Language   

De ballade van het wonderorgel

Gerard Cox
Language: Dutch

List of versions


Related Songs

Als je ooit nog eens terug kan
(Ticket for Tibet)
Wij laten de moed niet zakken
(Gisela Söhnlein & Hetty Vôute)


[rec. 1990]
Scritta da / Geschreven door / Written by / Écrite par / Säveltäjä : Jaap van de Merwe
Musica / Muziek / Music / Musique / Sävel: Gerard Cox
Album / Alboem / Albumi: Rotterdam (1990)

Rotterdam, 14 maggio 1940. Le rovine della Hoogstraat.
Rotterdam, 14 maggio 1940. Le rovine della Hoogstraat.


Jaap van de Merwe, nato nel 1924 a Rotterdam, era un cabarettista e autore di canzoni antifascista; le sue canzoni le faceva preferibilmente cantare ad altri, come ad esempio questa, interpretata e incisa nel 1990 da Gerard Cox in un album dedicato alla città di Rotterdam e intitolato, con un titanico sforzo di fantasia, Rotterdam. Jaap van de Merwe era morto circa un anno prima: esattamente il 19 febbraio del 1989, anzi del fatidico 1989, all'età di sessantacinque anni. Quando ne aveva sedici, il 10 maggio 1940, di punto in bianco, la Germania hitleriana aveva invaso i Paesi Bassi, nell'ottica di aggirare le difese francesi (in primis la famosa e inutile Linea Maginot), violando tranquillamente la loro proclamata neutralità; Hitler si aspettava di completare l'opera in una giornata scarsa, pappandosi quasi senza colpo ferire il piccolo paese. Ma si trovò di fronte a una resistenza inaspettata. Fu così che, il 14 maggio 1940 (esattamente un mese prima di entrare a Parigi), decise che gli olandesi avevano bisogno di una terribile lezione e fece radere al suolo la città di Rotterdam dalla Luftwaffe.

Non ne rimase nulla. Il centro storico dell'antica città portuale, fondata attorno al 1270, fu eliminato. Kaputt. E' quello che, ancora oggi, si chiama Brandgrens, il "Confine dell'Incendio", il cuore antico della città che non esiste più. I Rotterdammers se l'aspettavano e, in gran parte, erano già scappati; per questo, le vittime del bombardamento furono relativamente poche: circa un migliaio. Quasi nulla in confronto a quel che accadde poco dopo a Londra e in tutta l'Inghilterra; i bombardamenti aerei a tappeto sono quelle cose in cui mille morti devono essere considerati pochi.

La Hoogstraat di Rotterdam (“Strada Maggiore”) è una delle strade più antiche della città; nel 1466, in una casa della Hoogstraat, era nato Erasmo da Rotterdam. Il cinema della canzone, quello dove era stato installato l'organo magico che suonava come “una sega a nastro”, costruito da due ebrei, era pure di proprietà di un ebreo: si chiamava Abraham Tuschinski, e il giorno del bombardamento di Rotterdam festeggiava il suo compleanno, dato che era nato esattamente il 14 maggio 1886 a Brzeziny, nel voivodato di Łódź in Polonia. Il suo cinema sulla Hoogstraat si chiamava “Thalia” e era uno dei tanti che possedeva: Abraham Tuschinski, infatti, era padrone della più grande catena di cinema di tutti i Paesi Bassi. Sopravvisse al bombardamento, ma non al suo essere ebreo: morì gassato a Auschwitz il 17 settembre 1942. Quel che la canzone non dice, è che nel cinema Thalia non c'era soltanto l'organo magico: c'era anche la porta originale d'ingresso dell'antica casa di Erasmo da Rotterdam, inglobata nella hall. Il resto della piccola casa era andato perduto nei secoli, e la porta era l'unica cosa che era rimasta. Il 14 maggio 1940 andò in fiamme assieme a tutto il resto.

E' una canzone, questa, che obbliga quindi a ripercorrere tutta la storia di un'antica città. Chi si reca adesso a Rotterdam, città avveniristica che ha dovuto essere ricostruita quasi interamente dopo essere stata eliminata dalla faccia della terra, fa probabilmente fatica ad immaginare che si trattava di un centro ricco di storia, di monumenti, di stratificazioni di epoche. C'era la Rotterdam medievale, quella rinascimentale, quella di epoca moderna, e quella ebraica; sì, perché Rotterdam, data anche la sua natura di porto più grande d'Europa (e, per un certo periodo, anche del mondo), aveva una popolazione ebraica assai cospicua. E anche per questo i nazisti la avevano scelta come “città-esempio”, per far vedere di che cosa fossero capaci.

E così, il sedicenne Rotterdammer Jaap van de Merwe, con la postuma complicità di Gerard Cox (nato pure lui a Rotterdam, e -si pensi un po'- nel marzo del 1940: quando avvenne il bombardamento, era un neonato di due mesi), sembra accompagnarci in questo terribile giro turistico nella sua città ammazzata in una bella mattinata di primavera. Strada per strada, a partire da quella Hoogstraat del cinema Thalia e del suo organo magico, che aveva accompagnato -c'è da giurarci- gli anni dell'infanzia e della prima adolescenza. Coi suoi filmoni, i divi del muto, Tom Mix, gli Indiani, i cowboys e le giungle misteriose. E quell'organo che seguiva le scene. Quell'organo che, ora, moriva schiacciato dalle macerie infuocate, emettendo i suoi ultimi e agghiaccianti suoni. Un giro turistico tragico, segnato ovunque dal grottesco della cronaca di una città che muore assieme ai suoi abitanti: le servette della vecchia chiesa cattolica (che si trovava a breve distanza dal cinema) che, per sfuggire al bombardamento, si rifugiano in una cassaforte finendo letteralmente fuse dal calore; le sessanta persone ubriache che muoiono fuori da un bar, con la speranza che fossero talmente ubriache da non accorgersene; gli animali dello zoo sfuggiti alla strage che girano liberi per le strade in fiamme; e l'indimenticabile scena del gigantesco caffè preparato con tonnellate di grani tostati e con l'acqua usata per spegnere l'incendio del magazzino della Douwe Egberts. “Sembra un film”, e lo è, persino accompagnato dagli ultimi ululati dell'organo. [RV]
Krijg je een ouwe Rotterdammer
Eenmaal aan de praat
Dan maak je 'n goeie kans op het verhaal
Dat over 't orgel in die bios
Op de Hoogstraat gaat
Dat kennen ze zo'n beetje allemaal
Dat was een wonder
Bijzonder

Twee joodse landverhuizers
Hebben ruim een jaar gebouwd
Voordat dat ding geluid gaf, goed en wel
Maar toen,! Je wist niet wat je hoorde
Je werd warm en koud
Je zweefde, je kwam klaar, kreeg kippevel

Zo zwoel, zo dwepend
Meeslepend

Want dat orgel had een ziel
Die zong van-dik-hout-zaagt-men-planken
Tranen kreeg je in je ogen
En je wist niet of het kwam
Van 't janken
Van de lach
Of soms van het Wilhellemus-gevoel
Maar je wist
Jij zou beslist
Voor elk mooi doel
Je leven geven
't Orgel galmde heldenmoed
Moord en brand en bloed

Als horden ongecultiveerde
Indianen galoppeerden
Om te jagen op de scalp van Tom Mix
Als Harry Piel met Asta Nielsen in de struiken dook
Kon je die kamperfoelie horen, en nog ruiken ook
Dat orgel stond voor niks

't Orgel galmde heldenmoed
Liefde, seks en bloed

Je kreeg een jungle, waar de wilde
Beesten brulden, krijsten, gilden
Loeiden, sisten, kwinkeleerden als de hel
De Niagara waterval, de Orient Express
Een slagveld uit de Wereldoorlog en een jazz-orkes
Een kloosterklokkenspel

't Orgel galmde heldenmoed
Vroomheid, rampen, bloed

Een hele stad in lichterlaaie
Zeekastelen naar de haaien
Nou, dan gingen de registers effen open
De vlammen sloegen uit je hoofd
En menigeen heeft soms geloofd
Dat ie Op Hoop Van Zegen zelf was verzopen

't Orgel galmde heldenmoed
Moord en brand en bloed

Toch kwam de ergste gruwelfilm
Niet op het doek van 't huis
Uit de toverlantaren. Nee. Die kwam
Uit een blauwe lucht vol
Bommenwerpers met een hakenkruis
Loodrecht omlaag op 't hart van Rotterdam

Dat was veroordeeld
Tot voorbeeld

Eerst de ontploffingen
Toen de brand - Een helse baaierd van vuur
De molenaar aan het Oostplein deed
Wat ze al sinds de middeleeuwen doen
Bij brandgevaar
De wieken laten draaien
Dan waaien de vonken weg

Zijn molen bleef gespaard
Maar mensen, woonhuizen, kerken, fabrieken
Winkels, theaters
Hebben geen wieken

Zo is die bioscoop ontvlamd
En langzaam ingestort
Toneel. Balkon. De muren. Het plafond
Het wonderorgel kreeg de brokken
Op z'n toetsenbord
Het kermde, dat je 't buiten horen kon

Huiveringwekkend
Verrekkend

Want dat orgel had een ziel
Die angst en schrik en pijn verraadde
Eerst nog pianissimo
Een schietgebedje om genade
Maar bij al 't gedonder
Van de bommen
Is dit God ontgaan
Dus geen wonder
Dat ook geen piloot
Het heeft verstaan
Het hulpeloos schietgebedje raakte zoek
En het werd een vloek

In de Oppert lag een jongen heel stil
Op de stoep van wat zijn huis was geweest
Zijn horloge stond op tien voor half twee
Het ogenblik van de eerste voltreffer
Wie weet heeft hij meer geluk gehad dan honderden anderen
Voor wie de dood uren later pas definitief werd

Je kleren vlogen buiten
Van de hitte in de hens
In de Pannekoekstraat deed een kastelein
Het luik voor 't raam
Door dronken lallend, biddend
Zestig mensen
Tot ze door het vuur bedolven zijn

Laten we hopen
Straalbezopen

Drie dienstmeisjes van de Oud-Katholieke Kerk
Aan de Torenstraat dachten
In de kluis, daar zit je veilig voor de bommen
Dat was waar
Maar met een ingestorte kerk eroverheen
Krijg je achteraf de safe-deur niet meer open
En vervolgens kwam de brand
Toen later puinruimers de kluis opentrokken
Troffen ze op de bodem een gesmolten massa aan

De man die 's ochtends
Zijn gezin nog heelhuids achterliet
Vond half zijn Jonker Fransstraat platgelegd
En brulde naar de lucht
"Dit neemt ik godverdomme niet!"
Nooit is Gods naam misbruikt
Met zoveel recht

Voor zulke moorden
Bestaan geen woorden

Bij Douwe Egberts
Lag een pakhuis vol koffiebonen
Die werden voor de tweede keer gebrand
Toen ging het bluswater eroverheen
Dat aan de kook raakte
Zo komt het, dat de binnenstad dagenlang geurde
Niet alleen naar brandende vuilnisbelten
Maar ook schrijnend-gezellig naar een sterk bakkie troost
Bittere, schrale troost

Op de Noordsingel kreeg de gevangenis een voltreffer
Dus hebben ze de deuren opengezet
En in de ouwe diergaarde
Zijn de bloeddorstige beesten doodgeschoten
En de overige kooien opengezet
Dus apen en papegaaien
In de bomen langs de Westersingel
Kangoeroes op de Kruiskade
Struisvogels in 't Zwaanshals
De Zwart Janstraat

En in het brakke
Grachtje langs de Molenwaterweg
Een zeeleeuw. En giraffes op 't Hofplein
Maar de verraderlijkste beesten
Vlogen alweer ver
Op thuisreis naar hun holen bij Berlijn

Om zich te melden
Als helden

In de lege bioscoop
Heeft men het orgel horen zuchten
Vruchteloos probeerde 't
Met z'n trappelende paarden
Weg te vluchten
Brullend smeet het
Heel z'n waterval
Naar vuur en vlam
Stervend heeft het toen
De doodsklok nog geluid
Voor Rotterdam
Een vals akkoord van heldenmoed
Moord en brand en bloed
En 't wonderorgel zweeg
Voorgoed

Contributed by Riccardo Venturi - 2019/11/11 - 20:39



Language: Italian

Traduzione italiana / Italiaanse vertaling / Italian translation / Traduction italienne / Italiankielinen käännös:
Riccardo Venturi, 11-11-2019 20:51

LA BALLATA DELL'ORGANO MAGICO

Se, una volta, ti metti a chiacchierare
con un vecchio di Rotterdam,
ci sono buone possibilità che ti racconti
la storia del vecchio organo
là in quel cinema della Hoogstraat,
la sanno quasi tutti,
è stato un miracolo
speciale

Due emigrati ebrei
lo avevano fabbricato nello spazio d'un anno
perché quella cosa suonasse, e suonasse bene;
Ebbene: non sapevi che ascoltavi,
Passavi dal caldo al freddo,
Fluttuavi, avevi un orgasmo, ti veniva la pelle d'oca

Così sensuale, così eccitante,
così ipnotico

Perché quell'organo aveva un'anima
suonava sì che pareva una sega a nastro
ma ti venivano le lacrime agli occhi
e non sapevi se veniva
dagli ululati,
dalle risate
o, a volte, dal sentimento cavalleresco, [1]
ma sapevi
che avresti fatto di certo
ogni beau geste,
che avresti dato la tua vita.
Quell'organo risuonava d'eroismo,
di sangue, d'incendio e d'assassinio

Quando barbariche orde
di Indiani galoppavano
per dar la caccia allo scalpo di Tom Mix,
quando Harry Piel si ficcava nei cespugli con Asta Nielsen [2]
potevi sentire il rumore di quel caprifoglio, e anche annusarlo
quell'organo sennò che ci stava a fare

Quell'organo risuonava d'eroismo,
d'amore, sesso e sangue

Ci avevi una giungla, dove le bestie feroci
ruggivano, urlavano, gridavano,
gemevano, sibilavano, stridevano infernali
Ci avevi le cascate del Niagara, l'Orient Express,
un campo di battaglia della guerra mondiale e un'orchestra jazz
e un rintocco di campane del monastero

Quell'organo risuonava d'eroismo,
di pietà, di disastri, di sangue

Una città intera in fiamme
transatlantici che affondavano [3]
e allora si tiravano i registri a tutt'andare
le fiamme ti uscivano dalla testa
e più d'uno talvolta ha creduto
che a un certo punto affondasse pure Op Hoop van Zegen [4]

Quell'organo risuonava d'eroismo,
di sangue, d'incendio e d'assassinio

Però il peggior film dell'orrore
non è arrivato sul telone di casa
dalla lanterna magica. No. E' arrivato
da un cielo azzurro pieno,
da bombardieri con la svastica
a perpendicolo sul cuore di Rotterdam

Condannata
a mo' di esempio

Prima le esplosioni
poi l'incendio – un infernale caos di fuoco
il mugnaio sulla Oostplein fece
quel che tutti facevano fin dal medioevo
in caso di pericolo d'incendio
far girare le pale del mulino
per far volare via le scintille

Il suo mulino è stato risparmiato [5]
ma le persone, le case, le chiese, le fabbriche,
i negozi, i teatri
non avevano pale

E così il cinema andò in fiamme
e lentamente crollò,
palco, platea, pareti, soffitto.
L'organo miracoloso si prese le macerie
sulla tastiera,
gemeva tanto, che lo si sentiva da fuori

Faceva venire i brividi
agghiacciante

Perché quell'organo aveva un'anima
che tradiva paura, terrore, dolore
prima pianissimo,
una piccola preghiera di misericordia,
ma a tutto quel rombare di bombe
Dio se l'è data a gambe
e quindi non c'è da stupirsi
che pure nessun pilota
l'abbia sentita,
e l'inutile preghiera è andata perduta,
è diventata una maledizione

Sull'Oppert [6] un ragazzo giaceva immobile
sulla soglia di quella che era stata la sua casa
il suo orologio si era fermato alle una e venti
il momento del primo attacco aereo,
chissà, forse aveva avuto più fortuna di centinaia d'altri,
di chi, ore più tardi, non era ancora morto definitivamente

I vestiti vi volavano fuori
in fiamme per il calore
in Pannekoekstraat [7] un barista
chiuse il portello della finestra
fuori c'erano sessanta persone
ubriache fradice, che biascicavano preghiere
finché non furono seppellite dal fuoco

Speriamo fossero
briachi come tegoli

Tre servette della vecchia chiesa cattolica
della Torenstraat, pensarono di nascondersi
nella cassaforte, là sei al sicuro dalle bombe
ed era vero,
ma con una chiesa crollata addosso
dopo la porta della cassaforte non la si può più aprire
e poi è arrivato l'incendio
e più tardi, quando i ripulitori delle macerie aprirono la cassaforte
ci trovarono dentro una massa fusa sul fondo

L'uomo che quella mattina
aveva lasciato a casa la sua famiglia sana e salva
trovò metà della sua Jonker Fransstraat [8] rasa al suolo
e urlò all'aria
“Questo non lo accetto, maledett' a Dio!”
Mai il nome di Dio è stato nominato invano
con tanto buon diritto

Per simili assassinii
non esistono parole

Alla Douwe Egberts [9]
c'era un magazzino pieno di caffè in grani
che rimase tutto bruciato dall'incendio.
Quando ci buttarono sopra l'acqua per estinguerlo
tutto cominciò a bollire
e fu così che il centro città, per giorni,
non puzzava soltanto dei rifiuti e delle macerie che bruciavano
ma ci aveva anche un profumo accogliente di caffeino confortante
scarso e amaro conforto

Sul Noordsingel [10] la prigione fu centrata
e quindi aprirono le celle,
e nel vecchio giardino zoologico
furono colpite a morte le bestie assetate di sangue [11]
mentre le restanti gabbie furono aperte
e quindi, scimmie e pappagalli
sugli alberi lungo il Westersingel [12]
canguri sulla Kruiskade [13]
struzzi sullo Zwaanshals [14]
nella Zwart Janstraat [15]

E nel salmastro
canale lungo la Molenwaterweg [16]
c'era un'otaria. E giraffe sulla Hofplein, [17]
però le belve più terribili
se ne stavano già volando via
per tornare alle loro tane a Berlino.

Per segnalarsi
come eroi.

Nel cinema vuoto
si è sentito sospirare l'organo.
Stava provando inutilmente
coi suoi cavalli al galoppo
a scappare via,
gettando tutta
la sua cascata del Niagara
sul fuoco e sulle fiamme
e poi, morendo, ha fatto ancora
rintoccare la sua campana a morto
per Rotterdam
un accordo in falsetto di eroismo
incendio, sangue, assassinio
e l'organo magico poi tacque
per sempre.
[1] Ho così tradotto per rendere la peculiare espressione olandese, “sentimento da Wilhelmus”, la quale fa riferimento all'antico inno nazionale, il Wilhelmus van Nassouwe di autore ignoto (e detto comunemente Het Wilhelmus). Allo stesso modo si sarebbe potuto tradurre con “sentimento patriottico”. Wilhellemus è forma popolare di Wilhelmus.



[2] Noti divi del cinema muto: il tedesco Harry Piel (1892-1963), che fu anche prolifico regista, e la danese Asta Nielsen (1881-1972), che interpretò (nel 1920) anche Mata Hari in un film con Harry Piel.

Harry Piel
Harry Piel
Asta Nielsen
Asta Nielsen




[3] L'espressione idiomatica neerlandese, naar de haaien gaan, significa alla lettera “andare agli squali”.

[4] Op Hoop van Zegen (lett. “Speranza di vittoria”, ma meglio si renderebbe con “Sperando per il meglio”) è il nome del malandato peschereccio di una delle più celebri tragedie teatrali olandesi, scritta e fatta rappresentare nel 1900 da Herman Heijermans (1864-1924), e dalla quale sono stati tratti non uno, ma ben quattro film (ed anche un musical). La vicenda si svolge in un villaggio di pescatori dove i poveri lavoratori del mare sono in conflitto con un avido e onnipotente armatore. Il peschereccio, nonostante il costante pericolo che affondi, viene fatto salpare dal padrone e, ovviamente, affonda portandosi in fondo al mare tutto l'equipaggio. Nei Paesi Bassi la tragedia gode tuttora di enorme popolarità; Herman Heijermans era un socialista di sinistra, e la sua tragedia è stata considerata come una sorta di manifesto anticapitalista nonostante che, nelle rappresentazioni più recenti, tale approccio di critica radicale sia stato generalmente messo in sottordine. Da notare comunque che, nel cinema della Rotterdam prebellica descritto nella canzone, già si dava un film basato su Op Hoop van Zegen; il più recente è del 1986, con Danny de Munk.

ophoop


[5] Sulla Oostplein (“Piazza Orientale”) di Rotterdam sboccava la Hoogstraat (“Strada Maggiore”) dove si trovava il cinema dell'organo magico. La piazza si trova nel Driehoek, il “Triangolo” che rappresentava l'antico centro storico di Rotterdam totalmente raso al suolo durante il bombardamento nazista del 14 maggio 1940. Sulla Oostplein si trovava realmente un (grande) mulino a pale, il Mulino De Noord, costruito nel 1711. Come tutte le vicende raccontate nella canzone, viste coi propri occhi dal sedicenne Jaap van de Merwe, anche quella del mulino della Oostplein è reale: si trattava di una comunissima e efficace pratica antincendio. Le enormi pale del mulino venivano azionate facendo girare le macine, respingendo e spazzando via le scintille infuocate. Funzionò anche quella volta: il mulino De Noord fu tra i pochi edifici della vecchia Rotterdam che si salvarono dal bombardamento. Lieto fine? Purtroppo no. Ironia della sorte, il mulino de Noord andò completamente distrutto in un incendio sviluppatosi accidentalmente al suo interno, il 28 luglio 1954. Non è stato mai ricostruito. La Oostplein è adesso una piazza modernissima e trafficata dell'avveniristica Rotterdam.

La Oostplein e il mulino De Noord in una foto del 1913. Si notino le dimensioni del mulino e delle pale.
La Oostplein e il mulino De Noord in una foto del 1913. Si notino le dimensioni del mulino e delle pale.


[6] L'Oppert era (ed è tuttora) il “corso” del centro storico di Rotterdam: la strada dei negozi di lusso ecc. Al tempo stesso era una delle strade del centro dove si concentrava la popolazione ebraica. Esiste fin dal medioevo: era presso il “Porto Nuovo” di Rotterdam, Nyepoorte, Nieupoort, il cui nome si trasformò gradualmente in Noppert e, infine, in Oppert con aferesi della “n-” sentita come terminazione dell'articolo (de Noppertden Oppert). La sua origine si fa risalire al 1328. Dopo il bombardamento del 14 maggio 1940 non ne rimase nulla; il moderno Oppert è stato addirittura ricostruito leggermente a ovest di quello andato perduto.

oppertrott


[7] Altra strada del centro storico di Rotterdam, lett. “Via delle Frittelle” (vale a dire che il famoso astronomo, teorico comunista e rivoluzionario olandese, Antonie Pannekoek [1873-1960], si chiamava “Frittella” di cognome).

[8] La Jonker Fransstraat era pure (ed è tuttora) una strada con alta concentrazione di botteghe e negozi vari, ad est del fiume Rotte (quello che ha dato il nome alla città di Rotterdam: “diga sul Rotte”) nel Goudsesingel. Prende il suo nome (“via dello Junker Frans”) dal cavalier Frans van Brederode (1465-1490), che si ribellò contro l'imperatore Massimiliano I, padre e reggente del duca Filippo il Bello di Borgogna. Le vicende fanno parte degli Hoeken e Kabeljauwen (neerl. Hoekse en Kabeljauwse Twisten, la serie di scontri e guerre tra la “Lega del Gancio” e la “Lega del Merluzzo”, vale a dire le due fazioni che si scontrarono in Olanda tra il 1350 e il 1490 per la successione al titolo di Conte d'Olanda. La “Lega del Gancio” rappresentava la nobiltà conservatrice, mentre la “Lega del Merluzzo” rappresentava la borghesia cittadina emergente e, per l'epoca, progressista. Frans van Brederode, un “Merluzziano”, conquistò Rotterdam nel 1488; ma, nel 1490, fu sconfitto nella Battaglia di Brouwershaven e morì in galera, a Dordrecht, nel 1490. La sua morte rappresentò anche la definitiva sconfitta dei “Merluzziani”.

La morte del cavalier Frans van Brederode nella sua cella della torre di Puttox a Dordrecht (11 agosto 1490).
La morte del cavalier Frans van Brederode nella sua cella della torre di Puttox a Dordrecht (11 agosto 1490).


[9] Anche quest'episodio grottesco (nelle peggiori tragedie c'è sempre qualcosa di grottesco) è del tutto reale. Il magazzino della notissima casa importatrice e produttrice di caffè Douwe Egberts, fondata a Joure nel 1753 da Egberts Douwes, si trovava nella Nieuwe Binnenweg.

douweegberts


Il magazzino, pieno di tonnellate di caffè in grani, fu centrato e prese fuoco: in pratica, tonnellate di caffè furono torrefatte. Con il successivo intervento per spegnere l'incendio fu letteralmente preparato un tragico ed enorme caffè, il cui profumo si spanse per tutta la città distrutta.

[10] Il centro storico di Rotterdam è diviso in porzioni, o quartieri, dai singelen (“canali”, “specchi d'acqua di suddivisione”) -termine derivato dal francese antico sengle o cengle, e, a sua volta, dal latino cingulum “recinzione”, “cinta”. I “canali di recinzione”, e i rispettivi quartieri, prendono nome dai punti cardinali. Alle estremità dei canali si trovano delle grandi piazze: abbiamo visto (nota 5) la Oostplein, che si trova all'estremità dell' Oostsingel (Canale Orientale). All'estremità del Noordsingel si trova, ovviamente, la Noordplein (Piazza Settentrionale).

[11] In questo caso deve essere fatto notare il contrasto tra le povere “bestie feroci assetate di sangue”, tigri e leoni in gabbia allo zoo e le belve reali, quelle “umane” sugli aeroplani con la croce uncinata.

[12] Si vedano le note [5] e [10]. Il Westersingel è il “Canale Occidentale” alla cui estremità si trova la Westerplein (“Piazza Occidentale”).

[13] Strada del Westersingel, divisa storicamente in due parti: la Kruiskade propriamente detta e la Wester-Kruiskade (il termine kade indica una diga di basse dimensioni). La Kruiskade costeggiava il Diergaarde, il giardino zoologico di cui si parla nella canzone. Rimase completamente distrutta nel bombardamento, mentre la Wester-Kruiskade fu tra le poche strade ad essere risparmiate.

[14] Strada elegante della parte nord del centro storico; anch'essa fu in gran parte risparmiata dalle distruzioni del bombardamento ed è tra le poche che mantiene tuttora l'aspetto tradizionale. Il nome della strada significa "collo di cigno" ed è dovuto al suo andamento un po' sinuoso; il fatto che, nella canzone, degli struzzi girino nel "Collo di Cigno" dopo il bombardamento aggiunge un altro particolare ironico, o grottesco.

[15] La Zwart Janstraat si trova nell' “Oude Noord”, la parte vecchia del Noordsingel abbastanza risparmiata dal bombardamento (attualmente è una lunga strada alberata piena di negozi, una delle principali “vie dello shopping” di Rotterdam). Propriamente è una parte del “Noordboulevard” assieme alla Noordmolenstraat. Il suo nome è legato ad un episodio della Guerra degli Ottant'Anni, vale a dire la guerra d'indipendenza dei Paesi Bassi dal dominio spagnolo (1568-1648) che vide poi sorgere la Repubblica delle Sette Provincie Unite, una delle grandi potenze dell'epoca. Un episodio invero piuttosto marginale nella lunghissima guerra, ma che è tra i pochi che avvennero a Rotterdam. Il 7 aprile 1572, ovvero dopo soli quattro anni dall'inizio della Rivolta, gli spagnoli arrivarono alle porte di Rotterdam; “spagnoli” è un termine abbastanza di comodo, in quanto le truppe erano formate esclusivamente da mercenari fiamminghi, borgognoni, tedeschi e italiani comandati dal governatore Bossu (che era francese, e che faceva “Gobbo” di cognome). Rotterdam si era dichiarata città neutrale e, proprio quel giorno, si stava tenendo una festa popolare; gli spagnoli si accamparono quindi fuori dalla Oostpoort, la Porta Orientale della città dove ora si trova la Oostplein (v. nota [5]). Durante la notte tra il 7 e l'8 aprile gli spagnoli tentarono di entrare, ma la popolazione -totalmente ubriaca, va fatto notare- li respinse. La mattina del 9 aprile si tenne una consultazione popolare con la quale fu deciso di lasciar passare gli spagnoli pacificamente e in piccoli gruppi; solo che la truppa spagnola, per dirla elegantemente, se ne impippò del tutto e entrò in città compatta. Si ebbero quindi dei forti scontri con la popolazione di Rotterdam, con una quarantina di morti (tra i quali il sindaco stesso di Rotterdam, Jan Jacobsz).

7 aprile 1572: le truppe spagnole fuori dalla Oostpoort di Rotterdam.
7 aprile 1572: le truppe spagnole fuori dalla Oostpoort di Rotterdam.


La prima vittima degli scontri fu un giovane fabbro, proprio alla Oostpoort. Non se ne conosce il vero nome, ma il soprannome: Zwarte Jan (o Swart Jan, Zwart Jan, vale a dire “Gianni il Nero”). Nero, ovviamente, per il suo lavoro alla fucina; le cronache riportano che, oltreché nero, era anche un'autentica montagna di muscoli. In quanto fabbro, una delle sue attività era quella di fabbricare armi, e di fornirle alle autorità cittadine e alla popolazione. Ebbe un ruolo molto importante e si trovò immediatamente in prima linea negli scontri, rimanendone vittima. Secondo la tradizione, fu addirittura ucciso dal governatore Bossu in persona, e poi fatto fare a pezzi.

swartian.


[16] Strada (“Via dell'Acqua al Mulino”) sempre del Noordsingel, nel quartiere del Provenierswijk (dove sorgeva il lebbrosario della città). La zona fu risparmiata dal bombardamento.

[17] Grande piazza (“Piazza della Corte”) della parte Nord del centro storico di Rotterdam. Vi si trovava la vecchia stazione ferroviaria Rotterdam-Hofplein (aperta il 1° ottobre 1908), che rimase distrutta nel bombardamento del 14 maggio 1940.

14 maggio 1940. Le rovine della Hofplein e della stazione ferroviaria.
14 maggio 1940. Le rovine della Hofplein e della stazione ferroviaria.

2019/11/11 - 20:52


Dove sono finite le note della traduzione italiana?...

sergio falcone - 2019/11/12 - 13:51


Non sono ancora state fatte, semplicemente. O meglio, sono in corso di redazione in quanto molto complesse e lunghe. Lo stesso vale per l'introduzione. A presto!

Riccardo Venturi - 2019/11/12 - 16:39


@Sergio Falcone.

La pagina è (finalmente) completata con l'introduzione e con le note. Chiedo ancora scusa per i tempi lunghi; ma, come si può vedere, si tratta veramente di una pagina complessa.

Riccardo Venturi - 2019/11/15 - 07:18



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org