Language   

Bankrobber

The Clash
Language: English

List of versions


Related Songs

Breaking the Law
(Judas Priest)
Washington Bullets
(The Clash)
Police On My Back
(The Equals)


[1980]
Parole e musica di Mick Jones e Joe Strummer
Singolo poi incluso nella raccolta “Black Market Clash” del 1980

Bankrobber Black Market Clash


Mi viene bene di proporre questa canzone dopo aver ascoltato alcune allegre notiziole, tipo quella che c’è il 16% degli italiani sotto la soglia di povertà e invece un altro 10% che da solo detiene il 50% della richezza nazionale… La fonte dei dati è Bankitalia, già, quel famoso istituto pubblico in mano alle banche private – in testa San Paolo e Unicredit - cui nei giorni scorsi il Governo (zitto zitto, mentre tanti italiani esausti facevano l’ennesima coda per pagare l’ennesimo balzello) ha regalato 7,5 miliardi di euro prelevandoli dai fondi d’emergenza nazionali…
C’è poi anche che alla Electrolux, negli stabilimenti che non verranno chiusi, i padroni vogliono pagare agli operai – a quelli che non verranno licenziati - 900 euro al mese al posto dei 1.400 che prendono oggi…
Ma allora la soluzione è semplice! Se la gente annaspa e viene immiserita ogni giorno di più, se ormai tutti i soldi ce li hanno pochi ricchi e le loro banche, non resta altro da fare che…
My daddy was a bankrobber
but he never hurt nobody
he just loved to live that way
and he loved to steal your money

Some is rich, and some is poor
that’s the way the world is
but i don’t believe in lying back
sayln’ how bad your luck is

So we came to jazz it up
we never loved a shovel
break your back to earn your pay
an’ don’t forget to grovel

The old man spoke up in a bar
said i never been in prison
a lifetime serving one machine
is ten times worse than prison

Imagine if all the boys in jail
could get out now together
whadda you think they’d want to say to us?
while we was being clever

Someday you’ll meet your rocking chair
cos that’s where we’re spinning
there’s no point to wanna comb your hair
when it’s grey and thinning

Run rabbit run
strike out boys, for the hills
i can find that hole in the wall
and i know that they never will

Contributed by Bernart Bartleby - 2014/1/28 - 08:31




Language: Italian

Traduzione italiana dal blog Non volevo che si chiamasse così…
RAPINATORE DI BANCHE

Papà era un rapinatore di banche
ma non ha mai fatto male a nessuno,
è che gli piaceva vivere in quel modo
e gli piaceva rubare i tuoi soldi!

Qualcuno è ricco e qualcuno è povero:
così va il mondo,
ma non credo che ci si debba adagiare
prendendosela con la cattiva sorte!

Così eccomi qua a smuovere la situazione:
non ci è mai piaciuta la pala:
spezzarsi la schiena per guadagnare il salario
e senza scordarsi di ringraziare.

Il vecchio parlava a voce alta in un bar:
diceva di non essere stato mai in prigione
ma che una vita al servizio di una macchina
è dieci volte peggio di una prigione!

Immagina se tutti i ragazzi in galera
uscissero tutti insieme adesso:
che cosa pensi che verrebbero a dirci
mentre noi tiravamo avanti da furbi?

Prima o poi troverai la tua sedia a dondolo
perché è verso questo che andiamo.
Non c’è motivo di assestarsi i capelli
quando sono grigi e radi.

Corri coniglio, corri!
Filiamocela ragazzi, verso le colline.
Io posso trovare quel varco nel muro
e so che loro non lo troveranno mai.

Contributed by Bernart Bartleby - 2014/1/28 - 08:31




Language: Italian (Lombardo mantovano)

Versione mantovana / A version in Mantova Lombard / Version lombarde de Mantoue / Mantovankielinen versio Michele Mari

furmentu




Michele Mari – Voce e Mandolino
Lorenzo Bertolini – Chitarra e Cori
Omar Ferlini – Organo

bankrobber
Me pader lü el rubàa le banche*
ma l’à mai cupà gnisü
el se gudìa a rubà ai siór
ghe piasìa ciàag i solcc

Argü l’è siór, argü puarét
l’è isé che gira el mónd
ma g’à mia senso sta lé a sigà
şa tant gnisü el rispónd

Isé se sóm dai de fa
cun na badila en ma
spachet la schéna per du sólcc
e va’ avanti en şenòcc

En veciòt al bar el disìa
che l’èra mai sta ‘n presù
‘na vita a fa ‘n mistér de ca
l’è pès che sta ‘n presù

Pröa a pensà se töcc i pütèi
i gh’és de catàt per strada
cun le badile che gh’ì mis en ma
pröa a pensà cum’i te dà

En dé te sarè sóta tèra
l’è lé che se finìs
che senso g’à petenàs
se te sé bèle pelà?

Scapa scapa, curniöl scapa vià
vià, vià, de luntà de ché
en de cataró el büs en del mür
lur i la caterà mai
* Mio padre rapinava le banche, ma non ha mai ucciso nessuno. Si divertiva a rubare ai signori, gli piaceva fregargli i soldi.
Qualcuno è ricco, qualcuno è povero, è così che gira il mondo, ma non ha senso stare lì a piangere, tanto nessuno ti risponde.
Così ci siamo dati da fare con un badile in mano, spaccati la schiena per due soldi e va’ avanti in ginocchio.

Un vecchio al bar diceva che non era mai stato in prigione; una vita a fare un mestiere da cani è peggio di stare in prigione.
Prova a pensare se tutti i ragazzi dovessero incontrarti per strada, con i badili che gli avete messo in mano, prova a pensare come ti pestano.
Un giorno sarai sotto terra, è lì che si finisce, che senso ha pettinarsi se sei già pelato?

Scappa scappa, coniglio scappa via, via, via, lontano da qui, un giorno troverò il buco nel muro e loro non lo troveranno mai.

Contributed by Dq82 - 2022/3/5 - 10:31



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org