Language   

Holiday In Cambodia

Dead Kennedys
Language: English

List of versions


Related Songs

Kill The Poor
(Dead Kennedys)
New Feudalism
(No W.T.O. Combo)
Dead Kennedys: Religious Vomit
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)


Questa canzone,tratta dal primo album della punk band californiana (Fresh Fruit For Rotting Vegetables,1980), fu scritta dal cantane Jello Biafra principalmente per denunciare i soprusi inferti da Pol Pot e dal suo regime dittatoriale all'intera popolazione cambogiana. Una dura critica verso ogni forma di regime. Un inno del punk.

(A)lessandro Criscitiello
dead kennedys - holiday in cambodia us picture cover

The song appears to be an attack upon both Eastern totalitarianism and Western complacency. The song's lyrics offer a satirical view of the young, self-righteous American upper class (So you been to school/For a year or two/And you know you’ve seen it all/In daddy’s car/Thinkin’ you’ll go far...) and contrast such a lifestyle with a brutal depiction of the horrible Pol Pot regime of Cambodia (Well you’ll work harder/With a gun in your back/For a bowl of rice a day/Slave for soldiers/Till you starve/Then your head is skewered on a stake).
(wikipedia)
So you been to school for a year or two
And you know you've seen it all
In daddy's car thinkin' you'll go far
Back east your type don't crawl
Play ethnicky jazz to parade your snazz
On your five grand stereo
Braggin that you know how the niggers feel cold
And the slums got so much soul

It's time to taste what you most fear
Right Guard will not help you here
Brace yourself, my dear

It's a holiday in Cambodia
It's tough kid, but it's life
It's a holiday in Cambodia
Don't forget to pack a wife

Your a star-belly sneech you suck like a leech
You want everyone to act like you
Kiss ass while you bitch so you can get rich
But your boss gets richer on you
Well you'll work harder with a gun in your back
For a bowl of rice a day
Slave for soldiers til you starve
Then your head skewered on a stake
Now you can go where people are one
Now you can go where they get things done
What you need my son:

Is a holiday in Cambodia
Where people dress in black
A holiday in Cambodia
Where you'll kiss ass or crack

Pol Pot, Pol Pot, Pol Pot, Pol Pot [etc.]

And it's a holiday in Cambodia
Where you'll do what you're told
A holiday in Cambodia
Where the slums got so much soul

Contributed by (A)lessandro Criscitiello - 2007/3/20 - 16:31


E' disponibile una traduzione ?

Grazie

Willy - 2007/3/21 - 15:12



Language: Italian

Traduzione maccheronica by My Dear Ass da
questo forum:
VACANZA IN CAMBOGIA

Così sei stato a scuola per un anno o due,
e credi di avere visto tutto.

Nell'auto di papà pensando che andrai lontano,
laggiù sll'est i tipi come te non strisciano.

Suoni jazz etnico per mostrare il tuo gusto
sul tuo stereo di lusso,
spiegando che sai bene quanto i negri abbiano freddo
e come nelle baracche ci sia così tanta sofferenza.

E' tempo di provare ciò che più temi,
e la right guard qui non ti aiuterà.

Tieniti stretto mio caro,
tieniti stretto mio caro.

E' una vacanza in Cambogia,
e' dura ragazzo, ma questa e' la vita.

E' una vacanza in Cambogia,
non dimenticare di portarti una moglie.

Sei proprio un fottuto porco, succhi come una sanguisuga,
vuoi che tutti si comportino come te.

Bacia il culo mentre ti lamenti, così puoi diventare ricco,
ma il tuo boss diventa più ricco su di te.

Beh lavorerai di più con un fucile alla schiena
per una scodella di riso al giorno,
schiavo dei soldati finché non morirai di fame
poi la tua testa sarà infilata su di un palo.

Ora puoi andare dove la gente e' unita,
ora puoi andare dove fanno funzionare le cose.

Quello di cui tu hai bisogno figlio mio......

e' una vacanza in Cambogia,
dove la gente veste in nero.

Una vacanza in Cambogia,
dove baci il culo o muori.

Pol Pot, Pol Pot, Pol Pot, Pol Pot, Pol Pot, Pol Pot, Pol Pot, Pol Pot.

Ed e' una vacanza in Cambogia,
dove farai ciò che ti viene detto.

E' una vacanza in Cambogia,
dove nelle baracche c’è così tanta sofferenza.

Contributed by Alessandro - 2007/3/28 - 13:34


beh la traduzione non è male ma non perchè conosca l'inglese solo perchè mi hanno colpito dei versi e se trasmettono per me è importante. Mi piace molto: "..schiavo dei soldati.." "...finchè non morirai di fame" c'è sicuro molta sensibilità in chi l'ha tradotta. ...ciao stefano

Stefano - 2007/10/12 - 10:04


dimenticavo una cosa: proporrei alessandro per tradurre i testi dei dead kennedys. io sto cercando tutti i testi tradotti ma non trovo un sito decente.....stefano

2007/10/12 - 10:10


ciao,volevo sl dire una piccola cosa riguardo alla traduzione:che Cambodia e Cambogia nn sn la stessa cosa,si trovano tutte e due in Asia e sn anche vicine ma nn sn la stessa cosa.Grazie.

Pervinca - 2008/2/8 - 21:02


no, scusate, ho sbagliato io, Cambodia e Cambogia sn la stessa identica cosa, scusate ancora.

Pervinca - 2008/2/10 - 18:44


Complimenti Bella traduzione

Gaetano - 2009/12/9 - 15:58


Bellissima traduzione complimenti!

Solo 2 perplessità:

- hai tradotto "the slums got so much soul" come "che nei bassifondi ci sia tanta sofferenza" e invece io ho sempre creduto che quel verso si riferisse ai figli di papà radical-chic che credono che negli slums ci sia tanta "soul", nel senso di "spirito", "colore", che siano "cool", anche dal momento che il marmocchio ascolta "jazz etnico sullo stereo da 5 bigliettoni" comprato da papà...mi sbaglio?

- Dapprima pensavo che "right guard" si riferisse alla "guardia alta", nel senso che il pugilato o il wrestling da high school, da "bravi ragazzi", non è di nessuna utilità in Cambogia. Invece ho scoperto che Right Guard è la marca di un deodorante da uomo, e credo suoni un pò come da noi il Denim, "per l'uomo che non deve chiedere mai".

Comunque ancora bravissimo!

baphomet - 2009/12/18 - 02:35


Non è una canzone contro la guerra, nè tantomeno un inno al pacifismo, piuttosto un'anatema contro tutti gli pseudo intelletuali radical chic che decantavano le lodi dei cosidetti paesi rossi con il culo al sicuro nell'occidentalissima America. Da qui l'invito ad andare in Cambogia a vedere come funzionavano davvero le cose...

mongreal - 2010/5/8 - 12:19


sul "soul" degli slum ha ragione Baphomet, sullo spirito del testo concordo con Mongreal, notando purtroppo che resta attualissima, dato l'alto numero di nostalgici.

JelloYello - 2011/9/15 - 12:21


Ciao a tutti! La traduzione la trovo ottima, ma penso che ci sia un errore nel testo di partenza: nell'ultimo verso del primo ritornello credo dica "Don't forget to pack your whites", ovvero la biancheria pulita, riferendosi agli occidentali che vanno in vacanza (o a fare scottanti e toccanti inchieste) nei posti dilaniati da guerra e condizioni di vita infime facendo bene attenzione a portarsi dietro vaccini, ddt, acqua disinfettata e portatile con internet wi-fi e non scordandosi di alloggiare in capanne con zanzariere, pagando una guida esperta con jeep annessa, in modo da poter ben comprendere le difficoltà che affliggono la popolazione locale. Anche perché pack è un po' invaligiare, e non mi suona molto bene con una moglie :)

The Dude - 2011/11/18 - 15:18


Si parla di radical chic o di estremisti che dall'occidente lodano criminali come PolPot e Yeng Sary che hanno trucidato milioni di persone nel nome di un ideologia e di un regime balordo. sapete che ancora oggi , in Italia il Partito Marxista Leninista Italiano loda Pol Pot? Provate per credere , basta cercare su google "PolPot PMLI".....

Giuseppe - 2013/1/13 - 13:01


che dire... i Dead Kennedys sono dei geniacci!

JAY JAY - 2014/1/3 - 12:17


Rileggo il testo in questo momento dalla .. Cambogia. Concordo con l'interpretazione di una critica al pensiero radical-chic di chi pensa di sapere come stanno i "negri" (qui Jello è volutamente provocatorio) e magari pensa che Pol Pot fosse un rivoluzionario. Testo eccezionale (grazie a chi ha spiegato "right guard"!) Dead Kennedys una spanna sopra tanti gruppi punk per intelligenza e capacità provocatoria.

Be Strong Be Wrong - 2016/12/26 - 13:34



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org