Language   

Venezia-Istanbul

Franco Battiato
Language: Italian


Related Songs

Delenda Carthago
(Franco Battiato)
L'ultima festa
(Nada)
Sulle rive del fiume
(Nada)


[1980]
Testo e musica di Franco Battiato
da "Patriots"
Interpretata anche da Nada
Franco Battiato diversi anni fa, con la sua curatissima acconciatura.
Franco Battiato diversi anni fa, con la sua curatissima acconciatura.




La canzone, come accade spesso nel cantautore siciliano, rappresenta la realtà delle cose inserendo momenti ed esperienze della sua vita.
E' singolare a mio avviso la capacità con la quale riesce a raccontare indirettamente la crudeltà della chiesa nel medioevo ("un tempo si uccidevano i cristiani e poi quest'ultimi con la scusa delle streghe ammazzavano i pagani...").

Ma molto più significativo è il passaggio finale della canzone: "e perchè il sol dell'avvenire splenda ancora sulla terra facciamo un pò di largo con un'altra guerra"
Pare propio il proclama del presidente dello stato più potente (economicamente!) sulla terra e del suo fedele compagno europeo...
Venezia mi ricorda istintivamente Istanbul
stessi palazzi addosso al mare
rossi tramonti che si perdono nel nulla.

D' Annunzio montò a cavallo con fanatismo futurista
quanta passione per gli aeroplani e per le bande legionarie
che scherzi gioca all'uomo la Natura.


Mi dia un pacchetto di Camel senza filtro e una minerva
e una cronaca alla radio dice che una punta attacca
verticalizzando l'area di rigore
Ragazzi non giocate troppo spesso accanto agli ospedali.

Socrate parlava spesso delle gioie dell'Amore
e nel petto degli alunni si affacciava quasi il cuore
tanto che gli offrivano anche il corpo
fuochi di ferragosto.

E gli anni dell'adolescenza pieni di battesimi
e comunioni in sacrestia
Ave Maria.

Un tempo si giocava con gli amici a carte
e per le feste si indossavano cravatte
per questioni estetiche e sociali
le donne si sceglievano un marito per corrispondenza.

L'Etica è una vittima incosciente della Storia:
ieri ho visto due [uomini] che si tenevano abbracciati
in un cinemino di periferia
e penso a come cambia in fretta la Morale

Un tempo si uccidevano i cristiani e poi questi ultimi
con la scusa delle streghe ammazzavano i pagani
Ave Maria

E perché il sol dell'avvenire splenda ancora sulla terra
facciamo un po' di largo con un'altra guerra.

Contributed by Raffaele, Milano



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org