Lingua   

Puzzo di fame

Evasio Muraro
Lingua: Italiano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

La grève générale
(Charles Keller)
La città vecchia
(Fabrizio De André)


[2013]
Parole e musica di Evasio Muraro
Dall’album “Scontro tempo”

scontrotempo-400


La puzza della fame (qualche volta della morte) che avvolge, circonda, impregna i tanti che oggi sono alla disperata ricerca di un lavoro che non c’è...
Puzzo di fame, puzzo di fame
Puzzo di fame, puzzo di fame
Puzzo di fame, puzzo di fame
Puzzo di fame...

Ho sognato a colori
vedevo sulla tavola dei fiori
tanta gente mi guardava e sorrideva
ed io non capivo perchè...

Puzzo di fame, puzzo di fame
Puzzo di fame, puzzo di fame
Puzzo di fame, puzzo di fame
Puzzo di fame...

Poi sparisco affogato
mi ritrovo in una via
sono solo una scia... prendo fiato.
Chi resta, chi resta lo sa, si resta perplessi
difficile arrivare a sera restando se stessi
chi resta, chi resta non sa più cosa fare
se dire, baciare o il suo testamento

Ho ancora fame, ho ancora fame
Ho ancora fame, ho ancora fame
Ho ancora fame, ho ancora fame
Ho ancora fame...

Tante promesse, troppi rifiuti
le parole... lavoro più duro che ci sia
se la sveglia non strilla,
se una luce non brilla
con che coraggio ti guarderò negli occhi domattina...

Ti saluto attraverso un imbuto... prendo fiato.
Chi resta, chi resta lo sa, si resta perplessi
difficile arrivare a sera restando se stessi
chi resta, chi resta non sa più cosa fare
se dire, baciare o il suo testamento

Perchè gli han detto con un piccolo lamento
“Quel posto non c’è più...”

Puzzo di fame, puzzo di fame
Puzzo di fame, puzzo di fame
Puzzo di fame, puzzo di fame
Puzzo di fame...

inviata da Bernart - 18/5/2013 - 16:04


Evasio ama scrivere le canzoni assemblando frammenti di conversazioni e "Puzzo di fame" è nata parlando con una persona, in questi anni di crisi e di paura, che gli diceva di non avere più nulla, tanto da "puzzare di fame". Quando Evasio l'ha suonata, a più riprese, per i cosidetti "esodati", l'esperimento di ingegneria sociale di un governo che considerava soltanto i numeri e non gli uomini e le donne e le famiglie, è diventata la plastica fotografia del momento. E' l'inno dei tempi che stiamo vivendo (ma non può piovere per sempre). (dal sito dell'autore)

Bernart - 18/5/2013 - 16:48



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org