammazai lu figghiu:
comu pozzu dòrmiri
ed abbrazzari li me picciriddi?
Comu pozzu passari
mmezzu a l’omini boni
senz’essiri assicutatu,
e crucifissu a lu muru?

Mamma tedesca,
matri di tuttu lu munnu,
vi chiamu!
Ognuna,
la petra cchiù grossa
vinissi a ghittalla
supra di mia:
muntagni di petra,
muntagni di petra,
scacciati la guerra.

inviata da DonQuijote82 - 9/3/2014 - 17:39



Lingua: Siciliano

Credo che quella di Nonò Salamone (recentemente ripresa dal giovane cantastorie siciliano Paolo Zarcone) sia una riduzione della poesia di Buttitta.
Questa dovrebbe essere la versione originale:
LITTRA A NA MATRI TEDESCA

Quannu t'arriva sta littra
ni ddu paisi nicu e luntanu
ni dda casa terrana
cu un jardineddu chiusu di sipali
e un canceddu di lignu.

Mamma tedesca,
quannu t'arriva sta littra
appizzala a lu ritrattu di to figghiu
a lu capizzu di ddu lettu biancu
chi t'arristò vacanti.

Mamma tedesca,
ti scrivi ddu surdatu italianu
chi t’ammazzò lu figghiu.
Mmaliditta dda notti
e l’acqui di lu Piavi
e li cannuna e li bummi
e li luci chi c’eranu;
mmaliditti li stiddi
e li prigheri e li vuci
e lu chiantu e li lamenti
e l’odiu, mmaliditti!

Era accussì beddu to figghiu
mamma tedesca,
li vitti all'alba cu nla facci bianca
di picciliddu ancora addummisciutu
ch'era beddu to figgiu
paria ca supra dd'erba l'avissiru pusatu
li tomani, adagiu, p'un mumentu
addinucchiuni pi cugghirici un ciuri
paria aspttassi un fasciu di sciuri
Ma tu nun c'eri, mamma tedesca
quannu lu vurricai a lu 'ndumani
nun c'eri a scavari la fossa cu la pala
nun c'eri quannu c'accarizzai li mani
e ci spustai li davanti all'occhi
un ciuffu chinu di capiddi biunni
nun c'eri a vidiri comu la terra
si lu manciassi a picca a picca
lu iditu, la manu, lu pedi, la fracci
e l'ultima palata e la terra chi crisci
chi crisci e fa la carni terra
nun c'eri, mamma tedesca, ma poi
ti ntisi chianciri ne gridari
nda dda camera sula di ddu paisi luntanu
ti vitti iottata supra di ddu lettu vacanti
di to figghiu e funnari la testa
sutta lu cuscinu
e torciri li manu e vuci e vuci
comu se ndo pettu scatenatu
tu avissi centu armali e milli vucchi
pi lu to lamentu.
Sempri ti vitti, mamma tedesca,
vistuta di niutu, li vrazza all'aria
e dintra all'occhi u figghiu mortu cu li mani in cruci
senti ti vitti che poi turnai cu l'autri surdati 'mmenzu fuddi di mammi felici
quanni lu trenu firmava
sempri ti viu
se intra la notti sentu tra muru e muru
lu cantu di na matri

Mamma tedesca,
iu, l’assassinu
ca t’ammazai lu figghiu:
comu pozzu dòrmiri
ed abbrazzari li me picciriddi?
Comu pozzu passari
mmezzu a l’omini boni
senz’essiri assicutatu,
e crucifissu a lu muru?

Tu, tu ci jucavi ammenzu a lu jiardinu
lu criscevi cu lu ciatu cu li suspiri
iu mi insignava a sparari comu megliu putissi ammazzari a to figghiu.

Mamma tedesca,
matri di tuttu lu munnu,
iu vi chiamu!
Ognuna,
la petra cchiù grossa
vinissi a ghittalla
supra di mia:
muntagni di petra,
muntagni di petra,
scacciati la guerra.

inviata da Bernart Bartleby - 1/6/2014 - 10:03



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org