Lingua   

Cantone de s'òmine in su fossu

Frantziscu Màsala / Francesco Masala
Lingua: Sardo

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Eja
(Dr. Drer & Crc Posse)
Cantone pro sa morte de unu soldadu iscimpru
(Frantziscu Màsala / Francesco Masala)
Cantone de su crabarzu de sa Costa Ismeralda
(Frantziscu Màsala / Francesco Masala)


‎[1981]‎
Dalla raccolta “Poesias in duas limbas – Poesie bilingui”, Scheiwiller, Milano (2° ed. 1993, 3° ed. ‎‎2006 per i tipi de Il Maestrale di Nuoro).‎





Non credo che questa poesia sia mai stata messa in musica ma si tratta pur sempre di una ballata e le ‎ballate presuppongono sempre una musica, anche se non c’è… E poi tutte le composizioni, di ‎questo grande poesta sardo, scomparso nel 2007, sono sempre intrise della musicalità della sua ‎terra…‎

Sono nato in un villaggio di contadini e di pastori, fra Goceano e Logudoro, nella ‎Sardegna settentrionale e, durante la mia infanzia, ho sentito parlare e ho parlato solo in lingua ‎sarda: in prima elementare, il maestro, un uomo severo sempre vestito di nero, ci proibì, a me e ai ‎miei coetanei, di parlare nell'unica lingua che conoscevamo e ci obbligò a parlare in lingua italiana, ‎la “lingua della Patria”, ci disse. ‎
Fu così che, da vivaci e intelligenti che eravamo, diventammo, tutti, tonti e tristi. ‎
‎(Frantziscu Màsala, da “Il Parroco di Arasolé”, Edizioni Il Maestrale, 2001)
Ehi, bona zente, leàde unu che a mie, ‎
mesu òmine e mesu arveghe, ‎
pasturighènde in losas de nuraghes, ‎
e faghidèli custa brulla: ‎
ponìdeli subra sa conca una raffineria de petroliu ‎
de unu matimànnu milanesu. ‎

Ehi, bona zente, leàde unu che a mie, ‎
unu bòe muliàke ‎
in tancas de murdègu e de iscrarèu, ‎
e faghìdeli custa brulla: ‎
ponìdeli unu cacciavite in manu, ‎
a fàgher su sagrestanu ‎
in sas cresias de Deus Ozudepèdra. ‎

Ehi, bona zente, leàde unu che a mie, ‎
unu crapàrzu cun sa cara' e beccu, ‎
e faghideli custa brulla: ‎
ponìdeli una este e' camerèri ‎
in zillèri de sa Costa lsmeralda, ‎
inùe s'iscàldana su culu ‎
sos prinzipales mussulmanos. ‎

Ehi, bona zente, leàde unu che a mie, ‎
piscadòre de pische de Aristànis, ‎
in vassònes de giuncu, ‎
e faghideli custa brulla: ‎
ponidechèli in mesu a sa pischìna ‎
una fràbica de nèula, ‎
gàrriga de mercuriu e de catramu. ‎

Ehi, bona zente, leàde unu che a mie,
bogadòre de ortìgiu,
cun istràles de fogu,
e faghideli custa brulla:
ponidechèlu in mesu a milli mìssiles,
in sas pedras de fogu
de una tanca de tiru americana

Ehi, bona zente, ite creides chi fàtat, ‎
tando, unu comente a mie? ‎
Che ruet in su fossu! ‎
Che ruet in su fossu!! ‎
Che ruet in su fossu!!! ‎
E andàde in ora mala. ‎

inviata da Bartleby - 5/1/2012 - 15:02



Lingua: Italiano

Versione italiana di Francesco Masala.
Ho preferito non trascrivere il testo ma proporlo con una sequenza di tavole dell’artista Lorenzo ‎Vacca trovata sul sito dello scrittore e giornalista sardo ‎‎Gianfranco Pintore.‎
BALLATA DELL’UOMO NEL FOSSO

uomofosso1uomofosso2uomofosso3uomofosso4uomofosso5
uomofosso6

inviata da Bartleby - 5/1/2012 - 15:04



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org