Language   

Morto n°18

Giuseppe Mereu [Doc Pippus]
Language: Italian



L’uliveto era verde sotto il sole...
e poi, sotto la luna, era d’argento
profumava di rugiada e di viòle...
io contemplavo il cielo, il firmamento
le galassie e l’infinito azzurro,
ascoltavo i richiami del vento :
il suo richiamo, il suo sussurro. (bis)

Il camion degli operai è fermo,
è dopo la curva che l’ hanno bloccato...
Tutto è calmo in quel mattino d’inverno...
In faccia al sole ci hanno allineato...
Alzo gli occhi sull’astro incandescente,
che sale palpitante là, da oriente,
è un bacio la sua luce risplendente. (bis)

Penso ai tuoi fazzoletti profumati
a lenzuola e asciugamani immacolati...
Tutto è calmo in questo giorno d’inverno...
Un istante che il tempo rende eterno.
Il camion degli operai è bloccato
è dopo la curva che l’hanno fermato.
In faccia al sole ci hanno allineato.(bis)

Cara, ti darei tutto, oltre al mio cuore,
la luce, l’ombra e il più bel fiore,
il più bel verso d’amore mai detto.
Ogni notte io verrò nel tuo letto
Per dirti quanto ti abbia sempre amato...
E se non verrò, amore mio diletto,
vorrà dire che mi hanno arrestato. (bis)

L’uliveto era verde e d’argento,
palpitavano le foglie per il vento
ed era, amor mio, un incanto... .
Ora è rosso di sangue l’uliveto...
Son tutti morti, un crimine consueto ...
Al mio giuramento contravvengo...
Mi hanno ucciso, perdona se non vengo.


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org