Lingua   

Non dimentiCarlo

La Resistenza
Lingua: Italiano




Scrivo dei fatti del g8 che ho scoperto
E che oggi schifo, dei torti di quel luglio maledetto,
C'è il sospetto, lo ammetto, che tutto sia un copione
Già scritto e mai detto l'autore del soggetto

Penso ai tanti andati lì sperando di manifestare
Ai giovani picchiati armati solo di ideali
Ma quale diritto di sfilare se un tonfa alle spalle
Ti manda all'ospedale

Io sono quel dottore piegato dal dolore
Che impreca e piange ed ha già lo sguardo del terrore
Io son quel ragazzo che fugge dalla piazza
E in sette lo raggiungono e gli spezzano le braccia

Genova, Genova, io non c'ero ma ci credo
Genova, Genova, che qualcosa è andato storto
Genova, Genova, io non c'ero lì sul porto
Ma Genova, Genova, Genova...

Vita ne parla quasi fosse stato tutto
Una partita, ma, dica, in quale sfida onesta
Ci sta un colpo alla testa che passi per svista
E qualcuno protesti "era un fallo di mischia"

Vedo camionette pazze contro muri di persone
Che fuggono smarrite senza darsi una ragione
E un altro elicottero mi romba sulla testa
E indica la mia posizione

Io sono quella tipa che cade senza vita
Colpita a morte e chissà dove poi sia finita
Io sono lo straniero picchiato a Bolzaneto
In piedi da trent'ore contro un muro che non vedo

Genova, Genova, io non c'ero ma ci credo
Genova, Genova, che qualcosa è andato storto
Genova, Genova, io non c'ero lì sul porto
Ma Genova, Genova, Genova...


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org