Lingua   

Le grand-père d'Amérique

Marco Valdo M.I.
Lingua: Italiano



Il nonno d'America
 
Siam tutti emigrati, siam tutti immigrati
Siam venuti da tanti paesi
Diversi, cosi strani
 
Roland, il mio amico
Il mio amico Roland conta
 
Il nonno era andato
in America, America
e n'è rivenuto
d'America, America
Molto ricco, molto ricco
Era il principio del secolo scorso
Quando era partito
Con la moglie e loro bambini
Spinti per la fame, spinti dalla scarsità
 
 
Dopo la guerra, la guerra finita
Erano tornati
lui, la moglie e i figli
Come dappertutto nel paese,
tutte le case della via
Erano distrutte, diroccate
Per la guerra, per la mancanza
Come dappertutto nel paese,
dopo la grande guerra,
erano da vendere
tutte le case della via.
 
Il nonno americano
ricco, molto ricco
avrebbe dovuto comprarle
Tutte, tutte le case della via
Per rifarle tutte le case
Avrebbe avuto per la famiglia
Lavoro e serenità.
Ma cosi, non l'ha fatto
Ha comprato solo una sola
E ha bevuto il resto.
 
Dell'America, America
Il nonno era tornato
Ricco, troppo ricco
Il nonno accendeva
Il sigaro con un biglietto
D'uno dollaro d'America
Il nonno era tornato
Ricco, troppo ricco
Per uno anno solo, uno solo anno.
Dopo non resta
più ch'ha cercare un' lavoro
Per uno centesimo l'ora.
 
Era all'inizio del secolo scorso
Qualche parte in Belgio.
Il nonno troppo ricco
Era d'un paese di Belgio.
 
Siam tutti emigrati, siam tutti immigrati
Siam venuti da tanti paesi
Diversi, cosi strani
 
Roland, il mio amico
Cosi me l'ha contato.
 


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org