Language   

La piccatura

Rosa Balistreri
Language: Sicilian

List of versions


Related Songs

L'angelo caduto
(Nomadi)
Ti ricordi Nina
(Gianni Nebbiosi)
Ballata dell'anonimo sovversivo
(Massimiliano Larocca)


La piccatura
[1975 ]

Film / Movie / Elokuva:
Pier Ludovico Pavoni
La peccatrice

Testo / Lyrics / Paroles / Sanat :
Biagio Fichera

Musica / Music / Musique / Sävel:
Fabio Frizzi, Franco Bixio, Vincenzo Tempera

Interpreti / Performed by / Interprétée par / Laulavat:
Rosa Balistreri

Album: La Piccatura





Il film parla di miniere, di femmine affascinanti che fanno perdere la testa, pretesto per allentare i freni inibitori delle donne represse interpreti della violenza di cui è intrecciato l’intero microcosmo. La protagonista, Debra Santalena, è impersonata da Zeudi Araya una femme fatale degli anni settanta, passata nei decenni successivi da attrice ad imprenditrice. Per certe suggestioni il film fa venire in mente, a debita e incolmabile distanza, Zorba il greco.
Il vero pezzo forte del film è la colonna sonora con l’interpretazione di Rosa Balistreri.
[Riccardo Gullotta]
All’alba si nni va lu surfataru
si nchiudi ntra lu pettu dâ minera
è chinu di sudura finu a sira
travagghia, la so vita è sempri ḍḍa.

Ma cu l’aspetta nun ci ‘mporta nenti
pirchì li jorna fa li passa chini
chiḍḍ’omu ca lu sangu a li mischini
ci tira jornu e notti e sempri cchju.

E batti, batti batti surfataru
ca lu pani è troppu amaru
e lu ventri dâ minera
ti po’ dari chistu cca.

E batti batti batti surfataru
ca lu scrusciu t’accumpagna
poi cancella li to peni
finu a quannu, quannu?…

Fu l’occhi di na beḍḍa piccatura
ca levanu la paci a la minera
li fimmini ci fannu la sintenza
cunnanna a morti si voli accussì.

Poi la svintura scinni nto paisi
lu ventu è lamintusu nto passari
aḍḍuma l’oliu, abbruscianu li casi
la morti ridi e poi giustizia fa.

E batti, batti batti surfataru
ca lu pani è troppu amaru
e lu ventri dâ minera
ti po’ dari chistu cca.

E batti batti batti surfataru
ca lu scrusciu t’accumpagna
poi cancella li to peni
fino a quannu, quannu…
… li fimmimi ci fannu la sintenza
la morti grida e poi giustizia fa.

Contributed by Riccardo Gullotta - 2021/1/27 - 10:47



Language: Italian

Traduzione italiana / Traduzzioni taliana / Italian translation / Traduction italienne / Italiankielinen käännös:
Riccardo Gullotta
LA PECCATRICE

All’alba s’incammina lo zolfataro
si rinchiude nelle profondità della miniera
è madido di sudore fino a sera
lavora, la sua vita è sempre la.

Ma a chi l’aspetta non importa niente
perché trascorre i giorni nell’abbondanza
quell’uomo che il sangue ai poveri disgraziati
glielo cava giorno e notte , sempre di più.

E batti, batti, batti zolfataro
perché il pane è troppo amaro
ed il ventre della miniera
ti può dare solo questo.

E batti, batti, batti zolfataro
che il rumore ti accompagna
poi cancella le tue pene
fino a quando, quando?

Furono gli occhi di una bella peccatrice
A togliere la pace alla miniera
le donne fanno la sentenza
condanna a morte, così si vuole.

Poi la sventura scende nel paese
il vento diventa un lamentoso passando
accende il combustibile, bruciano case
la morte ride e poi fa giustizia.

E batti, batti, batti zolfataro
perché il pane è troppo amaro
ed il ventre della miniera
ti può dare solo questo.

E batti, batti, batti zolfataro
che il rumore ti accompagna
poi cancella le tue pene
fino a quando, quando?
… le donne fanno la sentenza
la morte grida e poi fa giustizia.

Contributed by Riccardo Gullotta - 2021/1/27 - 10:49



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org