Lingua   

Strane famigghie

Anna Barile
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Tanto pe' magnà
(Anna Barile)
Su, all'aquilani vada il capitale...
(Anna Barile)
Stati d'emergenza
(Anna Barile)


Testo di Anna Barile
sull'aria de "La strana famiglia" di Giorgio Gaber
Qui ci stanno troppi bastardi,
fanno lavori senza riguardi
pe' guadagnarsi tanti miliardi,
queste son cricche, cosche e famiglie,
lasciano tutto a figli e figlie,
spolpano all'osso tutta l'Italia.

Vincono sempre tutte le gare,
sia sulla terra che in cielo e in mare
con questa legge parlamentare,
mentre noi abbiam perso il posto,
pagheremo tutte le tasse
ma andiamo avanti e terremo tosto.

Questo è il progresso
senza alcun nesso,
fanno disastri
fin troppo spesso


Pronto, pronto, pronto
stiam diventando tutti coglioni,
pronto, pronto, pronto
con Minzolini e con la Rai.

Senza nessuna garanzia
ogni tanto un lavoro si avvia,
dice che stiamo in democrazia
fanno rotonde, grossi parcheggi
che ci rovinano tutti i paesaggi,
a noi ce restano solo svantaggi.

Sempre la cricca vince l'appalto,
l'ordine viene sempre dall'alto
ma specialmente da "Testa d'asfalto",
nel bel paese sorridente
dove si specula allegramente
sempre alle spalle della gente.

Infrastrutture
insicure
impalcature
durature


Tonti, tonti, tonti
aprite l'occhi e state in campana,
rubano sui conti
qui nello stato della banana...

inviata da CCG/AWS Staff - 5/12/2011 - 23:42



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org