Language   

Cantata di lupara

Franco Trincale
Language: Sicilian



Ha cantato la lupara
n'altro morto ieri sira
era un gran lavuraturi
si chiamava Salvaturi.

Sutta un alberu agghiurnavu
come fossi che dormiva
nveci è stato assassinato
con due colpi di lupara.

Avia statu in cuntinenti
dentro li fabbriche importanti
avia fattu l'operaio
e cchiù spertu ritornau.

E parlava a li cumpagni
mentre ieva a travagghiari
per la sorte migliorari
di la genti zappaturi.

Salvaturi, tornando
di lu continente
dentro le fabbriche
tornau più emancipato,
più spertu,
e parlava 'nta li compagni
a li braccianti
per occupari le terre,
per ribellarsi
contro l'oppressione
di lu grosso
padruni agrario, ma...

Lu padruni lu chiamau
«Bada a te, o Salvaturi
tu si un uomo avvisatu
se vuoi essere salvato».

Gente vile e malfattori
de la stirpe senza cori
che vuliti comandare
con la legge di lupara.

E Salvatore continuava
a parlare, e non aveva paura,
e parlava a li picciotti:
«Picciotti! Li terre
amm'occupari,
ci dobbiamo ribellari
come fanno li operai d
i lu Nord, tutti uniti
contro li padroni».
Ma Salvatore non cedette
a li ricatti, e così
lu padruni pagau li mafiusi,
l'esecutore de li delitti
che s'appostarti
dietro una siepe,
e quando Salvatori
era a travagghiari
cci spararo a tradimento...

Ciuri russi hannu purtatu
li cumpagni a Salvaturi
c'è na vecchia addulurata
che tu chianci a tutti l'uri.

E c'è misa na balata
dove giace Salvaturi
con la scritta collocata
che fa chianciri lu cori.

E la scritta ne la lapide
dov'è la tomba
di Salvatore Carnevale dice così:

"Ntra lu scuru d'a matina
ccu dui colpi di lupara
ammazzaru a Salvaturi
li mafiusi di la Sciara".


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org