Lingua   

Un novembre d’inferno

La Kunturia
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

‘sta terra
(La Kunturia)
Dollari e martiri
(La Kunturia)


[2009]
Album "Ed è così che andò"
Scritta da David Navarria

bronte2


Briganti contro l'invasore piemontese? Partigiani contro il tedesco invasore?
Il brano non è scritto in lingua siciliana ma italiana... Allora, forse, gli uni e gli altri...
C’è una casa al riparo dal vento
e dal freddo di un novembre d’inverno;
c’era un uomo che con gli occhi al cielo
gridò: “sta arrivando l’inferno”.
La campagna vestita di giallo
si infiammò ai bagliori di guerra;
si strappò il suo vestito più bello
e la terra sporcò il suo mantello
di neve che invano tentava a coprire
lo schifo del mondo,
lo schifo del mondo.

E tu dormi, dormi che
fuori c’è un mondo che non ti merita.
Dormi, dormi che
fuori c’è un freddo cane che nevica.

“C’è una strada al di là di quel fiume
e non c’è ponte che vi possa aiutare”,
ma una donna ci disse: “più in là
c’è una casa e ci si può riparare”.
Camminare tra strade di fango
inciampando tra preghiere e lamenti;
un tramonto di fuoco sul cielo
e la sera cosparse il suo velo
di buio che invano tentava a coprire
lo schifo del mondo,
lo schifo del mondo.

E tu dormi, dormi che
fuori c’è un mondo che non ti merita.
Dormi, dormi che
fuori c’è un freddo cane che nevica.

inviata da Bartleby - 6/1/2012 - 10:56



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org