Language   

Businà ‘d Castlët

Anonymous
Language: Italian (Piemontese)

List of versions


Related Songs

L'inondasion dël Pò
(Fausto Amodei)
Il disertore
(Alberto Cesa e Cantovivo)
Da Ursi (Storia vera)
(Giuliano Illiani (Donatello))


(1952)

I peccati in piazza


L'avversione popolare alla guerra non è legata a schemi ideologici o dottrinari, ma per le moderne classi subalterne è qualcosa di atavico e di istintivo: nasce da una esperienza di sfruttamento antica quanto il mondo. Come il contadino sa che per avere il raccolto deve gettare i chicchi nel solco, così, con la stessa deterministica certezza, sa che in una guerra, in ogni guerra, i « padroni del vapore » manderanno lui, proprio lui, a combattere e a morire per i « sacri confini » della Patria. Non si fa illusioni, non se le è mai fatte. La guerra fascista conferma e rafforza la sua amara consapevolezza della logica « unidimensionale » del potere. […]
Nella businà di Castelletto Monferrato del 1946, la prima dopo la tragedia della guerra voluta dal fascismo, la Fija dal palco elenca le malefatte « di quell'uomo che aveva sempre ragione »: « tra lui e Hitler e i mangia ebrei / hanno rovinato il mondo intero », concludendo con un moníto:
Ricordatevi dei dolori e dei dispiaceri, / di tutto quello che avete sofferto: queste cose possono ancora capitare! Suonate una volta che è carnevale!
E' un monito quanto mai attuale, che dimostra la maturità civile raggiunta, attraverso tante sofferenze, dal nostro popolo. Il quale, guardandosi attorno nel tormentato secondo dopoguerra, trova pochi motivi i serenità e di conforto. La pace è sempre in pericolo, ora più che mai, in questa civile e progredita « era atomica ». Lo esprime con estrema chiarezza e lucidità, in piena guerra fredda, la bosinata di CASTELLETTO MONFERRATO (Businà ‘d Castlët) del 1952.

Franco Castelli, “Businà CONTRO LA GUERRA E IL MILITARISMO” sulla rivista "La Provincia di Alessandria", anno XX, 1 gennaio- febbraio 1973.
Fió

I givu che dòp l'ultima uèra
j'avreisu avi la paz ans' tit la tèra?
Che per mil’ani tit l'umanità
l'avreisa seicà anmà 'd vivi e 'd laurà?
S'a dèi d'ascult anveci an tit al nasion
i tira semp la lòzna cun u tron;
tant an Egit, an Pèrsia e an Cureja
sa scond la man dòp avei tirà la preja.
Se al ment i fijsu bon-ni e san-ni,
i piantarreisu nent semp anmà dal gran-ni;
ch'i pensu che la gent j'àn nent smentià
i disaster du temp ch'a j'è pasà.
Ma l'America, la Russia e l'Inghiltèra
i crëdlu 'd guadagnà fanda la uèra?
A sev sa ch’l’è la uèra, o brava gent?
La civiltà quand ch'la va an faliment.
La siensa ch’l’à l’atòmica anventà
l'è u suicidiu 'd tit l'umanità.
L'è mei che i cap 'd tit al nasion
ch'as dagu la man e i balu ei curanton;
ch'j'amparu ben cui ch’l’à mustrà u Signur
a gindji ai pòpul sa ch'a l'è l'amur;
anveci ch'i fan möri tancc fanciòt,
ch'i preparu dal touli d'anilòt;
ch'i pensu che la uèra a l’à mustrà
che anche cui ch'ai vens a l'è fregà;
ciameji an pò s’l’è nent vei a l'Inghiltèra,
adès ch’l’à vencc as tróva cun u dré 'n tèra

Fija

L'è tantu bèl ant ista pòvra tèra
aurís ticc ben e cundanà la uèra!
Mitomma ei ben ei mal tit ant in migg
e j'eisi ticc per jin e jin per ticc;
sensa mitragliatriz, sensa canon,
uardei sa ch'a l’à facc l'inundasion!
Da chi 'nsimma lu giomma ciar e tond,
peichei se tit la gent ch'a j'è 'nt ei mond
i pudijsu decidi la so sòrt,
dal uèri as lamentarrelsa nanc pi i mòrt;
se al uèri po i fijsu a vutasion,
a ju fareisu anmachi i capurion.
Amiz, viva la paz e libertà
e stomma alegher ticc, ch'a l'è 'd carvà!

2019/11/5 - 16:50



Language: Italian

Traduzione di Franco Castelli
BOSINATA DI CASTELLETTO MONFERRATO

Giovane

Non dicevano forse, dopo l'ultima guerra,
che avremmo avuto la pace in tutta la terra?
Che per mill'anni tutta l'umanità avrebbe cercato solo di vivere in pace e lavorare?
Se prestate ascolto invece, in tutte le nazioni
scoppiano sempre lampi e tuoni;
tanto in Egitto che in Persia e in Corea
si nasconde la mano dopo aver tirato la pietra.
Se le menti fossero buone e sane,
non pianterebbero sempre solo delle grane;
pensino che il popolo non ha dimenticato
i disastri del tempo passato.
Ma l'America, la Russia e l'Inghilterra
credono di guadagnare facendo la guerra?
Sapete cos'è la guerra, o brava gente?
La civiltà che va in fallimento.
La scienza che ha inventato la bomba atomica
è il suicidio- di tutta l'umanità.
È meglio che i capi di tutte le nazioni
si diano la mano e ballino il trescone;
che imparino bene ciò che ha insegnato il Signore
dicendo ai popoli che cos'è l'amore: invece di far morire tanti giovanotti,
preparino tavolate di agnolotti;
pensino che la guerra ha dimostrato
che anche chi vince rimane fregato;
provate un po' a chiedere all'Inghilterra,
adesso che ha vinto è col culo per terra.

Ragazza

È tanto bello su questa povera terra
volersi tutti bene e condannare la guerra;
mettiamo il bene e il male tutto in un mucchio
e siamo tutti per uno e uno per tutti;
senza mitragliatrici, senza cannoni,
guardate cos'ba fatto l'inondazione!
Da qui sopra lo diciamo chiaro e tondo,
perchè se tutta la gente che c'è nel mondo
potesse decidere la sua sorte,
delle guerre non si lamenterebbero nemmeno più i morti;
se le guerre poi fossero a votazione,
le farebbero solamente i caporioni.
Amici, viva la pace e la libertà
e stiamo allegri tutti che è carnevale!

2019/11/5 - 16:51



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org