Lingua   

Mannaja all’ingegneri

Otello Profazio
Lingua: Italiano (Calabrese)

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Riturnella
(anonimo)
Brigantiska
(Sandro Sottile)


1977
Scibilia nobili
scibilia

Canto satirico d'emigrazione, composto con strofe raccolte dai vari emigranti calabresi in giro per il mondo.
ildeposito.org
E mannaja all’ingegneri
chi ingegnò la ferrovia!…
Ca si non facìva i mezzi
all’America non si jia!…
L’Argentina:
a cu’ futti e a cu’ ruvina!…
Venezuela:
megghiu ‘a pesti e lu culera!…
E l’America di Nordi …
la repubblica argentina:
la munita si guadagna:
la saluti si ruvina!…
Stati Uniti:
va’ provati, ca vidìti!..
Cannatà:
disgraziatu a cu’ cci va’!…

E si ti ndi vo’ venìri
all’America cu mia…
ti lu pagarìa lu trenu,
e puru la ferrovia!…

E cca’ mangiu pisci e carni…
e non m’accuntentu mai!…
Vorrìa èssiri nt’a l’Italia…
chìnu ‘i fami, e chìnu ‘i guai!…

E l’America è un bellu paisi…
e beatu a cu’ cci va’!…
C’è da mòriri d’i risi:
puru i cafuni parranu ‘ngrisi!…

inviata da adriana - 17/2/2013 - 09:27




Lingua: Italiano

Versione italiana
E MALEDETTO SIA L'INGEGNERE

E maledetto sia l'ingegnere
che progettò la ferrovia!..
che senza mezzi di trasporto
non si finiva in America!
L'Argentina:
a chi fotte e a chi rovina!..
Venezuela:
meglio la peste o il colera!..
Che sia l'America del nord
o la Repubblica argentina
si guadagna la moneta
ma la salute si rovina!..
Stati Uniti:
andate a provare e vi rendete conto
Canada
è disgraziato chi ci va!

E se mai volessi venirtene
in America con me
ti pagherei il treno
e anche la ferrovia!..

E sebbene qui mangio pesce e carne
ma non mi accontento mai,
vorrei essere in Italia
con tutta la fame e pieno di guai!

E l'America è un bel paese
beato proprio chi ci va!
C'è da morire di ridere a sentire
perfino i cafoni che parlano inglese!

inviata da giorgio - 17/2/2013 - 18:13




Lingua: Italiano

La versione di Massimo Liberatori

2017
Sull'Appennino degli incanti
appennini



Reinterpretata da La Macina


Musiche e testi tratti da canti popolari - Arrangiamento di Massimo Liberatori e Maurizio Marrani
RIDAMMI 100 LIRE/ MANNAGGIA

E ridammi mamma cento lire
che in America voglio andar …
E cento lire figlia te le do,
ma in America no e poi no!

Ma mamma mia guardo il mare,
guardo il cielo e non sogno più.
Gli occhi e il cuore dei miei fratelli
li han rubati e non li sento più …

Ci han rubato anche le parole
i corsari di sua maestà,
più non soffia e non fischia il vento mamma
e la vela ammainata sta …

Mamma mia ridammi cento lire
se rimango qui io morirò,
giù nel porto c’è un bastimento mamma
se mi baci io partirò!

E appena giunta in altomare
anche i pescicani bacerò,
son più belli di queste facce mamma,
i pescicani io li bacerò

E mannaggia all’ingegnere
che ingegnò la ferrovia …
Se nessuno la inventava
pe’ l’America ‘n se partiva!

Non s’annava giù in Brasile,
non s’annava in Canadà
e pure in Belgio come in Francia,
disgraziato chi ci va!

Dall’America del nord - alla Repubblica Argentina
qualche sordo se guadagna e la salute se rovina …

E mannaggia all’ingegnere
che ingegnò la ferrovia …
Se nessuno la inventava
pe’ l’America ‘n se partiva!

Dall’America del nord - alla Repubblica Argentina
qualche sordo se guadagna e la salute se rovina …

Non s’annava giù in Brasile,
non s’annava in Canadà
e pure in Belgio come in Francia,
disgraziato chi ci va!

Pure in Svizzera e in Germania
disgraziato chi ce va!
E pure su nel Lussemburgo
disgraziato chi ce va!

E l’America è un bel paese e beato chi ce va!
Ce se more dai sorrisi pure li cafoni parlano inglisi

inviata da Dq82 - 6/1/2021 - 15:38



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org