Lingua   

Cantone pro Rosa, promissa isposa de gherra

Frantziscu Màsala / Francesco Masala
Lingua: Sardo

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Cantone de Giuanna, sa ruja, bagassa de gherra
(Frantziscu Màsala / Francesco Masala)
Requiem pro sos de su tertzu mundu
(Frantziscu Màsala / Francesco Masala)


[1981]‎
Dalla raccolta “Poesias in duas limbas – Poesie bilingui”, Scheiwiller, Milano (2° ed. 1993, 3° ed. ‎‎2006 per i tipi de Il Maestrale di Nuoro).‎
La sezione che include questo "cantone" è intitolata "Cantones pro sos laribiancos", ossia "Ballate per quelli dalle labbra bianche". "Quelli dalle labbra bianche" è prima di tutto il titolo dell'opera prima di Masala, pubblicata nel 1962 da Feltrinelli, racconto dell'epopea della gente di Arasolè, piccola frazione del comune di Tonara, in provincia di Nuoro.
Le "labbra bianche" sono quelle dei morti di fame, dei morti di fatica, dei morti di guerra...
I "cantones" inclusi in quella sezione di "Poesias in duas limbas" sono dunque una trascrizione poetica di quel piccolo romanzo di esordio, quasi un' "Antologia di Spoon River" sarda.

Spedizione italiana in Russia, 1941-43. Prigionieri italiani dell'ARMIR, 1943
Spedizione italiana in Russia, 1941-43. Prigionieri italiani dell'ARMIR, 1943



Frantziscu Màsala a combattere sul fronte russo ci finì venticinquenne. Con lui altri 300.000 giovani, in gran parte convinti di andare a coprirsi di gloria, imboniti dalla retorica fascista. Ne morirono circa 115.000, dei quali 85.000 in poco meno di tre mesi, tra il dicembre 1942 e la primavera successiva, durante la seconda battaglia sul Don, lo sbando e la disastrosa ritirata che ne seguirono...

"... Mette conto di dire che, la guerra, l'ho veramente fatta, sono stato decorato al valor militare, sono stato ferito in combattimento sul fronte russo, cioè, come comunemente si dice, ho versato il sangue per la patria. Ma mi è capitato ciò che già capitò a mio nonno, gambadilegno, che perdette la gamba destra nella Battaglia di Custoza, durante la Terza Guerra d'Indipendenza: anche la mia intrepida gamba destra si è beccata la sua eroica pallottola, russa, stavolta, là, fra il Dnieper e il Don. Voglio dire, insomma, che io e mio nonno, ambedue di nazionalità sarda, abbiamo fatto le guerre italiote: da leali sardi, s'intende, eroi buoni, in tempo di guerra, ma cattivi banditi, in tempo di pace: in guerra, nelle patrie trincee, in pace, nelle patrie galere... [Insomma] la guerra mi tolse, per così dire, dagli occhi, le bende di due retoriche ufficiali: da un lato, quella della "eroica piccola patria sarda" e, dall'altro lato, quella della "grande imperiale patria italiana." ‎
‎(Frantziscu Màsala, da “Il riso sardonico”, 1984)
Cussa, chi bois bidides, bona zente,
intro sa cheja de Arasolè,
cun sa candela in manu,
est Rosa Fae, sa promissa isposa
de Sciarlò, su soldadu, mortu in gherra
dae vint’annos.
Sciarlò, cando fit biu,
faghiat su fraigamuru,
bè… a la narrer franca… su dischente,
ca fit bonu ma iscimpru.
Cando sos fraigamuros
beros, mastros de muru,
dae subra su palcu, tzerriaian:
«Sciarlò, calchina!»,
issu attiat cimentu;
si li tzerriaian:
«Sciarlò, cimentu!»,
issu attiat calchina.
E àtteras cosas gai.
No diventeit mai «mastru de muru»,
ma totu cantos li cheriamus bene,
ca fit iscimpru ma bonu.
Pro cussu si ch’est mortu,
comente unu piogu,
brinchende subra una mina,
addae, in terra ’e Russia.
Sun passados vint’annos,
ma Rosa, fittiana,
est sa promissa isposa de Sciarlò,
pudda muda e fidele.
Miràdela, mirade, bona zente,
cun sa candela in manu,
sicca, groga, runzosa,
una bajana viuda.
Chena nisciunu dùbiu,
Rosa ch’at sistemadu
Sciarlò in Paradisu.
E, in chelu, segundu Rosa,
Sciarlò est diventadu
unu «mastru de muru»
e at fraigadu, in vint’annos, una domo
pro sa pramma dorada, sa fidele
promissa isposa Rosa,
una domo chepparis
a su Palatu ’e Donna Filiana,
sa ricca proprietària ’e Arasolè,
cun s’appusentu mannu,
ruju e biaittu,
e unu lettu mannu de isposos,
cun sa fressada manna,
ruja e biaitta,
pro sa pramma dorada, sa fidele
promissa isposa Rosa.
Dae vint’annos, donzi notte,
s’impromissa isposa Rosa
che ponet intro unu bàntzigu
su fizu de Sciarlò,
fattu de istratzos,
dae vint’annos, donzi notte,
cun sa cara ’e arveghe macca,
subra su bàntzigu cantat
bélidos de anninnia.

inviata da Bartleby - 6/1/2012 - 22:23



Lingua: Italiano

Versione italiana di Francesco Masala
BALLATA PER ROSA, FIDANZATA DI GUERRA

Quella che vedete, gente,
dentro la chiesetta di Arasolè,
col cero acceso in mano,
è Rosa Fae, la fidanzata
del soldato Sciarlò, morto in guerra
venti anni fa.
Sciarlò, da vivo,
faceva il muratore,
bè… in verità… l’aiuto muratore,
perché era buono ma distratto.
Quando i muratori veri,
i ‘maestri di muro’,
dall’alto dell’impalcatura,
gridavano: «Sciarlò, calce!»,
lui portava cemento;
se gli gridavano:
«Sciarlò, cemento!»,
lui portava calce.
E cose così.
Non diventò mai ‘maestro di muro’,
ma gli volevamo tutti bene
perché era distratto ma buono.
Per questo è morto,
come un pidocchio,
saltando su di una mina,
là, in terra di Russia.
Son passati venti anni,
ma Rosa è ancora
la fidanzata di Sciarlò,
gallina muta e fedele.
Guardatela, guardatela, gente,
col cero acceso in mano,
secca, gialla, rognosa,
una zitella vedova.
Senza il minimo dubbio,
Rosa ha collocato
Sciarlò in Paradiso.
E, in cielo, secondo Rosa,
Sciarlò è diventato
un ‘maestro di muro’,
e ha costruito, in vent’anni,
per la palma adorata, la fedele
fidanzata Rosa,
una casa simile, molto simile
al Palazzo di Donna Filiana,
la ricca proprietaria di Arasolè,
con una grande stanza da letto,
rosa e azzurra,
e un grande letto matrimoniale,
con una grande coperta,
rosa e azzurra,
per la palma adorata, la fedele
fidanzata Rosa.
Da vent’anni, ogni notte,
la fidanzata Rosa
depone in una culla
il figlio di Sciarlò,
fatto di stracci,
da vent’anni, ogni notte,
con viso di pecora impazzita,
china sopra la culla,
bela una ninna-nanna.

inviata da Bartleby - 6/1/2012 - 22:24



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org