Lingua   

Lupus in fabula [Il lupo e l'agnello]

Daniele Sepe



E nonna nonna nonna
e nonna nonnarella
o lup' s'ha magnat'
'a pecurella.

Un lupo ed un agnello
per togliersi la sete
vanno a bere in un ruscello
che scorre fra le pietre.
L'agnello sta laggiù nella pianura
e il lupo un po' più in alto
sull'altura.
Il lupo ha già mangiato, è sazio
ma quando si volta e vede l'agnello
decide di farsi passare lo sfizio
e cerca i motivi per fare un macello

Hey you bastard!
Cumm'è, let me undestand
A staje facenn' na chiaveca
a water ca sto bevenno.
Staje tutto dirty, chin 'e fraveca
What motherfukker staje capenn?"

Il povero lanuto,
è intimidito:
"Scusa, ma come avrei potuto?
Tu bevi il liquido appena scaturito
che poi scorrendo giù di sasso in sasso
arriva fino a me che sto qui in basso!"

La cosa appare evidente
ma il lupo subito riprende
"Ahhh Aggio riconosciut' a voice
si tu, si tu ca sett mis' ago
nn'anz' all'amici
parlav' mal' e me
famm verè
dimmell' 'nfaccia mo!

"Ma no, che dici, ti sei sbagiato"
dice l'agnello spaventato
"io sette mesi fa non ero neanche nato!"

"Ok! Now i remember…
fuje patet' ca se pigliaie
a sfaccimma ra cunferenz
e mo ca tu staje ccà
sarraje you a pavà tutt'e conseguenz!"
E come l'ebbe fra le mani lo ridusse
a brandelli a pezzi a brani.

Esopo, Fedro, La Fontaine
cagnano 'e secoli, nun cagnan' e fetient
che arroganti, violenti e prepotenti
pezzi di merda, infami e disonesti
con dei falsi pretesti
massacrano innocenti


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org