Language   

Francesco Guccini: Canzone delle osterie di fuori porta

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG
Language: Italian

List of versions


Related Songs

Tu se' di quella razza
(Anonimo Toscano del XXI secolo)
Don Chisciotte
(Francesco Guccini)
Ceux qui ne sont plus Charlie (La neve non arriva mai)
(Anonimo Toscano del XXI secolo)


it.fan.musica.guccini
[1972]
Parole di Francesco Guccini
Musica di Francesco Guccini, Ettore De Carolis e Vince Tempera
Nell'album "Stanze di vita quotidiana"

Stanze di vita quotidiana


Quasi un testamento spirituale ed artistico, scritto non oggi ma quasi 50 anni fa, e all'inizio del suo successo... E ce n'è anche un po' per le nostre CCG/AWS: "Ma le strade sono piene di una rabbia che ogni giorno urla più forte / son caduti i fiori e hanno lasciato solo simboli di morte."
Sono ancora aperte come un tempo le osterie di fuori porta
ma la gente che ci andava a bere fuori o dentro è tutta morta
qualcuno è andato per età, qualcuno perchè già dottore
e insegue una maturità, si è sposato, fa carriera ed è una morte un po' peggiore.

Cadon come foglie gli ubriachi sulle strade che hanno scelto
delle rabbie antiche non rimane che una frase o qualche gesto
non so se scusano il passato per giovinezza o per errore
non so se ancora desto in loro, se m' incontrano per forza, la curiosità o il timore.

Io ora mi alzo tardi tutti i giorni, tiro sempre a far mattino
le carte poi il caffè della stazione per neutralizzare il vino
ma non ho scuse da portare, non dico più d'esser poeta
non ho utopie da realizzare: stare a letto il giorno dopo è forse l'unica mia meta.

Si alza sempre lenta come un tempo l'alba magica in collina
ma non provo più quando la guardo quello che provavo prima
ladri e profeti di futuro mi hanno portato via parecchio
il giorno è sempre un po' più oscuro, sarà forse perchè è storia, sarà forse perchè invecchio.

Ma le strade sono piene di una rabbia che ogni giorno urla più forte
son caduti i fiori e hanno lasciato solo simboli di morte
dimmi se son da lapidare se mi nascondo sempre più
ma ognuno ha la sua pietra pronta e la prima, non negare, me la tireresti tu.

Sono più famoso che in quel tempo quando tu mi conoscevi
non più amici, ho un pubblico che ascolta le canzoni in cui credevi
e forse ridono di me, ma in fondo ho la coscienza pura
non rider tu se dico questo, ride chi ha nel cuore l'odio e nella mente la paura.

Ma non devi credere che questo abbia cambiato la mia vita
è una cosa piccola di ieri che domani è già finita
son sempre qui a vivermi addosso, ho dai miei giorni quanto basta
ho dalla gloria quel che posso, cioè qualcosa che andrà presto, quasi come i soldi in tasca.

Non lo crederesti ho quasi chiuso tutti gli usci all'avventura
non perchè metterò la testa a posto, ma per noia o per paura
non passo notti disperate su quel che ho fatto o quel che ho avuto
le cose andate sono andate ed ho per unico rimorso le occasioni che ho perduto.

Sono ancora aperte come un tempo le osterie di fuori porta
ma la gente che ci andava a bere fuori o dentro è tutta morta
qualcuno è andato per formarsi, chi per seguire la ragione
chi perchè stanco di giocare, bere il vino, sputtanarsi ed è una morte un po' peggiore.

Contributed by Bernart Bartleby - 2019/11/25 - 23:05




Language: French

Version française – LA CHANSON DES BISTROTS DE QUARTIER – Marco Valdo M.I. – 2019
Chanson italienne – Canzone delle osterie di fuori porta – Francesco Guccini – 1972
Paroles de Francesco Guccini
Musique de Francesco Guccini, Ettore De Carolis et Vince Tempera
Album : "Stanze di vita quotidiana"

La Terrasse de café de Vincent Van Gogh


Presque un testament spirituel et artistique de Francesco Guccini, écrit non pas aujourd’hui, mais il y a presque 50 ans, et au début de son succès…
LA CHANSON DES BISTROTS DE QUARTIER

Comme autrefois, les bistrots de quartier sont toujours ouverts,
Les gens qui allaient boire au-dedans ou au-dehors sont tous morts.
L’un est parti par âge, l’autre, s’était fait vétérinaire
Et mûrissant, s’est marié, afait une carrière : pire fut cette mort.

Les poivrots tombent comme les feuilles sur les routes ;
De leurs rages anciennes, il reste à peine une phrase ou un geste.
Je ne sais pas s’ils excusent leur passé par leur jeunesse ou par leurs erreurs.
Quand ils me rencontrent, je ne sais ce qui les éveille : si c’est la curiosité ou la peur.

Moi, maintenant je me lève tard tous les jours, je traîne toujours le matin
À faire les cartes, puis le café de la gare pour neutraliser le mal de tête.
Je n’ai pas d’excuse à présenter, je ne me dis plus poète.
Je n’ai pas d’utopies à réaliser : rester au lit le lendemain est mon seul destin.

L’aube magique sur les collines se lève toujours aussi lentement.
Quand je la regarde, je ne ressens plus ce que je ressentais avant.
Les voleurs et les prophètes de l’avenir m’ont volé mon temps et l’ont détruit ;
Le jour est toujours un peu plus obscur, est-ce l’histoire, est-ce que je vieillis ?

Les rues sont pleines d’une rage qui chaque jour hurle plus fort.
Les fleurs sont tombées et n’ont laissé que des symboles de mort.
Afin que je me cache, si je dois être lapidé, dis-le-moi.
Chacun a sa pierre prête et la première, ne le nie pas, tu me la jetteras.

Je suis plus célèbre qu’au temps où tu me connaissais,
J’ai un public qui écoute les chansons en lesquelles tu croyais.
Les amis se moquent de moi, mais au fond, j’ai une conscience pure.
Toi, ne ris pas si je dis ça, seul rit qui a la haine au cœur et à l’esprit, la peur.

Ne va pas croire que ça a changé ma vie,
C’est une petite chose d’hier qui demain sera déjà finie.
Je suis toujours là à vivre de moi, j’ai assez de mes journées.
J’ai la gloire que je peux : quelque chose qui s’en ira bientôt, comme les sous d’une poche trouée.

Tu ne le croirais pas. J’ai presque fermé toutes les portes à l’aventure.
Pas pour remettre ma tête à l’endroit, mais par ennui ou par peur.
Pour ce que j’ai fait ou ce que j’ai eu, je ne passe pas des nuits désespérées
Les choses passées sont passées et je regrette seulement les occasions manquées.

Comme autrefois, les bistrots de quartier sont toujours ouverts,
Les gens qui allaient boire au-dedans ou au-dehors sont tous morts.
L’un est parti se former, celui-là se prétendait expert ;
Celui-là était fatigué de jouer, de boire, de se discréditer : pire fut cette mort.

Contributed by Marco Valdo M.I. - 2019/11/28 - 16:58




Language: Italian (Toscano Livornese)

Canzone delle osterie in pieno centro, ossia: Il testamento dell'Anonimo
dell' Anonimo Toscano del XXI Secolo (28 novembre 2019)

Il sottoscritto approfitta dell' (inatteso) inserimento delle Osterie di fuori porta gucciniane, per fare anch'Egli testamento. D'accordo che, come è del resto risaputo, Egli è pressoché immortale e quindi non ce ne sarebbe a rigore bisogno; però, come si suol dire, non si sa mai. Una nota per Marco Valdo M.I.: ho visto che, a corredo della sua traduzione francese delle Osterie ha messo quel famoso dipinto di Vincenzino l'Olandese che ritrae un bistrot di Arles. Mi è preso un grumo di ricordi; dato che, esattamente nell'aprile del 1992, in quell'esercizio commerciale ci ho messo piede personalmente di persona, e non da solo, una sera che soffiava un mistral spaventoso (e dopo che nel pomeriggio del medesimo giorno ero passato per Sète e per la Plage de la Corniche). Grazie. [AT-XXI]
So' ri'iùse ieri, finarmente, l'osterie in pieno centro
Dé, l'ànno raperte, ma nessuno ci voleva più entrà' dentro.
C'è chicciandàva pe' 'mbriaàssi, ché ci voleva poi ir dottore,
Trentèuri pe' un litro di vino, po' dovevi pagà' ir conto e 'ndavi 'ntèra pe' un malore.

Certo, s'era tutti già briài eppòi 'unzandàva a passo svérto,
Si 'omprava ir vino der discàunte, dé tullabbetté di certo.
Se si passava laddavànti, pe' giovinezza o per errore,
S'entrava pure varchevvòrta, si 'vardava ir menù prezzi e si scappava dar terrore.

Ora m'arzo un po' 'vando novvòglia, vi vo in culo e so' in penzione,
Bevo sempre più ir chinotto zero, ciò ir diabete e la pressione.
Ma dé 'un fo mìa tante lagne, emmenomàle 'un zo' poëta,
Leggo i gialli di Nerovòrfe, mi rileggo anco Platone e mi tengo stretto addièta.

Pròpio 'un vore' dìtti, caro Cecco, o sembràtti un po' 'arogna,
Ma coll'albe so' abituato all'Elba, mìa a que' 'olli di Bologna.
Mi dici 'mpò 'ome facevi? Trent'anni, e ti sentivi vecchio...?
Ir testamento...? Fossi stato ir notajo, dammi retta, ti pigliavo pe' un orecchio.

Ma le strade, ora so' piene di zombi, e te stài a Pàvana e hai ottant'anni,
Se' 'nvecchiato bene, ciai 'na pancia ci si potrebbe stènde' i panni.
Budellodèva, basta morte! Meglio se parli di 'astagni!
Meglio se ti ribevi un litro, se ti fumi du' toscani sur Limentra e nun ti lagni.

Io, famoso pròpio un' zò' mai stato, e 'un li so scrìve' i libriccini,
Però so' cinquantànni che ascòrto le 'anzoni di Guccini,
E dé le so tutte a memoria...! Perzino 'vella in modenese,
O stavvedé' c'ora mi tocca d'imparànne pure 'nàrtra, e tutta 'vanta in pavanese.

A penzàcci bene, ora vo fòri e guardo se ripassa ir gatto,
Lui, la notte gira, e la mattina ronfa tranquillo e beàtto.
E visto che 'un mi cào addosso, ho dalla vita quanto basta,
Ancora 'un compro i pannoloni, fumo ir tabacco Pueblo e campo co' tre sòrdi in tasca.

Ma ogni vòrta 'e sorto dall'uscio, rincomincia l'avventura,
Unn'importa andà' in posti strani o fàcci la letteratura.
Dé caro Cecco, ti ringràzzio pélle 'anzoni e tutto 'vanto
Sì, bè, duottré fanno caà, ma alla fine pure 'velle me le 'anto e poi riànto.

So' ri'iùse ieri, finarmente, l'osterie in pieno centro
L'avevan raperte, ma nessuno ci voleva più entrà' dentro.
So' doventate loalìni, uàin bar coll'arredo spazziale,
Ci va i pischelli a furminàssi, a riempìssi di troiai pe' finì' all'ospedale.

2019/11/28 - 20:10



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org