Language   

ואלס עם באשיר [אינקובטור - Incubator ]

Clique
Language: Hebrew


Related Songs

ואלס עם באשיר [Iconography]
(Max Richter)
Enola Gay
(Orchestral Manoeuvres In The Dark)
Il postino
(Luis Bacalov)


[1981]
Incubator

Testo / טעקסט / Lyrics / Paroles :
Danny Dotan / דני דותן
Musica / מוזיק / Music / Musique :
Eli Abramov / אלי אברמוב
סרט / Film /Movie / Film /
Valzer con Bashir / ואלס עם באשיר / Waltz with Bashir / Valse avec Bachir :
Ari Folman / ארי פולמן
Interpreti / זמרן / Performed by / Interprétée par :
Clique / הקליק
Album / אלבום :
Ima Ani Lo Rotze Lehigamel / אמא אני לא רוצה להיגמל / Mother I don't want to be weaned

HaClique


Premessa
Una damnatio memoriae o una conventio ad tacendum ? Questa canzone fu pubblicata nel 1981, traccia #6 dell’album citato. Fu rilanciata ventisette anni dopo come parte della colonna sonora del film Valzer con Bachir,ma è come scomparsa dalla circolazione. Basta fare una ricerca su google per rendersene conto. Soltanto pochissime fonti ne citano il nome en passant, in relazione alla colonna sonora di Valzer con Bachir. E’ vano esplorare le tracce della colonna sonora del film nei siti discografici; vano cercare il testo. A un certo punto sorge il dubbio che si sia trattato di un fake , di un errore propagatosi da un sito all'altro. E invece no. Dopo una ricerca alquanto impegnativa sul web israeliano , col traduttore automatico, grazie alla consultazione di testi di cultura ebraica e di attualità si è appurato abbastanza. Seguono i risultati.

Resoconto
Nel 1981 fu lanciato il primo album di HaClique “Ima Ani Lo Rotze Lehigamel / אמא אני לא רוצה להיגמל”, in italiano "Mamma, non voglio essere svezzato". Conteneva brani come "Golem", "Incubator", "Mastik Plastic". Il genere era un misto di rock alternativo e post-punk. L'album era caratterizzato da contenuti di protesta politica e anarchismo , inediti nella musica israeliana. I membri della band furono bollati dalla vasta maggioranza di israeliani come i cattivi ragazzi del rock. Queste le dichiarazioni del paroliere Dotan: "Nell'album abbiamo espresso ciò che sentivamo: odiamo il paese, odiamo i politici, siamo stanchi della situazione nel paese. Abbiamo dipinto la nostra realtà". Non fu un successo commerciale, furono vendute 1500 copie a mala pena.
Il secondo album intitolato "Crowded World" fu una svolta per HaClique .Dava un barlume di speranza, perché conteneva canzoni d'amore, canzoni di protesta e persino una canzone gay.
Tra i brani segnò un grande successo "אל תדליק לי נר / Al Tadliku Li Ner, in inglese "Don't Light Me A Candle". La canzone prende in giro l'adorazione della morte. Alla fine le persone si siedono con le candele e adorano qualcuno che è morto. È una canzone contro la guerra. I soldati che l’ hanno cantata durante la prima guerra del Libano hanno fatto della canzone un inno. La canzone venne incontro alla forte domanda di pace e di rimozione dell’angoscia che seguiva i giorni della prima Intifada, dopo il 1987. Ancora oggi c'è una certa riluttanza ad eseguire questa canzone: non viene suonata durante le cerimonie del Memorial Day.Un altro brano, Hey Yaldon / היי ילדון", in italiano Ehi ragazzo!, affronta per la prima volta nella musica israeliana il tema dell’omosessualità, tanto da essere preso a riferimento dalla Agudah (l'associazione LGBT israeliana). Anche negli altri brani dell’album sono presenti tematiche relative a omosessualità e bisessualità.
In breve, HaClique negli anni ’80 è diventata ingombrante per i temi trattati nel periodo attraversato dalla società israeliana tra la prima guerra in Libano e la prima Intifada. E’ ragionevole supporre che ai piani alti si siano dati da fare per evitare che la rottura e la protesta uscisse dalle discoteche per saldarsi con il disagio crescente della popolazione giovanile israeliana. Di fatto la band in pratica si sciolse e importa poco qui stare dietro ai motivi e ai modi.
Quanto detto spiega solo in parte però le disavventure della nostra canzone perché, se è vero che lo svezzamento che dà titolo all’album è un’allusione a droghe, è pur vero che la canzone è stata una delle tre canzoni punk scelte da Folman per Valzer con Bashir. L’interesse di Folman non poteva essere quello per la protesta adolescenziale in se stessa, che strizzava l’occhio agli allucinogeni, non sarebbe stato congruente con i messaggi e gli indirizzi del film. Allora la spiegazione deve essere cercata altrove.

La chiave di lettura sta nel Salmo 131. Il libro dei Salmi , Tehillim / תהילים , fa parte dei Ketuvim [Scritti] e quindi della Tanakh, che è la bibbia ebraica. Secondo la tradizione il Salmo 131 é stato scritto da Davide. Fa parte del gruppo di Salmi delle ascensioni in quanto fa riferimento ai pellegrinaggi alla città santa di Gerusalemme. E’ recitato il sabato pomeriggio tra le festività di Sukkot e il sabato antecedente la pasqua. Orbene, il versetto 2 riporta testualmente:

אם־לא שויתי ׀ ודוממתי נפשי
כגמל עלי אמו כגמל עלי נפשי


In verità ho calmato e quietato la mia anima.
Come un bambino svezzato con [/su] sua madre, come un bambino svezzato dentro me [è] la mia anima.


Sussistono più traduzioni ed interpretazioni. Quella citata è la più diffusa nella cultura ebraica ( il testo della Vulgata e le varie versioni veterotestamentarie cristiane si scostano sensibilmente).
Sembrano versi semplici ed innocenti, ma le immagini racchiuse hanno profonde implicazioni. Va precisato intanto che l’anima nella religione ebraica non ha a che vedere con l’anima nell’accezione cristiana, di derivazione neoplatonica: nella cultura ebraica non c’è spazio per il dualismo retaggio della filosofia greca. L’ immagine del bambino svezzato in contrapposizione a quella del bambino allattato è abbastanza frequente nella Bibbia. Come in Isaia, è un’allegoria del rapporto, complesso e fondante, tra Israele e il suo Dio.

Andiamo alle conclusioni.
Passi per la protesta sopra le righe, passi per la critica selvaggia del paese, passi l’atteggiamento anarcoide, passi forse l’antimilitarismo ma i testi sacri no, non si può fare sarcasmo e prendersene gioco dissacrando. Al più possono essere oggetto di discussioni, anche animate ma composte, secondo una tradizione ebraica consolidata nei secoli, posizione condivisa sia da osservanti che da non osservanti ebrei.
D’altronde Israele non ha una carta costituzionale ( la Legge Fondamentale, checché ne dicano alcuni giuristi, non si può definire tale). Perché? Semplice: la costituzione materiale non potrebbe prescindere dalla Torah.
Il dubbio espresso all’inizio può essere sciolto: si tratta di una conventio ad tacendum. Il cerchio è chiuso.

Nota testuale
Il testo della canzone è disponibile soltanto nei due siti seguenti:
shironet
Flash Lyrics

In entrambi il titolo אמא אני לא רוצה להיגמל è errato, scambiato con quello dell’album.

La traduzione dell’originale con il traduttore di google dà buoni risultati, almeno così sembra. Si è preferito ovviamente non riportarla sia per mantenere un certo rigore sia perché è immediato ottenerla per chi volesse, in mancanza di una traduzione a regola d'arte.



אינקובטור[1]

אמא אני לא רוצה להיגמל
אם אפסיק לינוק אתחיל להשתולל
אמא אני לא רוצה לעמוד
אם אלמד, יכריחו אותי לרקוד
אמא אני לא רוצה לדבר
אם אלמד, יכריחו אותי לשקר

אמא גומלים אותי בכח
מפוצצים לי את המוח
אמא לוקחים אותי ממך
אמא את רוצה שאחייך

אהה ניגמלתי, למדתי לעמוד
אהה ניגמלתי, עכשיו אני גדול
אהה ניגמלתי, ניגמלתי מהכל
Trascrizione
Transcription

[1] ayenqevbetver

ama aney la revtesh lheygeml
am apesyeq leynevq atheyl lheshetvell
ama aney la revtesh l'emevd
am alemd, yekreyhev avety lerqevd
ama aney la revtesh ledber
am alemd, yekreyhev avety lesheqr

ama gevmelyem avety bekh
mepvetsetseym ley at hemvh
ama levqheym avety memk
ama at revtesh shaheyyek

ahh neygemlety, lemdety l'emevd
ahh neygemlety, 'ekesheyv aney gedvel
ahh neygemlety, neygemlety mhekl

Contributed by Riccardo Gullotta - 2019/9/6 - 13:03



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org