Language   

Lettera a Stefan Zweig

Maler
Language: Italian


Related Songs

Stefan Zweig
(Paolo Benvegnù)
Andreas Pum
(Maler)


2018
Mu
Mu

Stefan Zweig


Il 30 gennaio 1933, il giorno in cui Hitler divenne cancelliere del Reich, Roth lasciò la Germania. In una lettera a Stefan Zweig mostrò una sorprendente chiarezza di vedute e un atteggiamento di assoluto e coraggioso rifiuto del nazismo:

Inzwischen wird es Ihnen klar sein, daß wir großen Katastrophen zutreiben. Abgesehen von den privaten – unsere literarische und materielle Existenz ist ja vernichtet – führt das Ganze zum neuen Krieg. Ich gebe keinen Heller mehr für unser Leben. Es ist gelungen, die Barbarei regieren zu lassen. Machen Sie sich keine Illusionen. Die Hölle regiert.

(Intanto le sarà chiaro che ci avviciniamo a grandi catastrofi. A parte quelle private - la nostra esistenza letteraria e materiale è annientata - tutto porta a una nuova guerra. Io non do più un soldo per la nostra vita. Si è riusciti a far governare la barbarie. Non si illuda. L'Inferno comanda).
Signor Zweig, su di noi
Stan volando avvoltoi
D'ora in poi siamo ebrei
Mi sorprende che lei
Creda ancora ci sia
Qui all'inferno una via
Di speranza e pietà
Apra gli occhi e vedrà
Peste nel cuore dei popoli
Popoli come trofei
E un bene che rende complici
Dei fottuti maiali del Reich

Signor Zweig, gli europei
Non faranno gli eroi
Hanno cari i granai
Non si immischiano mai
Fanno affari con chi
Ci tormenta così
Non c'è un cazzo di idea
Conta l'argenteria
Sfilano bande di demoni
Iene affamate d'oblio
Un imbianchino ha le redini
Ma qui tutti lo chiamano Dio

L'uomo è una belva
Mangia merda
Non si salva
Voglio una guerra
Che distrugga
L'industria del Sieg Heil

Ho visto il Male, si chiama Nazione
Divora i giusti, la feccia al potere
Cancella gesti, millenni e parole
In una notte sola

Vanno in frantumi cristalli e preghiere
Ancora un po' e non c'è niente da bere
Umanità senza umanità

Signor Zweig, non è a Est
Il rifugio per me
Proletari in corteo
Il più astuto è un babbeo
Porci burattinai
Burattini operai
Brucia già l'Aldilà
E il burocrate è Zar
Credo soltanto ai miracoli
Ma non ne accadono più
Per il disgusto degli angeli
Perché non c'è una luce quaggiù

L'uomo è una belva
Mangia merda
Non si salva
Sopra la Terra
Regna eterna
L'ombra dei macellai

Sopra la Terra regna eterna
L'ombra dei macellai
L'industria del Sieg Heil
Stia con me, Signor Zweig

Contributed by Alberto Scotti - 2019/12/19 - 01:12



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org