Language   

بشرة خير

Ayman Bahgat
Language: Arabic

List of versions


Related Songs

الشاطئ الاخر
(Dimitri Analis)
يلا ارحل يا بشار
(Ibrahim Qashoush /ابراهيم قاشوش )


Boshret Kheir
[ 2014 ]



النص والموسيقى / Testo e musica / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel :
أيمن بهجت قمر [Ayman Bahgat Qamar]

مطرب / Interpreti / Performed by / Interprétée par / Laulavat:
حسين الجسمي [ Hussain Al Jassmi]


 Proteste antigovernative in Egitto , Settembre 2019 -  2.285 arresti
Proteste antigovernative in Egitto , Settembre 2019 - 2.285 arresti



La canzone Boshret Kheir e l’Egitto

Boshret Kheir é una canzone che ha fatto storia nel senso letterale. È stata, al di là delle aspettative dell’autore, un riuscito veicolo di propaganda per spingere gli Egiziani a recarsi alle urne alle elezioni presidenziali del 2014. L’ affluenza alle urne fu del 47%, il vincitore assoluto con il 97% dei voti fu Abdel Fattah al Sisi , il generale che aveva effettuato l’anno prima un colpo di stato per destituire Mohammed Morsi, leader dei Fratelli Musulmani. Al Sisi raccolse abilmente il consenso del movimento popolare Tamarrod e il supporto internazionale di Usa, Francia e Germania.

Si notano nel video, girato in poco tempo in svariate località egiziane, tante persone di ogni età e occupazione che mostrano dei cartelli con slogan che invitano a votare e cambiare lo stato delle cose. Al Sisi non aveva bisogno di sforzi particolari per vincere, la sua vittoria era scontata. Si adoperò piuttosto per allargare la base dei votanti in modo da presentarsi alle potenze straniere come leader acclamato dal popolo.
La canzone è stata ben accolta a tutti i livelli: il video di youtube, qui proposto, ha totalizzato 430 milioni di visite. Dicono che diede un contributo determinante al consolidamento del consenso popolare attorno alla figura di Al-Sisi nel 2014.
[Riccardo Gullotta]


Nota testuale

Il testo è stato ricostruito e opportunamente editato per renderlo strettamente aderente alla canzone. E’ stata prodotta una corrispondenza tra originale, trascrizione e traduzioni.

[Riccardo Gullotta]
بشرة خير[1]

دي فركة كعب وهتعملها
قصاد الدنيا هتقولها
وخد بقى عهد تعدِلها
سكتت كتير

خَدِت ايه مصر بسكوتك
ماتستخسرش فيها صوتك
بتكتب بكره بشروطك
دي بشرة خير

قوم نادي ع الصعيدي
وابن اخوك البورسعيدي
والشباب الاسكندراني
اللمه دي لمة رجال

وانا هاجي مع السوهاجي والقناوي
والسيناوي والمحلاوي اللي ميه ميه
والنوبه الجُمال

ماتوصيش السوايسه
الدنيا هايصه كده كده
والاسماعلاويه ياما كادوا العدا
كلمني ع الشراقوه
واحنا ويا بعض اقوى
واحنا ويا بعض اقوى[2]
وأملنا كبير

قوم نادي ع الصعيدي
وابن اخوك البورسعيدي
والشباب الاسكندراني
اللمه دي لمة رجال

وانا هاجي مع السوهاجي والقناوي
والسيناوي والمحلاوي اللي ميه ميه
والنوبه الجُمال

ماتوصيش السوايسه
الدنيا هايصه كده كده
والاسماعلاويه ياما كادوا العدا
كلمني ع الشراقوه
واحنا ويا بعض اقوى
واحنا ويا بعض اقوى
وأملنا كبير

بحيري منوفي أو دمياطي
دول اقربلي من اخواتي
حلايب أهل وقرايب
ناديلهم رح


واكتر حاجه فيها ميزة
نشوف حبايبنا في الجيزة
يا مرحب ألف خطوه عزيزة
بناس مطروح

قوم نادي ع الصعيدي
وابن اخوك البورسعيدي
والشباب الاسكندراني
اللمه دي لمة رجال

وانا هاجي مع السوهاجي والقناوي
والسيناوي والمحلاوي اللي ميه ميه
والنوبه الجُمال

ماتوصيش السوايسه
الدنيا هايصه كده كده
والاسماعلاويه ياما كادوا العدا
كلمني ع الشراقوه
واحنا ويا بعض اقوى
واحنا ويا بعض اقوى
وأملنا كبير

دي فركة كعب وهتعملها
قصاد الدنيا هتقولها
وخد بقى عهد تعدِلها
سكتت كتير

خَدِت ايه مصر بسكوتك
ماتستخسرش فيها صوتك
بتكتب بكره بشروطك
دي بشرة خير

قوم نادي ع الصعيدي
وابن اخوك البورسعيدي
والشباب الاسكندراني
اللمه دي لمة رجال

وانا هاجي مع السوهاجي والقناوي
والسيناوي والمحلاوي اللي ميه ميه
والنوبه الجُمال

قوم نادي ع الصعيدي
وابن اخوك البورسعيدي
والشباب الاسكندراني
اللمه دي لمة رجال

وانا هاجي مع السوهاجي والقناوي
والسيناوي والمحلاوي اللي ميه ميه
والنوبه الجُمال

ماتوصيش السوايسه
الدنيا هايصه كده كده
والاسماعلاويه ياما كادوا العدا
كلمني ع الشراقوه
واحنا ويا بعض اقوى
واحنا ويا بعض اقوى
وأملنا كبير

قوم نادي ع الصعيدي
وابن اخوك البورسعيدي
والشباب الاسكندراني
اللمه دي لمة رجال

وانا هاجي مع السوهاجي والقناوي
والسيناوي والمحلاوي اللي ميه ميه
والنوبه الجُمال

ماتوصيش السوايسه
الدنيا هايصه كده كده
والاسماعلاويه ياما كادوا العدا
كلمني ع الشراقوه
واحنا ويا بعض اقوى
واحنا ويا بعض اقوى
وأملنا كبير
[1] Transcription / Trascrizione
bishrat khayr

di farakat kaeb wahataemiluha
qsad aldunya htqulha
wakhad buqaa eahid tedilha
sakatat katir

khadit 'ayuh misr bisakutik
matustakhsrsh fiha sawtik
btaktab bikarih bishrutak
di bishrat khayr

qawm nadi e alsaeidi
wabn 'akhuk alburaseidii
walshabab alaskundraniu
allamuh di limat rijal

wa'ana haji mae alsuwhajy walqanawi
walsaynawy walmhlawy ally myh myh
walnuwbih aljumal

matwsysh alsawayisuh
aldunya hayisuh kdh kdh
walaasmaelawih yamana kaduu aleadaa
klmny e alsharaquh
wahna waya bed 'aqwaa
wahna waya bed 'aqwaa
wa'amlna kabir

qawm nadi e alsaeidi
wabn 'akhuk alburaseidii
walshabab alaskundraniu
allamuh di limat rijal

wa'ana haji mae alsuwhajy walqanawi
walsaynawy walmhlawy ally myh myh
walnuwbih aljumal

matwsysh alsawayisuh
aldunya hayisuh kdh kdh
walaasmaelawih yamana kaduu aleadaa
klmny e alsharaquh
wahna waya bed 'aqwaa
wahna waya bed 'aqwaa
wa'amlna kabir

buhayri manawafi 'aw dimyatiun
dual aqrbly min akhwati
halayib 'ahl waqarayib
nadiluhum rh

waiktara hajah fiha miaza
nushuf habayibana fi aljiza
ya murhab 'alf khutuh eaziza
banas matruh

qawm nadi e alsaeidi
wabn 'akhuk alburaseidii
walshabab alaskundraniu
allamuh di limat rijal

wa'ana haji mae alsuwhajy walqanawi
walsaynawy walmhlawy ally myh myh
walnuwbih aljumal

matwsysh alsawayisuh
aldunya hayisuh kdh kdh
walaasmaelawih yamana kaduu aleadaa
klmny e alsharaquh
wahna waya bed 'aqwaa
wahna waya bed 'aqwaa
wa'amlna kabir

di farakat kaeb wahataemiluha
qsad aldunya htqulha
wakhad buqaa eahid tedilha
sakatat katir

khadit 'ayuh misr bisakutik
matustakhsrsh fiha sawtik
btaktab bikarih bishrutak
di bishrat khayr
qawm nadi e alsaeidi
wabn 'akhuk alburaseidii
walshabab alaskundraniu
allamuh di limat rijal

wa'ana haji mae alsuwhajy walqanawi
walsaynawy walmhlawy ally myh myh
walnuwbih aljumal

qawm nadi e alsaeidi
wabn 'akhuk alburaseidii
walshabab alaskundraniu
allamuh di limat rijal

wa'ana haji mae alsuwhajy walqanawi
walsaynawy walmhlawy ally myh myh
walnuwbih aljumal

matwsysh alsawayisuh
aldunya hayisuh kdh kdh
walaasmaelawih yamana kaduu aleadaa
klmny e alsharaquh
wahna waya bed 'aqwaa
wahna waya bed 'aqwaa
wa'amlna kabir

qawm nadi e alsaeidi
wabn 'akhuk alburaseidii
walshabab alaskundraniu
allamuh di limat rijal

wa'ana haji mae alsuwhajy walqanawi
walsaynawy walmhlawy ally myh myh
walnuwbih aljumal

matwsysh alsawayisuh
aldunya hayisuh kdh kdh
walaasmaelawih yamana kaduu aleadaa
klmny e alsharaquh
wahna waya bed 'aqwaa
wahna waya bed 'aqwaa
wa'amlna kabir

[2] this line and the similar ones in the next stanzas do make part of the song but are usually omitted in the reports

Contributed by Riccardo Gullotta - 2020/6/25 - 19:53




Language: English

الترجمة الانكليزية / English translation / Traduzione inglese / Traduction anglaise / Englanninkielinen käännös:
Gole Yas
GOOD TIDINGS

This is an easy task, and you will do it
To the world you will speak out
And take an oath to make it better
you have been quiet for too long

What did Egypt gain from your silence
Do not belittle your voice
Tomorrow, you will write it under your own conditions
this is a good tiding

Go call out for the Sa’idi [1]
and your nephew from Port Said
and the youth from Alexandria for this is a gathering of men

And I will come with those from Sohag [2] and Qena [3]
and Sinai and those from Mahalla[4] who are the best of the best
and the beautiful Nubians

No need to double check on the people from Suez,
everything is now jumbled together
And the people from Al Ismailiyyah’[5]
who have been through a lot
Talk to me about the people from the East,
and together we are stronger
And together we are stronger
And our hope is high

Go call out for the Sa’idi
and your nephew from Port Said
and the youth from Alexandria for this is a gathering of men

And I will come with those from Sohag and Qena
and Sinai and those from Mahalla who are the best of the best
and the beautiful Nubians

No need to double check on the people from Suez,
everything is now jumbled together
And the people from Al Ismailiyyah
who have been through a lot
Talk to me about the people from the East,
and together we are stronger
And together we are stronger
And our hope is high


The people from Beheira [6], Menouf [7], or Damyat [8]
Those people are closer to me than my brothers
They are all brothers family and friends
go call out for them.

And the thing that stands out most
Is for us to see our beloved ones from Giza
Oh greetings with a thousand paces
towards the people of Matrouh [9]

Go call out for the Sa’idi
and your nephew from Port Said
and the youth from Alexandria for this is a gathering of men

And I will come with those from Sohag and Qena
and Sinai and those from Mahalla who are the best of the best
and the beautiful Nubians

No need to double check on the people from Suez,
everything is now jumbled together
And the people from Al Ismailiyyah
who have been through a lot
Talk to me about the people from the East,
and together we are stronger
And together we are stronger
And our hope is high


This is an easy task, and you will do it
To the world you will speak out
And take an oath to make it better
you have been quiet for too long

What did Egypt gain from your silence
Do not belittle your voice
Tomorrow, you will write it under your own conditions
this is a good tiding

Go call out for the Sa’idi
and your nephew from Port Said
and the youth from Alexandria for this is a gathering of men

And I will come with those from Sohag and Qena
and Sinai and those from Mahalla who are the best of the best
and the beautiful Nubians

Go call out for the Saiedi
and your nephew from Port Said
and the youth from Alexandria for this is a gathering of men

And I will come with those from Sohag and Qena
and Sinai and those from Mahalla who are the best of the best
and the beautiful Nubians

No need to double check on the people from Suez,
everything is now jumbled together
And the people from Al Ismailiyyah
who have been through a lot
Talk to me about the people from the East,
and together we are stronger
And together we are stronger
And our hope is high

Go call out for the Sa’idi
and your nephew from Port Said
and the youth from Alexandria for this is a gathering of men

And I will come with those from Sohag and Qena
and Sinai and those from Mahalla who are the best of the best
and the beautiful Nubians

No need to double check on the people from Suez,
everything is now jumbled together
And the people from Al Ismailiyah
who have been through a lot
Talk to me about the people from the East,
and together we are stronger
And together we are stronger
And our hope is high
[1] Ṣa‘īdī is for People from Upper Egypt

[2] Upper Egypt city on the Nile

[3] Upper Egypt city on the Nile

[4] Mahalla el-Kubra, city on the Nile Delta

[5] Ismailia, city on the West bank of Suez Canal

[6] Governorate in the western Nile Delta

[7] City on the Nile Delta

[8] Damietta, port city on the Nile Delta

[9] Marsa Matruh, port city on the Mediterranean sea

[Riccardo Gullotta] 

Contributed by Riccardo Gullotta - 2020/6/25 - 19:57




Language: Italian

الترجمة الإيطالية / Traduzione italiana / Italian translation / Traduction italienne / Italiankielinen käännös
Riccardo Gullotta

BUONE NUOVE

Questa è un’impresa facile e la farai
parlerai a tutti a voce alta
E prenderai l’impegno per farla al meglio
sei stato in silenzio per troppo tempo

Cosa ci ha guadagnato l'Egitto dal tuo silenzio
Non soffocare la tua voce
Domani scriverai alle tue condizioni
questa è una buona notizia

Vai a chiamare gli Egiziani del sud
e tuo nipote da Porto Said
e i giovani di Alessandria dato che questo è un raduno di uomini

E verrò con quelli di Sohag e Qena
e del Sinai e quelli di Mahalla che sono i migliori tra i migliori
e i Nubiani dalle belle fattezze

Non è necessario insistere con quelli di Suez,
ora è tutto un miscuglio
E le persone di Ismailia
che ne hanno passate parecchie
Parlami delle persone del lato orientale,
e insieme siamo più forti
E insieme siamo più forti
E la nostra speranza vola alta

Vai a chiamare gli Egiziani del sud
e tuo nipote da Porto Said
e i giovani di Alessandria dato che questo è un raduno di uomini

E verrò con quelli di Sohag e Qena
e del Sinai e quelli di Mahalla che sono i migliori tra i migliori
e i Nubiani dalle belle fattezze

Non è necessario insistere con quelli di Suez,
ora è tutto un miscuglio
E le persone di Ismailia
che ne hanno passate parecchie
Parlami delle persone del lato orientale,
e insieme siamo più forti
E insieme siamo più forti
E la nostra speranza vola alta

La gente di Beheira, Menouf o Damietta
Quelle persone mi sono più vicine dei miei fratelli
Sono tutti fratelli, familiari e amici
vai a convocarli.

E la cosa che spicca di più
È per noi vedere i nostri cari da Giza
Oh saluti con mille passi
verso la gente di Matrouh

Vai a chiamare gli Egiziani del sud
e tuo nipote da Porto Said
e i giovani di Alessandria dato che questo è un raduno di uomini

E verrò con quelli di Sohag e Qena
e del Sinai e quelli di Mahalla che sono i migliori tra i migliori
e i Nubiani dalle belle fattezze

Non è necessario insistere con quelli di Suez,
ora è tutto un miscuglio
E le persone di Ismailia
che ne hanno passate parecchie
Parlami delle persone del lato orientale,
e insieme siamo più forti
E insieme siamo più forti
E la nostra speranza vola alta

Questa è un’impresa facile e la farai
parlerai a tutti a voce alta
E prenderai l’impegno per farla al meglio
sei stato in silenzio per troppo tempo

Cosa ci ha guadagnato l'Egitto dal tuo silenzio
Non soffocare la tua voce
Domani scriverai alle tue condizioni
questa è una buona notizia

Vai a chiamare gli Egiziani del sud
e tuo nipote da Porto Said
e i giovani di Alessandria dato che questo è un raduno di uomini

E verrò con quelli di Sohag e Qena
e del Sinai e quelli di Mahalla che sono i migliori tra i migliori
e i Nubiani dalle belle fattezze


Vai a chiamare gli Egiziani del sud
e tuo nipote da Porto Said
e i giovani di Alessandria dato che questo è un raduno di uomini

E verrò con quelli di Sohag e Qena
e del Sinai e quelli di Mahalla che sono i migliori tra i migliori
e i Nubiani dalle belle fattezze

Non è necessario insistere con quelli di Suez,
ora è tutto un miscuglio
E le persone di Ismailia
che ne hanno passate parecchie
Parlami delle persone del lato orientale,
e insieme siamo più forti
E insieme siamo più forti
E la nostra speranza vola alta

Vai a chiamare gli Egiziani del sud
e tuo nipote da Porto Said
e i giovani di Alessandria dato che questo è un raduno di uomini

E verrò con quelli di Sohag e Qena
e del Sinai e quelli di Mahalla che sono i migliori tra i migliori
e i Nubiani dalle belle fattezze

Non è necessario insistere con quelli di Suez,
ora è tutto un miscuglio
E le persone di Ismailia
che ne hanno passate parecchie
Parlami delle persone del lato orientale,
e insieme siamo più forti
E insieme siamo più forti
E la nostra speranza vola alta.

Contributed by Riccardo Gullotta - 2020/7/2 - 09:54


Punto sull’Egitto

L’Egitto è avviato su una china verso la limitazione, per non dire la cancellazione, dei diritti umani. Alcuni Rifugiati egiziani oppositori del regime ne parlano in un’intervista. La Reuters ha pubblicato nel 2019 un articolo che fa una buona sintesi del sistema giudiziario in Egitto.

Quando parliamo, di questi argomenti e di altri, c’è sempre come protagonista la vita. Non si può tributare un degno omaggio alla vita senza tenere nella giusta considerazione i morti. Iniziamo perciò segnalando alcuni di quelli che hanno subito violenza sino alle conseguenze estreme. Il lettore vorrà assumerli come emblemi delle diecine, se non centinaia, di altri egiziani di cui non si ha più traccia:

L’assassinio di Giulio Regeni dal 2016 è ancora in attesa di risposte, non poche. Sulle responsabilità politiche e morali dell’esecuzione materiale non ci sono dubbi. La verità giudiziale sulle responsabilità individuali è arenata e condizionata dalla necessità di mantenere dei rapporti diplomatici ad un livello accettabile. Anche le migliori penne continuano a non raccontare. Perché un regime, che di tutto aveva bisogno meno che di affossare i rapporti con un paese chiave per la politica estera egiziana, abbia deciso di torturare e uccidere Regeni non è chiaro. Perché il regime abbia deciso di dare un messaggio macabro ( a chi ? ) facendo ritrovare il corpo non è chiaro. Perché un giovane che ficcava (o riteneva di ficcare) il naso nelle tensioni sociali costituiva un pericolo per la stabilità del regime non è chiaro.
La storiella di servizi segreti egiziani numerosi , in competizione, che sfuggono al controllo, non regge. Ancora più risibile quella di un servizio segreto che prevarica il presidente. Chi conosce un minimo la società e la way of life egiziane sa bene che è un sistema fortemente gerarchizzato, per di più qui si tratta di apparati militari. Fermo restando, come si è detto che il crimine è stato compiuto da agenti egiziani, pochi continuano a chiedersi il perché senza estendere la visuale oltre il Cairo. Anche se le circostanze e gli scenari sono del tutto diversi, c’è qualcosa nell’assassinio di Regeni che fa venire in mente i lati oscuri di un altro assassinio rimosso, quello di Nicola Calipari.

Sarah Hijazi
Attivista Lgbt ,entrata in depressione a seguito delle violenze e delle torture in carcere , si è tolta la vita . La sua colpa era di avere protestato in piazza agitando la bandiera arcobaleno nel 2017

Shady Habash
Arrestato per le sue proteste contro il regime con questo video di satira contro Al-Sisi, dopo due anni di carcere si è suicidato .

Alcune altre violenze e sottrazioni di diritti umani e civili:

Mohamed Mounir
Giornalista, arrestato il 15 /6/2020. È il “caso 586” secondo la classificazione del Ministero dell’Interno egiziano. Non sono noti i capi d’accusa.Ha dato fastidio per il suo intervento in una trasmissione a Al Jazeera (qatariota, perciò invisa al regime egiziano) a favore di un collega che in un quotidiano aveva espresso critiche verso il vescovo della Chiesa copta in merito al distanziamento sociale per Covid. E’ andato a fare compagnia ad altri 60 (sessanta) giornalisti in carcere.
Traduzione: la libertà di stampa di fatto non esiste più in Egitto. I residui di democrazia formale in Egitto sono stati alienati. Chi avesse qualche dubbio al riguardo può dare un’occhiata a questo articolo

Patrick George Zaki
Prigioniero politico accusato di propaganda sovversiva.L’unica informazione nota è che è vivo, in carcerazione preventiva , che ha una durata limite di due anni. È rinchiuso nella famigerata galera di Tora, periferia del Cairo, dove è facile entrare, uscirne sani meno.

Sanaa Seif
Protesta in un sit-in a Tora per avere notizie del fratello Alaa Abdel Fattah ( cfr. avanti) detenuto dopo 3 mesi di silenzio. Sequestrata e malmenata con l’accusa di diffusione di notizie false e la solita accusa di terrorismo. Per ora 15 giorni di detenzione cautelare.

Alaa Shabaan Hamida
In carcere, come altri operatori sanitari per avere segnalato un caso di coronavirus al Ministero scavalcando il direttore dell’ospedale. E’ in detenzione preventiva dal 28 marzo, nonostante incinta, con l’accusa di terrorismo.
Traduzione : gli operatori sanitari che fronteggiano il Covid hanno due opzioni: o il silenzio, con relativo rischio di contrarre e fare contrarre il virus, o il carcere.

Alaa Abdel Fattah
Le sue colpe? Avere partecipato al movimento di piazza contro Mubarak nel 2011. Arrestato dal regime di Al-Sisi ha scontato 5 anni di carcere. Ostinato, ha partecipato alle proteste pacifiche di piazza del 2019. E’ stato arrestato insieme ad altri 2.200 almeno. Sul suo capo pendono le accuse di organizzazione terroristica. Poiché la ferocia non conosce limiti, anche il suo avvocato Mohamed El-Baqer (cfr. avanti) è stato arrestato.


Le proteste del 2019 hanno avuto un notevole impatto nel mettere a nudo il volto del regime. Per ulteriori dettagli si veda questo articolo o anche questo articolo

Mohamed El-Baqer
Direttore di Adalah Center for Rights and Freedoms, é detenuto in attesa di giudizio, come tanti altri avvocati.
Anche i minori fanno parte di questa escalation di violenze : torture dei minori nelle carceri egiziane

Malak al-Kashif
Ha avuto il torto di essere transgender e di avere postato un’accusa contro il governo per il disastro ferroviario di Ramses. Anziché accogliere la richiesta di detenzione in un carcere femminile, l’hanno rinchiusa nel carcere maschile di Tora 5 mesi. E’ facile immaginare le violenze e gli abusi.

Mahmoud Abu Zeid
Fotoreporter,che ha fatto? Ha fotografato il massacro del 2013 contro i seguaci di Morsi. 5 anni di carcere, è stato fortunato ad uscire sano dal carcere.


Ciò che avviene in Sinai purtroppo è poco o per niente noto. Si tratta di atrocità compiute dagli integralisti islamici del Daesh con le efferatezze che ci sono note da qualche anno. A tali atrocità si aggiungono le esecuzioni sommarie dei militari egiziani in un crescendo di violenze e di sangue di cui non si vede l’uscita e di cui si parla il meno possibile. Anche in questo caso si assiste all’alternarsi squallido di informazioni e di video ora di una parte ora dell’altra. La Ong Human Rights Watch è stata bandita dal regime egiziano.
Ci sembra che, almeno in questo caso, abbia redatto un rapporto equilibrato: Sinai report.
Neanche i bambini vengono risparmiati :Crimini di guerra sui bambini

Per capire come si è giunti alla situazione descritta prima può essere utile la lettura degli articoli seguenti:
La lobby militare egiziana
Da Nasser a Al-Sisi

Per un quadro complessivo in chiave economica e geopolitica si consiglia la lettura delle seguenti relazioni:
Il secondo mandato del Presidente al-Sisi e il quadro politico in Egitto
Egitto: perché si protesta



La canzone Boshret Kheir e l’Egitto

Boshret Kheir é una canzone che fece storia nel senso letterale. Fu, al di là delle aspettative dell’autore, un riuscito veicolo di propaganda per spingere gli Egiziani a recarsi alle urne alle elezioni presidenziali del 2014. L’ affluenza alle urne fu del 47%, il vincitore assoluto con il 97% dei voti fu Abdel Fattah al Sisi, il generale che aveva effettuato l’anno prima un colpo di stato per destituire Mohammed Morsi, leader dei Fratelli Musulmani. Al Sisi raccolse abilmente il consenso del movimento popolare Tamarrod e il supporto internazionale di Usa, Francia e Germania.
Si notano nel video, girato in poco tempo in svariate località egiziane, tante persone di ogni età e occupazione che mostrano dei cartelli con slogan che invitano a votare e cambiare lo stato delle cose. Al Sisi non aveva bisogno di sforzi particolari per vincere, la sua vittoria era scontata. Si adoperò piuttosto per allargare la base dei votanti in modo da presentarsi alle potenze straniere come leader acclamato dal popolo.
La canzone fu ben accolta a tutti i livelli: il video di youtube, qui proposto, ha totalizzato 430 milioni di visite. Dicono che diede un contributo determinante al consolidamento del consenso popolare attorno alla figura di Al-Sisi nel 2014.

Dallo scarto tra l’entusiasmo che si respirava nel 2014 e la situazione incancrenita di oggi si ha una sensazione immediata del degrado della vita civile e sociale e della erosione sostanziale del consenso al regime.L'Egitto era un paese su cui riponevano le speranze tanti giovani arabi di ieri e vecchi idealisti del periodo della guerra fredda quando statisti come Nasser, Nehru, Tito, Sukarno fecero sognare per qualche momento di potere svincolarsi dai due blocchi, dal predominio occidentale capitalista e da quello sovietico.
Parafrasando il noto giornalista di Fucecchio, oggi ridimensionato per certe sue vicende esecrabili, “I sogni muoiono all’alba”.
[Riccardo Gullotta]

Riccardo Gullotta - 2020/6/30 - 18:10



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org