Language   

Il fascino della divisa

Giuseppe Mereu [Doc Pippus]
Language: Italian


Related Songs

Il Legapenista
(Beppe Chierici)
Andalusia
(Mireille Safa)
Canto della memoria
(Giuseppe Mereu [Doc Pippus])


2019
Nuovo Cantacronache 5
5
Testo di Salvo Lo Galbo
Musica di Giuseppe Mereu

Dopo i CD di Mireille Safa, Beppe Chierici, Igor Lampis e Malva, ecco arrivare il “Nuovo Cantacronache 5” del musicista sardo Doc Pippus (al secolo Giuseppe Mereu), quinta perla di una collana che ha preso il via nel 2017 su impulso di Margot Galante Garrone (la mitica “Margot” dei Cantacronache) e di Beppe Chierici (traduttore e amico di Georges Brassens). Una serie edita dal Cenacolo di Ares che ripropone la tradizione del gruppo “Cantacronache“, operante negli anni 50-60, che si prefiggeva di “evadere dall’evasione” (slogan coniato da Italo Calvino, che ne faceva parte) contrapponendosi al costante disimpegno della musica che definiva “gastronomica” e che noi oggi, nell’epoca del digitale e di internet, potremmo chiamare “mordi e fuggi”.
Tornando al CD di Doc Pippus, esso comprende dodici brani, nei quali la purezza dei testi del poeta siciliano Salvo Lo Galbo (nove) e di Beppe Chierici (tre) si amalgama alla perfezione con musica, arrangiamenti e voce del cantante e compositore sardo. La presentazione in copertina è di Malva mentre, per la parte grafica, ad appagare la vista ci pensano i bei bozzetti di Dario Faggella, illustratore delle opere di Chierici, al cui estro creativo sono stati affidati tutti i CD della collana.

Tra queste due canzoni, “Il fascino della divisa”, con testo di Lo Galbo, denota l’innegabile influenza di un “certo” Brassens, di cui l’autore (come del resto anche Chierici) è apprezzato traduttore.

introduzione
Si dice che è il mestiere
più infame che ci sia,
essere in polizia,
esser carabiniere.
Gli epiteti tralascio,
acab, servi, ghisa.
Ce l’han solo col fasc…,
col fascino della divisa.
Ce l’han solo col fasc…,
col fascino della divisa.

Quanti ci gridan “Via!”
e ci accorgiamo in fondo
come senza noi il mondo
sarebbe l’anarchia.
Sarebbe il catafascio
ed ogni legge irrisa,
un mondo senza il fasc…,
il fascino della divisa.
Un mondo senza fasc…,
più fascino della divisa.

Si prezzola lo sgherro
perché ogni tuo mugugno
sganasci con il pugno
- ti dicono - del ferro.
Io che in tv sganascio
soltanto dalle risa,
ti ferro solo al fasc…,
al fascino della divisa.
Ti ferro solo al fasc…,
al fascino della divisa.

Di certo, di sbaciucchi
non copro il farabutto.
Però se dopotutto
le cerchi, te le cucchi!
Ma morti non ne lascio!
L’epilessia l’ha uccisa
la vittima del fasc…,
del fascino della divisa.
La vittima del fasc…,
del fascino della divisa.

Se qualcosa va male,
se servo come capro
o col mio caso apro
storie più in generale,
comunque del rilascio
più breve mi si avvisa.
Fedele sempre al fasc…,
al fascino della divisa.
Fedele sempre al fasc…,
al fascino della divisa.

Se in cassazione incasso
‘sto piccolo sinistro,
se m’autosomministro
‘sto piccolo salasso,
se fingo che mi accascio,
lo Stato mi ri-issa
dal mio, dal mio rovescio
con la sua faccia incisa.
L’altra faccia del fasc…,
del fascino della divisa.

Contributed by Dq82 - 2021/4/4 - 12:03



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org