Lingua   

6 ottobre 1943

Terre del Sud
Lingua: Italiano (Abruzzese)



Mamma perdone, nin ti voje da dulore
Ti tenghe sempre dentre a lu core
Ma lu sangue a ‘rivolle, nin pozza aspettà
Vaje a cumbatte pi la libertà

Si sente li spare, si sente li strille,
n’aria ribelle, ch’avastè na scintille
a Pozze Pajare ieri hanne attaccate
la guerrije a Lanciane ha cumenzate

si vede persone che scappe ugne vanne
si sente lu fume ca ti pije ‘nganne
N’ci po’ stà pace, nin ci po’ stà future
Sotte a tiranne, ‘nghi sta’ dittature

Mamma perdone, nin ti voje da dulore
Ti tenghe sempre dentre a lu core
Ma lu sangue a ‘rivolle, nin pozza aspettà
Vaje a cumbatte pi la libertà

Hann’ accise Trentine, l’hanne cicate
Attaccate a ‘nu tronche, gli hanne sparate
Manghe trent’anni, ‘nza fatte piegà
Ha scagnate la vita, ‘nghi la dignità

‘nghi quattre schiuppette, ‘nzi vince la guerre
Forse si more, forse nin serve
Ma arrive l’ora che la libertà
È gne lu bisogne di respirà

Mamma perdone, nin ti voje da dulore
Ti tenghe sempre dentre a lu core
Ma lu sangue a ‘rivolle, nin pozza aspettà
Vaje a cumbatte pi la libertà

Tineme nu mostre, che ve’ da luntane
ci tratta da bestie e no da cristiane
c’arrubbe, ci sfrutte, ci dà lu tormente
Si pije la vite a la povera gente

corpi di giuvene, riverse pe’ terre
lacrime e sangue, che bagne la terre
Remo, Vincenzo, Nicola, Gaetane …
Ma lotta, combatte e resiste Lanciane

Mamma perdone, nin ti voje da dulore
Ti tenghe sempre dentre a lu core
Ma lu sangue a ‘rivolle, nin pozza aspettà
Vaje a cumbatte pi la libertà Mamma perdone…


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org