Lingua   

Among Those Killed In The Dawn Raid Was A Man Aged A Hundred

Maggie Holland
Lingua: Inglese

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Maggie Holland: Black Cat
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
The Hand That Signed the Paper
(Dylan Thomas)
England's Power and Glory
(Maggie Holland)


Poesia di Dylan Thomas [1940]
Musica e arrangiamento di Maggie Holland e John Renbourne [1981]

Alla perenne ricerca in rete di Canzoni contro la guerra, non mi ero accorto che in una piccola, semidimenticata cassetta stereo registrata tanti e tanti anni fa, Maggie Holland interpretava la sua versione musicata di una delle più belle poesie di Dylan Thomas. Rimedio alla cosa riprendendo il testo della poesia dalla classica edizione thomasiana in lingua italiana, "Poesie" di Dylan Thomas, cura e traduzione di Ariodante Marianni, edizioni Mondadori (Oscar n° 254), Milano, settembre 1971 (IIa edizione), pag. 188.

Dylan Thomas
Dylan Thomas


Nato a Swansea nel 1914, Dylan Marlais Thomas trascorre un'infanzia e un'adolescenza assimilando profondamente la tradizione celtica del Galles. Giornalista, sceneggiatore cinematografico e radiofonico, attore, ineguagliabile dicitore e narratore, ma soprattutto poeta di impetuosa vitalità, a venti anni pubblica il suo primo testo, «Diciotto poesie», e dieci anni dopo «Morti e ingressi», una prima raccolta organica della sua produzione che lo consacrato come uno dei grandi poeti del '900 inglese. Aveva nel frattempo pubblicato anche le prose di «Ritratto dell'artista da giovane cucciolo» e quelle «25 poesie» che suscitarono l'entusiasmo della Sitwell, che ne parlò sul Sunday Times, dandogli immediata fama e divenendo un pò la sua scopritrice, anche se con quell'aria da inglese intellettuale snob attratta dalla vitalità popolare e dal genio imprevedibile e bruto di un giovane fascinoso («È come se Rubens avesse deciso di dipingere un giovane», scrisse). Una vita febbrile e sregolata mina lentamente la sua salute. Compone il dramma per voci «Under Milk Wood» (Un vecchio lupo di mare cieco rimpiange l'amore perduto, Rosie la prostituta, due commercianti si desiderano da sempre, ma solo segretamente; una vedova costringe i suoi due mariti a occuparsi delle faccende domestiche, il pastore, il postino, il panettiere: chi beve, chi sogna, chi ama e chi racconta e commenta questa vita visionaria di un curioso villaggio gallese di pescatori, Llareggub, che letto alla rovescia significa 'fottere tuttì). Dopo averlo consegnato alla radio, parte per un nuovo tour di letture di poesie negli Usa, dove contribuisce allo sviluppo del cinema underground americano, al fianco di Maya Deren. Muore a 39 anni al Roman Catholic Hospital di New York, per emorragia cerebrale, dopo un ricovero per delirium tremens. La leggenda vuole fosse l'ultimo 'poeta maledettò, eccessivo in tutto, grandioso e spaccone, pronto allo scontro fisico (si dice avesse un rituale pugilistico con la moglie, prima di far sesso), come vuole la tradizione di ogni buon gallese. Lasciò tre figli, tra cui Coleen, che oggi vive a Scanno, a pochi chilometri da Sulmona, dove un Festival propone tre film per rendere omaggio al grande poeta gallese: «Under milk wood», con Richard Burton, Liz Taylor e Peter O'Toole (1985); il documentario «Dylan on Dylan» (2002) di Andrew Sinclair (ospite della manifestazione il 5 e il 6) e il documentario «Dylan Thomas: Under Milk wood» sulla registrazione radiofonica, diretta da Anthony Hopkins, dell'omonimo radiodramma.

http://www.cremonaonline.it/cultura/contenuti/indexxhtml/cat_994
When the morning was waking over the war
He put on his clothes and stepped out and he died,
The locks yawned loose and a blast blew them wide,
He dropped where he loved on the burst pavement stone
And the funeral grains of the slaughtered floor.
Tell his street on its back he stopped a sun
And the craters of his eyes grew springshots and fire
When all the keys shot from the locks, and rang.
Dig no more for the chains of his grey-haired heart.
The heavenly ambulance drawn by a wound
Assembling waits for the spade's ring on the cage.
O keep his bones away from the common cart,
The morning is flying on the wings of his age
And a hundred storks perch on the sun's right hand.

inviata da Riccardo Venturi - 21/6/2005 - 01:54



Lingua: Italiano

Versione italiana di Ariodante Marianni
da: Dylan Thomas, "Poesie" [si veda l'introduzione per i dati bibliografici]
FRA LE VITTIME DELL'INCURSIONE ALL'ALBA SI TROVAVA UN UOMO DI CENT'ANNI

Mentre il mattino si svegliava sopra la guerra,
Indossò i suoi vestiti, varcò la soglia e morì;
Le serrature allentate saltarono a uno scoppio:
Cadde lì dove amò, sul marciapiede esploso,
Nella funebre polvere del suolo massacrato.
Dite alla strada capovolta che egli arrestò un sole
E eruttò fiamme e virgulti dai crateri degli occhi
Quando tutte le chiavi caddero dalle toppe e tintinnarono.
Non scavate più per le catene del suo cuore canuto.
L'ambulanza del cielo tratta da una ferita
Aspetta, radunando, il suono della vanga sulla gabbia.
Oh, tenete lontane le sue ossa da quel carro comune;
Il mattino s'invola sulle ali dei suoi anni
E cento cicogne si posano alla destra del sole.

inviata da Riccardo Venturi - 21/6/2005 - 01:59


Riportiamo qui di seguito le note di Ariodante Marianni alla poesia:

v. 3: "The locks". Le serrature, come più oltre le chiavi e le catene, simboleggiano i legami che tenevano unito il corpo del vecchio.

v. 6: "He stopped a sun". Fermò un sole perché da quel momento il sole non brillò più per lui. E' però probabile che "sun" stia per "bomba" e che la frase sia una alterazione dell'espressione slang "to stop a bullet", letteralmente "fermare un proiettile", col significato di esserne colpito.

v. 10: "Drawn by a wound". "Wound" (ferita) è parola usatissima da Thomas con varie intenzioni. Il Tindall pensa che qui possa riferirsi al Cristo, detto altrove "world's wound". "Drawn" ha vari significati; i due più probabili in questo contesto sono "tirata" e "chiamata"; usando "tratta" si è inteso conservare nella traduzione un po' dell'ambiguità presente nell'originale, acquistando il senso di "assembramento di feriti", come traduce Bigongiari. Mi sono allontanato da questa pur valida interpretazione principalmente per due motivi: che si avrebbe l'unico "enjambement" del sonetto e che una stesura precedente del componimento, invece di "assembling", aveva "through ruin".

v. 11: "Cage". La gabbia toracica.

v. 14: "A hundred storks". Le cento cicogne simboleggiano l'età della vittima con un richiamo alle nascite (le cicogne della credenza popolare) che verranno a sostituire la sua esistenza nel mondo.

Riccardo Venturi - 21/6/2005 - 02:05



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org