Lingua   

Il giorno che il cielo cadde su Bologna

Modena City Ramblers
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Beppe e Tore
(Modena City Ramblers)
La luna di Ferrara
(Modena City Ramblers)
Stelle sul mare
(Modena City Ramblers)



2013
Niente di nuovo sul fronte occidentale
MCR-niente di nuovo

Niente di nuovo sul fronte occidentale è un doppio album studio dei Modena City Ramblers, il tredicesimo della loro carriera. Sono diciotto le canzoni contenute nell'album: scritte, arrangiate e prodotte dai Modena City Ramblers.

Lato A: Niente di nuovo: Niente di nuovo sul fronte occidentale - Occupy World Street - È primavera - C'era Una Volta - La Guèra D'L Baròt - Pasta nera - Fiori d'Arancio e Baci di Caffè - La luna di Ferrara- Beppe e Tore
Lato B: Sul fronte occidentale: Il Violino di Luigi - Due magliette rosse - Tarantella Tarantò - La Strage delle fonderie - Afro - Kingstown Regatta - Il giorno che il cielo cadde su Bologna - Nostra Signora dei Depistati - Briciole e spine



Bologna primi soccorsi 1980
La sorella di Franco partiva per il mare,
lo zaino e il sacco a pelo e centomila lire,
e fu all'angolo di via Irnerio che senti l'esplosione,
poi nel sole del mattino vide il volo cieco d'un piccione.
Passò un momento sospeso e polvere e spettri fuggenti
prima di un po' di luce per Bologna e i suoi lamenti.
Lett era un bambino e rimase fermo ad ascoltare
le frasi in dialetto che il postino diceva al padre.
Era solo un bambino ma ricorda ancora bene
la faccia di quell'uomo e il grido delle sirene.
Passò un giorno per capire, poi i giornalisti
e il Presidente prima dl luce per Bologna e la sua gente.
Selly sui taxi, con feriti di un po' accanto,
guidò fino all'alba poi si arrese al pianto.
Dal sedile di dietro il sangue rappreso
gli parlava di morte, dell'orrore improvviso.
Passarono mesi e stagioni, omissioni e servizi deviati
prima di un po' di luce per Bologna e i suoi magistrati.
Maria di vent'anni aveva il mondo davanti
e lo sguardo più dolce di chi non può aver rimpianti.
Maria se n'è andata come un angelo in volo,
inghiottita nel nulla in un attimo solo.
Passarono più dl dieci anni e quante promesse infinite
prima di un po' dl luce per Bologna e le sue ferite.
Il giorno che il cielo cadde su Bologna
piovvero pietre, fiamme e vergogna.
Una breccia nel cmuro e un'altra nel cuore,
quando vi ricordo è radice custodisce il dolore.
Quando il ricordo è radice, il futuro avrà un fiore.
Passò secolo e millennio, menzogne, governi e sentenze
prima di un po' di luce per Bologna e le sue coscienze.
Passò una generazione, l'oratore e il testimone,
resta il profumo di un fiore per Bologna e la sua stazione.
È li fiore delta memoria che sboccia in ogni stagione.

inviata da DonQuijote82 - 14/2/2013 - 12:22



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org