Lingua   

Dialogo telefonico fra Bush e Berlusconi (Lu nanettu ridi ridi)

Fortunato Sindoni
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Cantata NO MUOS
(Matilde Politi)
È triste
(Fortunato Sindoni)
A Comiso
(Fortunato Sindoni)


[2003]
Scritta e cantata da Fortunato Sindoni
Album: Musica & Parole
BerlusBerlusconi e Bush a RomaGeorge Bush aveva appena pronunciato il discorso sullo stato dell'Unione nel quale aveva ribadito la volontà nel procedere verso la guerra all'Iraq alla testa di una coalizione di paesi; rispose a tambur battente Berlusconi (il nanetto ridi ridi) che il 30 gennaio arriva a Washington, dopo l'incontro a Londra con l'altro forte sostenitore della linea Usa, Tony Blair, e dopo aver firmato il documento congiunto dei sette paesi europei che si sono pronunciati a favore della linea bellicista della Casa Bianca, per schierare l'Italia a fianco del presidente americano.
Prima del breve vertice del 30 gennaio i due compari interpretarono davanti ai giornalisti un duetto imperialista coi fiocchi. Bush esordisce ricordando la grande amicizia tra Italia e USA e si dice "particolarmente grato a Silvio Berlusconi perché con gli altri amici europei ha chiarito a tutti che Saddam Hussein è una minaccia per la pace. La dichiarazione comune degli otto leader europei fu una forte dichiarazione di volontà di sostegno agli Stati Uniti". Berlusconi incassa l'elogio per essere stato tra i protagonisti della spaccatura pro USA del fronte europeo e rincara la dose delle pretestuose accuse imperialiste contro Saddam: "temiamo che dopo la serie di attentati culminati con quello dell'11 settembre 2001 possa esserci l'intenzione di provocare una nuova grande strage usando stavolta le armi biologiche e chimiche che sono, che erano nella disponibilità dell'Iraq". Afferma che la risoluzione 1441 dell'ONU "va assolutamente rispettata" ma soprattutto che è venuto a Washington per "dare una mano al mio amico Bush, per ribadire che è nell'interesse di tutti, Unione Europea, Federazione russa, tutti insomma, di disarmare l'Iraq".
Se la guerra all'Iraq, ribadisce Bush, "è una questione di settimane, non di mesi" e potrebbe essere evitata solo se Saddam si convincesse a "lasciare il suo paese", Berlusconi conferma che l'Italia non invierà dei soldati perché "sarebbero di impaccio", ma contribuirà fornendo le basi aeree, il permesso al sorvolo e assistenza logistica e penserà "poi a intervenire dopo la vittoria militare", come in Afghanistan, perché "dobbiamo non solo vincere la guerra ma anche vincere la pace", ovvero controllare l'Iraq e le sue riserve petrolifere. «La guerra è inevitabile, – afferma Berlusconi dopo aver ipocritamente augurato che possa essere ancora evitata, – perché all'ONU gli USA presenteranno "prove inoppugnabili" contro Saddam. Con queste prove, sottintende Berlusconi, anche il Consiglio di sicurezza dell'ONU non potrà dire di no all'aggressione e così sarà contento anche l'altro suo amico Putin, che va a trovare il 3 febbraio, e che chiede appunto solo un pò più di tempo per gli ispettori e che sia l'organizzazione imperialista a gestire la guerra. Che Bush passerà attraverso la discussione e l'approvazione dell'ONU è l'arma vincente, secondo Berlusconi, per convincere anche la Francia e si impegna a telefonare personalmente a Chirac per spiegarglielo. Probabilmente sarà più decisivo l'intervento successivo di Blair su Chirac, ma ciò non toglie che anche il neo-duce vuol mettere il suo cappello sull'iniziativa per convincere Parigi e poter dire ho dato una mano anch'io.
Bush e Berlusconi si comportano proprio come i nuovi Hitler e Mussolini. L'Hitler della Casa Bianca muove le sue armate per estendere il controllo dell'imperialismo americano sul mondo, il neo-duce di Palazzo Chigi si schiera al suo fianco e cuce sulle spalle dell'imperialismo italiano i galloni di fedele alleato degli USA ma, cosiccome nella passata alleanza nazifascista, non si accontenterebbe di un semplice ruolo da valletto; vorrebbe essere protagonista attivo nel convincere gli alleati europei riottosi a schierarsi con gli USA, a spaccare il fronte europeo del no alla guerra unilaterale degli USA guidato sempre più debolmente da Francia e Germania, a lisciare il pelo a Putin. Cercherà così di passare poi all'incasso dei meriti imperialisti acquisiti nel momento della spartizione delle spoglie dell'Iraq invaso..
Lu nanettu ridi-ridi ci -telefona au cow-boy
e ci dici: « Caru Giorgiu, chisti sunnu cacchi tòi
câ to guerra iu nun c'entru, sugnu non-billigeranti
lu sundaggiu nun cunsenti di aiutàriti all'istanti,
lu sundaggiu nun cunsenti di aiutarti all'istanti.. »

Lu Giorgettu ci arrispùnni: « Statti puru sutta 'u lettu,
quannu la guerra finisci, curri prestu – ccà t'aspettu
ai me pedi iu ti vogghiu, comu tu hai sempri fattu
jo ti jinchiu 'u portafogghiu e tu mi licchi comu un jattu,
jo ti jinchiu 'u portafogghiu e tu mi licchi comu un jattu...

Eccòmi, nanò.. ridi, ridi?...'Un m'arrispùnni? »

« Caru Giorgiu, nta l'Italia nun è comu nta to terra
puru si jo tegnu 'i sordi -nun mi vonnu fari 'a guerra,
tu però mi poi aiutari, quannu smetti 'i bummardari
tutta 'sta gran camurrìa di davanti m'ha' livàri,
tutta 'sta gran camurrìa 'i davanti m'ha' livàri!

E accussì ca 'u nostru nanu-ridi-ridi esponi -sempri pi telefonu- ..menu mali ca nuatri 'un 'u sapemu, 'a so teoria 'un sacciu si vi rihurdàti.. 'a teoria dâ P2.. quannu a P2 vuleva arrivari ô guvernu..

« 'U guvernu ca ju vogghju, 'u studiaj da pidduista
nun ci su' cchiù opposizioni e né mancu comunista,
quali chiazzi e parramentu? Libbirta' però ci voli
e la libbirta' sta sulu -nta li me televisioni,
e la libbirta' sta sulu nna li me televisioni.

Si la genti voli 'a paci cu lu papa a la finestra
jó mi scantu ca stavota fannu fora 'u centru-destra
si ti sugnu allïàtu, ma nun staju a lu to latu
fazzu 'u jocu di tri carti, tantu ci sugnu abituatu,
fazzu 'u jocu di tri carti, tantu ci sugnu abituatu.

E allura, chi ci arrispunnìu 'u cow-boy?

« Caru nanu-ridi-ridi – Giorgiu ci arrispunnìu puru –
'stu to fari a mia mi pari 'na pigghiata pi lu culu
tu nun sai propriu chi fari, ma ju 'un addiventu pazzu
ti stai cumpurtannu comu 'na bannera 'i cannavàzzu,
ti stai cumpurtannu comu 'na bannera 'i cannavazzu »

E finarmenti, pi chiùjiri 'sta telefunata.. George Bush, 'u cow-boy,
dichiara 'u so essiri un veru omu ! Ammucciatu, però, darreri 'i televisioni..
e ci dici a nano-ridi-ridi :


« Veru omu sugnu jó cu me cumpareddu Tony
sulu ca nui cummattèmu nta li televisioni
comu fa Saddam Hussein puru iddu tali e quali..
nui taliamu.. e c'è cu mori.. pi lu nostru capitali,
Nui taliamu e c'è cu mori pi lu nostru capitali ! »

inviata da giorgio - 21/6/2011 - 08:23



Lingua: Italiano

Versione italiana
IL NANETTO CHE SORRIDE

Il nanetto ridi-ridi telefona al cow-boy
e gli dice: « Caro George, questi son fatti tuoi
con la tua guerra io non c'entro, sono non-belligerante
il sondaggio non consente di aiutarti ora come ora
il sondaggio non consente di aiutarti proprio ora »

George jr gli risponde: « Rimani pur nascosto (codardo),
quando la guerra finirà, correrai subito – qui ti voglio
sarai qui ai miei piedi come hai sempre fatto
io ti riempio il portafogli e tu mi lecchi come un gatto,
io ti riempio il portafogli e tu mi lecchi come un gatto..

Eccome, nanò!.. Che fa ridi? Non rispondi ?

« Caro George, qui in Italia non è come nella tua terra
anche se ho tanti quattrini non mi vogliono fare la guerra
perciò vienimi incontro, quando smetti di bombardare
e tutta questa gran camurrìa (1) toglimela dai piedi,
e tutta questa gran camurrìa (1) toglimela dai piedi!

E così il nostro nano-che-sorride espone –sempre per telefono- meno male che non lo sappiamo, la sua teoria.. non so se vi ricodate? la teoria della P2... quando la P2 voleva arrivare al governo..

« Il governo che io voglio, lo progettai da pidduista
non ci sono più opposizioni e neanche comunisti,
quali piazze e parlamento? – Libertà però ci vuole
e la libertà sta solo nelle mie televisioni,
e la libertà sta solo nelle mie televisioni.

Se la gente vuole la pace con il papa alla finestra
ho paura che stavolta fanno fuori il centro-destra
se ti sono alleato ma non sono proprio al tuo fianco
faccio il gioco delle tre carte, tanto ci sono ormai abituato,
faccio il gioco delle tre carte, tanto ci sono ormai abituato.

E allora, cosa gli rispose il cow-boy ?

« Caro nano che sorride – George gli rispose allora –
questo tuo comportamento a me sembra una presa per il culo,
sei piuttosto confuso ma non riuscirai a farmi impazzire
ti stai comportando come una bandiera di cannavazzu (2)
ti stai comportando come una bandiera di cannavazzu »

E finalmente, per concludere la telefonata.. George Bush, il cow-boy, dichiara al nanetto il suo essere un vero uomo ! Nascosto. però, dietro alle televisioni..
e dice a nano che sorride :


« Un vero uomo sono io ! col mio comparello Tony,
solo che noi pugnamo esclusivamente nelle televisioni
come fa Saddam Hussein pure lui tale e quale..
noi guardiamo... e c'è chi muore.. per il nostro capitale,
noi guardiamo e c'è chi muore per il nostro capitale ! »
Note:

(1) camurrìa: grosso fastidio, grande seccatura (lett. gonorrea).

(2) bannèra ' cannavàzzu: banderuola (lett. bandiera di stracci).

inviata da giorgio - 22/6/2011 - 09:28


Grazie, Giorgio

Fortunato Sindoni - 21/4/2016 - 14:12



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org