Lingua   

Killing In The Name

Rage Against The Machine
Lingua: Inglese

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Il tuo nemico
(Fluxus)
Black Spartacus Heart Attack Machine‎
(The Nightwatchman)
The Preacher and the Slave, or Pie in the Sky, or Long Haired Preachers
(Joe Hill)


rag[1992]


La versione USA del brano, abrasivo e costituito da un testo in sei spezzoni, fu di un minuto più corta di quella originale. Ciò fu dovuto alla rimozione della frase "Fuck you I won't do what you tell me" ("Vaffanculo, non farò quello che mi ordini"), ripetuta sedici volte. La canzone originale fu trasmessa per sbaglio da BBC Radio One.

Secondo Tom Morello, «la frase “vaffanculo, non farò quel che mi dici” esprime un sentire universale. Il testo è semplice, ma credo sia uno dei migliori scritti da Zack de la Rocha. Per come la vedo io, ha a che fare con Frederick Douglass», il politico americano abolizionista vissuto nell’Ottocento, nato schiavo e primo afroamericano ad essere candidato alla vicepresidenza degli Stati Uniti. «È stato Frederick Douglass a dire che il momento in cui ha acquistato la libertà non è quello in cui ha ottenuto la libertà fisica, è stato quello in cui il padrone ha detto “sì” e lui ha risposto “no”. È questa è l’essenza della frase “vaffanculo, non farò quel che mi dici”. Ed è per questo che è bello sentirlo urlare contro gli sgherri della Fed che sparano lacrimogeni contro i cittadini americani».

«Stavo dando lezioni di chitarra a un musicista locale già esperto e gli stavo mostrando come suonare l’accordatura abbassata, la Drop-D. Me l’aveva insegnata Maynard Keenan dei Tool. All’epoca suonavo il basso, uno schifoso basso Ibanez, e riflettevo sul fatto che quando suonavo con l’accordatura abbassata le dita erano spinte a fare movimenti diversi. La prima cosa che ho suonato è stato quel riff. Ho preso il mio piccolo registratore Radio Shack e l’ho registrato».

Tom Morello: «‘Killing in the Name’ è lo schiavo che dice di no al padrone»
Killing in the name of!
Some of those that work forces, are the same that burn crosses
Some of those that work forces, are the same that burn crosses
Some of those that work forces, are the same that burn crosses
Some of those that work forces, are the same that burn crosses
Huh!

Killing in the name of!
Killing in the name of

And now you do what they told ya
And now you do what they told ya
And now you do what they told ya
And now you do what they told ya
And now you do what they told ya
And now you do what they told ya
And now you do what they told ya
And now you do what they told ya
And now you do what they told ya
And now you do what they told ya
And now you do what they told ya
But now you do what they told ya
Well now you do what they told ya

Those who died are justified, for wearing the badge, they're the chosen whites
You justify those that died by wearing the badge, they're the chosen whites
Those who died are justified, for wearing the badge, they're the chosen whites
You justify those that died by wearing the badge, they're the chosen whites

Some of those that work forces, are the same that burn crosses
Some of those that work forces, are the same that burn crosses
Some of those that work forces, are the same that burn crosses
Some of those that work forces, are the same that burn crosses
Uggh!

Killing in the name of!
Killing in the name of

And now you do what they told ya
And now you do what they told ya
And now you do what they told ya
And now you do what they told ya
And now you do what they told ya, now you're under control
And now you do what they told ya, now you're under control
And now you do what they told ya, now you're under control
And now you do what they told ya, now you're under control
And now you do what they told ya, now you're under control
And now you do what they told ya, now you're under control
And now you do what they told ya, now you're under control
And now you do what they told ya!

Those who died are justified, for wearing the badge, they're the chosen whites
You justify those that died by wearing the badge, they're the chosen whites
Those who died are justified, for wearing the badge, they're the chosen whites
You justify those that died by wearing the badge, they're the chosen whites
Come on!

Yeah! Come on!

Fuck you, I won't do what you tell me
Fuck you, I won't do what you tell me
Fuck you, I won't do what you tell me
Fuck you, I won't do what you tell me
Fuck you, I won't do what you tell me
Fuck you, I won't do what you tell me
Fuck you, I won't do what you tell me
Fuck you, I won't do what you tell me
Fuck you, I won't do what you tell me!
Fuck you, I won't do what you tell me!
Fuck you, I won't do what you tell me!
Fuck you, I won't do what you tell me!
Fuck you, I won't do what you tell me!
Fuck you, I won't do what you tell me!
Fuck you, I won't do what you tell me!
Fuck you, I won't do what you tell me!
Motherfucker!
Uggh!



Lingua: Italiano (Toscano Livornese)

Versione livornese di Riccardo Venturi
24 agosto 2005
(Corretta il 20 gennaio 2016)
AMMAZZA’ NER NOME

Ammazzà’ ner nome di ‘varcuno
Quarcuni de' 'aporioni so' gli stessi 'e bruciano le 'roci [*]
Quarcuni de' 'aporioni so' gli stessi 'e bruciano le 'roci
Quarcuni de' 'aporioni so' gli stessi 'e bruciano le 'roci
Quarcuni de' 'aporioni so' gli stessi 'e bruciano le 'roci
Dé!

Ammazzà’ ner nome di ‘varcuno
Ammazzà’ ner nome di ‘varcuno

E ora fai ‘osa t’hanno detto di fa’,
ma ora fai ‘osa t’hanno detto di fa’,
dé se lo fai, ‘osa t’hanno detto di fa’

A’ morti ‘ni danno ragione d’avé’ portato ir pataccone a stellestrisce,
so’ i bianchi eletti,
A’ morti tu ‘ni dai ragione d’avé’ portato ir pataccone a stellestrisce,
so’ i bianchi eletti

Quarcuni de' 'aporioni so' gli stessi 'e bruciano le 'roci
Quarcuni de' 'aporioni so' gli stessi 'e bruciano le 'roci
Quarcuni de' 'aporioni so' gli stessi 'e bruciano le 'roci
Quarcuni de' 'aporioni so' gli stessi 'e bruciano le 'roci
Boia dé!

Ammazzà’ ner nome di ‘varcuno
Ammazzà’ ner nome di ‘varcuno

E ora fai ‘osa t’hanno detto di fa’,
ma ora fai ‘osa t’hanno detto di fa’, ti ‘ontrollano
e dé se lo fai, ‘osa t’hanno detto di fa’

A’ morti ‘ni danno ragione d’avé’ portato ir pataccone a stellestrisce,
so’ i bianchi eletti,
A’ morti tu ‘ni dai ragione d’avé’ portato ir pataccone a stellestrisce,
so’ i bianchi eletti
gnamo!

Ma ti cào ner muso! ‘Un lo fo, quer che mi dici!
E ti riào ner muso! ‘Un lo fo, quer che mi dici,
te e ir tegamone di tu’ mà!
Dé! E puppamelo!
NOTA

[*] Le 'roci der Kukruskrànne, 'e 'ni pigli un cancro ar culo a loro e a' budelloni delle su' mamme.

inviata da Riccardo Venturi - 24/8/2005 - 02:14




Lingua: Sardo

Versione in sardo di Alessandro Murtas
BOCENDI IN NOMINI DE

Bocendi in nomini de
Cuncuna de cussas massas chi traballant, funt is propias ca ponint fogu a is cruxis
Cuncuna de cussas massas chi traballant, funt is propias ca ponint fogu a is cruxis
Cuncuna de cussas massas chi traballant, funt is propias ca ponint fogu a is cruxis
Cuncuna de cussas massas chi traballant, funt is propias ca ponint fogu a is cruxis

Bocendi in nomini de
Bocendi in nomini de

E imui fai su chi ti narant
E imui fai su chi ti narant
E imui fai su chi ti narant
E imui fai su chi ti narant
E imui fai su chi ti narant
E imui fai su chi ti narant
E imui fai su chi ti narant
E imui fai su chi ti narant
E imui fai su chi ti narant
E imui fai su chi ti narant
E imui fai su chi ti narant
Ma imui fa su chi ti narant
Ajò, imui fai su chi ti narant

Is chi funt motus funt giustificaus, poita potant distintivu, issus funt is biancus fadaus
Tui giustificas is chi funt motus poita potant distintivu, issus funt is biancus fadaus
Tui giustificas is chi funt motus poita potant distintivu, issus funt is biancus fadaus

Cuncuna de cussas massas chi traballant, funt is propias ca ponint fogu a is cruxis
Cuncuna de cussas massas chi traballant, funt is propias ca ponint fogu a is cruxis
Cuncuna de cussas massas chi traballant, funt is propias ca ponint fogu a is cruxis
Cuncuna de cussas massas chi traballant, funt is propias ca ponint fogu a is cruxis

Bocendi in nomini de
Bocendi in nomini de

E imui fai su chi ti narant
E imui fai su chi ti narant
E imui fai su chi ti narant
E imui fai su chi ti narant
E imui fai su chi ti narant
E imui fai su chi ti narant
E imui fai su chi ti narant
E imui fai su chi ti narant, imui ses cuntrollau
E imui fai su chi ti narant, imui ses cuntrollau
E imui fai su chi ti narant, imui ses cuntrollau
E imui fai su chi ti narant, imui ses cuntrollau
E imui fai su chi ti narant, imui ses cuntrollau
E imui fai su chi ti narant, imui ses cuntrollau
E imui fai su chi ti narant, imui ses cuntrollau
E imui fai su chi ti narant!

Is chi funt motus funt giustificaus, poita potant distintivu, issus funt is biancus fadaus
Tui giustificas is chi funt motus poita potant distintivu, issus funt is biancus fadaus
Tui giustificas is chi funt motus poita potant distintivu, issus funt is biancus fadaus
Ajò!

Eja! Ajò!

Codadì, non fatzu su chi mi naras
Codadì, non fatzu su chi mi naras
Codadì, non fatzu su chi mi naras
Codadì, non fatzu su chi mi naras
Codadì, non fatzu su chi mi naras
Codadì, non fatzu su chi mi naras
Codadì, non fatzu su chi mi naras
Codadì, non fatzu su chi mi naras
Codadì, non fatzu su chi mi naras!
Codadì, non fatzu su chi mi naras!
Codadì, non fatzu su chi mi naras!
Codadì, non fatzu su chi mi naras!
Codadì, non fatzu su chi mi naras!
Codadì, non fatzu su chi mi naras!
Codadì, non fatzu su chi mi naras!
Codadì, non fatzu su chi mi naras!
Bot'e merda!

inviata da anon - 11/3/2017 - 03:45


A me sembra sia "some of those who work forces"(tipo:"alcuni di quelli che tirano le fila"...credo), anche perchè se no non riesco proprio a capire il senso.

20/5/2007 - 19:12


"Some of those who work forces, are the same that BURN crosses".
Insomma, è 'na frase assai forte, va citata a modino.

La Scimmia - 10/12/2008 - 19:57


Faccio presente che il titolo corretto del brano è "Killing In The Name", senza quell' "Of" che è pure brutto a vedersi...

Bernart - 12/11/2013 - 08:42


Guardate che avevano ragione l'anonimo nel 2007 e La Scimmia nel 2008: "Some of those that work forces, are the same that burn crosses"
Chissà che e dove aveva pescato 'sto testo sminkio!

Riprendo il testo completo dal sito dei RATM

(sostituito in alto il testo corretto)

Bernart Bartleby - 19/1/2016 - 22:41


Riccardo, mi sa che ne discende una revisione della versione livornese... Ciao!

B.B. - 19/1/2016 - 22:42


Scusate, penso che dal testo si possa togliere quel (7 times) dopo "now you're under control"...

B.B. - 19/1/2016 - 22:56


Fatte tutte le revisioni!

Riccardo Venturi - 20/1/2016 - 06:43


Questa è una canzione anti-polizia: ‘those that work forces’ are those who work in the *police force* = forze di ordine. E naturalmente è sempre vero questo, e non solo in Usa, polizia razzismo violento organizzato.

Mi sembra che nelle vostre traduzioni ci manca questo senso importante (per dirvi la verità capisco solo un piccolo po’ di italiano, e non ci riesco a capire le vostre traduzioni).

David B - 23/6/2019 - 19:21



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org