Lingua   

Mosthi Bianchi e Trabagliu Nieddu

Stranos Elementos
Lingua: Sardo

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

I la tumba
(Stranos Elementos)
Bread and Roses
(Judy Collins)
Attenti a lu cani
(Stranos Elementos)


[2009]

Album : Resuggontu
Feat: Limbudos
1 Strofa - ZIANU

No campo
No conto in banco
No manco
Sa bucca no tanco
Ca su tempu no paret nostru
E no mi paret giustu
Ca su suore iffustu
Lu cazzamu noi e no a mesu bustu
Ma tottu intreu
Dae sas battoro
Sempre reu
Andende a conca bascia
A contu de unu mere chi ti tratta
Chi a mala gana t’incascia
Chi a contu sou t’iffrutta
Ma como semus a sa frutta
Chi produimu pro esportare
E noi in bucca unu fruttu chenza sapore
No mi paret giustu ca et nostru su suore
Preda cun fiores
Distruttas pro operas de nova generagione
Bo la fatto deo un’audizione
Si mi dade su trabagliu de pastore
Ca como et poveru ma riccu de passione
Chi dae prima de sos tempos de nerone
Et bennidu a su nostru unpare a sas tradiziones.

2 Strofa - RD

Mosthi bianchi e moschi bianchi tutti muddi
Tra ga è futtiddu e ga futti
s’incorniceggiani luti
trabagli in nieddu pà tirà adananzu la baracca
e avè unu stipendiu a fini mesi asthru chi lu conto in banca
semmu a lu limite la dignità di un ommu passa attraversu necrologi e carsthelli cliniche
mentri dall’asthu
fabeddani di sicurezza
ma adabboi lu valori di un operaio e pari a un saccu di mondezza
la certezza e chi veni da la Campania
operai jn fila pà dui paccu celere destinazioni Australia o Spagna
tutti a zischà l’America candu vi l’anni sottu casa ma pari un parto senza ostetrica
è un drommi drommi collettivu
e in chisthu dozzi cullassi l’stituzioni da pasthi soa vi poni l’adittivu
Stranos elmentos pà una vostha li dazzi la pasthi manna
candu a la dumanda la ripostha è sarrà la janna.
Cumenti jennas la veridai è nuda è cruda
candu la regioni sardigna ti dazzi lu basgiu di giuda
astrhu chi giura menti prumissi fatti zenza penti menti
è sempri menti e noi semmu aisittendi
semmu sasdhi ziracchi a casa nostra
fendi trabagli trimestrali cumenti la stagioni in costa.

3 Strofa – OKIO

Un asthra di chi e arrividda
un carrera in azzadda
Fatta di preddi e di rocchi
Ma senza mai una faradda
L ischina sempri piggiadda
La gana sempri di mancu
Un futuro piu nieddu
E in faccia sempri piu biancu
Ma chistha vidda e un gara
A coipi di piccu e pala
Trabagliu in nieddu nn paga
Chisthu no e un film ma una saga
Inogga piglia o si laga
La fammi mudda dilaga
Ma nisciunu la vedi
Ve ga mori a trabagliu
ma nisciunu vi gredi
la ienti ti fabeddi di ra leggi seiduesei
Si. Ma lu presciu e kissu iusthu e nisciunu dizzi ok
So cazzi mei si adaboi eu rimangu seccu
Si no arrivu a fini mesi e mi tocca piggia lu grillettu
Ma ga ra dittu… ki lu trabagli zi nobilita
Si a noi rigala soru crozzi manni gantu un industria chimica
E chistha metrica e pa ga ankora no vi gredi
Pa ca piggia ri varisghi e in bon ora si rivedi.


Rit// x 2

Pa ogni Passu adanz, vi ni sò zentu in dareddu
Pa una mosthi piu bianca, v’e un trabagliu piu nieddu
Pa un salario chi paga, un astrha mosthi si cara
Chi ti tendi ra manu pa fattì cara, cara.

3 Strofa – S’ACRU

Potere a sos traballadores!
potere a su cubile! a sa fabbrica! a s'istrada!
a chie pro su prattu 'e macarrones sudorat sa zorronada!
gherra! gherra! gherra! pesa su culu e gherra sos meres!
difendeti sa bidda, su traballu, su cunzau, si bi tenes!

isfruttamentu de minores, licentziamentos a muntones,
montes e baddes garrigas de frustrassiones,
dae inoche si che fughen tottus ca
chin s'Italia futuru non bi nd'at!
ispalare merda dae manzanu chito,
ricattau chin su reccattu, pro piccare su chi picco...
in Sardigna sa bida est cara che focu,
in custu locu sa zente est perdende tottu,
s'impresa coluniale at imparau bene su jocu:
su traballu cand' est nudda e cand' est troppu!

4 Strofa – MALAMENTE

e tando
Non prangasa fizzu meu si mi cana friccau sa bida!
Si commo duas rodasa trazzana sas anchas meas!
Custrettu a abbarrare settiu in carrozza,omine mannu.
ca bidu traballu nigheddu dae cando vi pitzinnu!
tra rajos e bocchese de unu printzipale infame!
tirannu ca cherfiu teracu e non traballadore
pro si pesare sa dommo in costasa e sa mea pessone
deo sempere a cottimu in mesu de abba nive e sole
rischiande sa bida pro unu cantu e coccone tostu!
chi che deppio ingurtire tottu a una borta chenz'abba!
pro no istentare e ghirare a dommo a t'accazzazzare!
ingurtinde belenu pro no abbelenare su!
mattessi sambene meu
mi che issio de conca oddeu
Traballande che macu ghirande a dommo un istrazzu
prenande sa buzzacca de unu mere a bucca e paliazzu
chi promittia cuntrattu dinare e cantu baia
chi marcavo in s'abba finas a cussa die nighedda.
ruttu dae unu ponteggiu fattu a pinnacu e istraledda
chin s'ischina secada e sas ancas tottu arrancadas
t'iscrivo custa littera dae s'ispidale fizzu
chin su dizizzu chi fales in istrada a gherrare
ca su traballu nigheddu este unu male de accabbare!

inviata da DoNQuijote82 - 17/4/2012 - 18:12



Lingua: Italiano

Versione italiana dal sito ufficiale
MORTI BIANCHE E LAVORO NERO

1 Strofa - ZIANU

Non campo
Non ho il conto in banca
Non manco
La bocca non chiudo
Perché il tempo non sembra nostro
E non mi sembra giusto
Perché il sudore bagnato
Lo cacciamo noi e non a mezzo busto
Ma tutto intero
Dalle quattro già in piedi
Andando a testa bassa
A conto di un padrone che ti usa
Che se non vuoi t’incula
Che x conto suo ti sfrutta
Ma ora siamo alla frutta
Che produciamo per esportare
E noi in bocca un frutto senza sapore
Non mi sembra giusto perché è nostro il sudore
Pietre con fiori
Distrutti per opere di nuova generazione
Ve la faccio io un’audizione
Se mi ridate il lavoro di pastore
Che ora è povero ma ricco di passione
Che da prima del tempo di Nerone
È arrivato al nostro assieme alle tradizioni.

2 Strofa - RD

Morti bianche e mosche bianche
tutti zitti
tra chi è fregato e chi frega
s’incorniciano lutti
lavori in nero per tirare avanti la “baracca”
e avere uno stipendio a fine mese altro che il conto in banca
siamo al limite
la dignità di un uomo passa attraverso necrologi
e cartelle cliniche
mentre dall’alto parlano di sicurezza
ma dopo, il lavoro di un operaio è pari a un sacco di mondezza
la certezza è che viene dalla Campania
operai in fila per due pacco celere destinazione Australia o Spagna
tutti a cercare l’America quando ce l’hanno sotto casa
ma sembra un parto senza ostetrica
è un dormi, dormi collettivo
e in questo dolce cullarsi l’istituzione da parte sua ci mette l’additivo
Stranos Elementos per una volta li dà la parte grande
quando la risposta alla domanda è chiudere la porta
come Jennas, la verità qui è cruda
quando la regione Sardegna ti dà il bacio di Giuda
altro che giuramenti promesse fatte senza pentimenti
sempre mentono e noi stiamo aspettando
siamo Sardi, servi a casa nostra
facendo lavori trimestrali come la stagione in costa.


3 Strofa – OKIO

Un altro giorno è arrivato
Una strada in salita
Fatta di pietre e di rocce
Ma senza mai una discesa
La schiena sempre piegata
La voglia sempre di meno
Un futuro più nero
Ma in faccia sempre più bianco
Ma questa vita è una gara
A colpi di picco e pala
Lavoro in nero non paga
Questo non è un film ma una saga
Qua si prende o si lascia
La fame zitta dilaga
Ma nessuno la vede
C’è chi muore sul lavoro
Ma nessuno ci crede
La gente ti parla della legge 626
Si! ma il prezzo e quello giusto e nessuno dice ok
Sono cazzi miei se dopo io rimango secco
Se non arrivo a fine mese e mi tocca premere il grilletto
Ma chi lo ha detto che il lavoro ci nobilita
Se a noi regala solo croci grandi quanto un industria chimica
E questa metrica e per chi ancora non ci crede
Per chi fa le valige e si rivedrà in tempi migliori.

Rit// x 2

Per ogni passo in avanti, ce ne sono cento indietro
per una morte più bianca, c’è un lavoro più nero
per un salario che paga, un’ altra morte si cala
che ti tende la mano per farti cara, cara.

3 Strofa – S’ACRU

Potere ai lavoratori!
potere agli ovili! alla fabbrica! alla strada!
A chi per il piatto di pasta suda la giornata di lavoro!
Guerra! guerra! guerra! alza il culo e combatti i padroni!
Difenditi il paese, il lavoro, la tua campagna, se ci tieni!

Sfruttamento minorile, licenziamenti a valanga,
monti e valli carichi di frustrazioni,
da qua se ne fuggono tutti perché,
con l’Italia futuro non c’è né!
spalare merda da mattina presto,
ricattato col cibo, per prendere quello che prendo…
in Sardigna la vita è cara come il fuoco,
in questo posto la gente sta perdendo tutto,
l’impresa coloniale ha imparato bene il gioco:
il lavoro quando è troppo e quando è niente!

4 Strofa – MALAMENTE

Non piangere figlio mio se mi hanno rovinato la vita
se adesso due ruote trascinano le mie gambe
costretto a restare seduto in carrozzina,uomo grande.
che ha visto lavoro nero da quando era ragazzino!
tra maledizioni e grida di un principale infame!
tiranno che ha voluto un servo e non un lavoratore!
per farsi la case alle mie spalle!
io sempre di corsa in mezzo ad acqua neve e sole!
rischiandola vita per un pezzo di pane duro!
che dovevo inghiottire tutto d'un colpo senz'acqua!
per non tardare e tornare a casa a stare con te.
ingoiando veleno per non avvelenare il mio stesso sangue!
uscivo di testa, oh dio!
lavorando come un pazzo rientrando a casa a uno straccio!
riempiendo le tasche di un padrone dalla bocca di pagliaccio!
che prometteva contratto,soldi,e speranze,
che scrivevo sull'acqua fino a quel giorno maledetto!
caduto da un ponteggio fatto male per la fretta.
con la schiena spaccata e le gambe sanguinanti!
ti scrivo questa lettera dall'ospedale figlio
con il desiderio che scendi e combatti per le strade.
perchè il lavoro nero e un male da fermare!

inviata da DQ82 - 17/4/2012 - 18:13



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org