Lingua   

Boraxo

Malvina Reynolds
Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

Ohio
(Crosby, Stills, Nash & Young)
自衛隊に入ろう/ Jiéitai ni hairō
(高田 渡 / Takada Wataru)
We are Gentle Angry Women (Singing For Our Lives)
(Greenham Common Women's Peace Camp Songbook)


[1969]
Lyrics and music by Malvina Reynolds
Testo e musica di Malvina Reynolds

People's Park, Berkeley, 15 maggio 1969. James Rector colpito a Morte. James Rector shot dead.
People's Park, Berkeley, 15 maggio 1969. James Rector colpito a Morte. James Rector shot dead.




A Berkeley, vicino all’Università della California, c’è una vasta area verde chiamata People’s Park.
Il parco fu voluto dall’Università, ma nel 1967 furono i commercianti, i residenti e gli studenti a farne una “free speach area”, un polmone verde che servisse però anche a luogo d’incontro e di libera discussione per la cittadinanza e gli studenti. Nel 1969 più di 1000 volontari allestirono in breve tempo il People’s Park, senza che le autorità locali e universitarie vi si opponessero.
Ma l’allora governatore della California, il futuro presidente Ronald Reagan, pensava che quel parco fosse solo il luogo d’incontro per “simpatizzanti comunisti, contestatori e sessualmente deviati”. E il 15 maggio 1969 mandò la polizia a riprendersi People’s Park. Fra i poliziotti si distinserò per particolare ferocia i cosiddetti “Blue Meanies” della contea di Alameda, molti dei quali veterani del Vietnam, che consideravano i giovani che si opponevano allo sgombero quasi fossero dei vietcong. Grazie alle istruzioni impartite da Reagan e dal suo “uomo d’ordine” Edwin Meese, la polizia impegnata nell’operazione fu autorizzata a far uso di armi da guerra, come il gas CS gettato sulla folla dagli elicotteri e gli “00 buckshot”, delle munizioni molto più grandi dei già pericolosi proiettili di gomma… Furono proprio questi proiettili ad uccidere il giovane James Rector e a renderne per sempre cieco un altro, Alan Blanchard. Rector era uno studente, Blanchard un muratore, e nemmeno erano attivisti o coinvolti nella protesta. Altri 128 residenti di Berkeley risultarono gravemente feriti.
Non contento, Reagan mandò la guardia nazionale, con i fucili a baionetta innestata, a rinforzo della polizia. Il 30 maggio una folla gigantesca marciò sul People’s Park e fronteggiò le baionette. Le ragazze mettevano i fiori nei fucili dei soldati, mentre un piccolo aereo sorvolava il parco con uno striscione su cui c’era scritto "Let A Thousand Parks Bloom”.
Questo fu il “Bloody Thursday” del 15 maggio 1969 a Berkeley.
Un anno dopo, il 4 maggio 1970, stessa sorte doveva toccare agli studenti della Kent University, Ohio. Lì i morti furono 4, uccisi dalla guardia nazionale. (fonte: en:wikipedia)

La Reynolds scrisse la canzone dopo che, durante una conferenza stampa sui fatti di Berkeley, un cittadino aveva apostrofato il governatore Reagan urlandogli “Le tue mani grondano del sangue della gente di Berkeley!”. E Reagan, gelido, aveva risposto: “Bene, userò un po’ di Boraxo per lavarmelo via.”. Boraxo è la marca di un noto sapone. Fra l'altro, la cinica battuta di Reagan non era affatto casuale: il pagliaccio, durante la sua carriera cinematografica e pubblicitaria, era stato testimonial del sapone Boraxo:


It's all right, it's all right,
If you're righteous it's all right,
Tho you've had your hands in blood up to the elbow;
You can always wash them clean with Boraxo.
Boraxo, Boraxo, the greatest stuff of all,
Boraxo in the bathroom, detergents in the hall,
Your dainty feet don't touch the street
Like people poor and mean,
And your conscience is washed clean with Boraxo.


The cop shot Rector on the roof,
The cop is clear of blame,
His uniform was spotless,
His rifle was the same.
The coppers carry dark wood clubs
So blood can not be seen,
And they always wash them clean
With Boraxo.

It's all right, it's all right,
If you're righteous it's all right,
Tho you've had your hands in blood up to the elbow;
You can always wash them clean with Boraxo.
Boraxo, Boraxo, the greatest stuff of all,
Boraxo in the bathroom, detergents in the hall,
Your dainty feet don't touch the street
Like people poor and mean,
And your conscience is washed clean with Boraxo.


The student is protesting,
The copper clubs his hair.
His head is private property
But no one seems to care.
The happiness he's fighting for
Is earth and life and green,
And it can't be scoured clean
With Boraxo.

It's all right, it's all right,
If you're righteous it's all right,
Tho you've had your hands in blood up to the elbow;
You can always wash them clean with Boraxo.
Boraxo, Boraxo, the greatest stuff of all,
Boraxo in the bathroom, detergents in the hall,
Your dainty feet don't touch the street
Like people poor and mean,
And your conscience is washed clean with Boraxo.

inviata da Alessandro - 9/6/2009 - 11:47



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org