Lingua   

Chant pour Nguyen Van Troi

Francesca Solleville
Lingua: Italiano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Le condamné à mort
(Nicolas-Roland Monjourdain)
Viêt Nam
(Francesca Solleville)
Vivir como él (Cantata popular)
(Quilapayún)


‎[1972]‎
Parole di Mireille Gansel (probabilmente dai versi di una qualche poesia di autore vietnamita)‎
Musica di Jean Paul Roseau
Album “Poèmes Vietnamiens chantés par Francesca Solleville”, Editions Combat pour la paix

Per sapere chi sia stato Nguyen Van Troi, si veda The Unconquerable Van Troi.

nguyenvantroi
Des quatre côtés
L'étau de la mort
Sans arbres, sans feuilles, sans nuages, sans la voûte du firmament

Mais il est plus frais que la fleur qui vient d'éclore
Plus pur que le bleu du ciel pur, l'amour
L'amour dans la cellule
Du condamné à mort
Et même les barreaux de fer
Épanouissent des bourgeons et des coroles

inviata da The Lone Ranger - 29/7/2010 - 11:52



Lingua: Italiano

Versione italiana de Il Contemporaneo

Canzoniere Il Contemporaneo, LP Canto ai Popoli, Milano, 1974
Canto dei popoli

CANTO PER NGUYEN VAN TROI

Dai quattro canti
la morsa della morte,
senz'albero né
foglia né nube,
senza la volta del firmamento,
senza la volta del firmamento.

Ma è più
fresco d'un fiore;
d'un fiore
appena sbocciato,
più puro dell'azzurro d'un cielo terso
è l'amore nella cella del condannato
a morte.

E perfino le
sbarre di ferro
fioriscono di
gemme e corolle,
più puro dell'azzurro d'un cielo terso
è l'amore nella cella del condannato
a morte.

inviata da The Lone Ranger/Dead End - 4/12/2012 - 14:42



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org