Language   

Un caso di paranoia (delirio per strategia)

Margot
Language: Italian




Mi si sia concesso l'onore
Signori consiglieri, signor governatore
Di esporvi una proposta per salvare la nazione
Secondo prudenza e secondo ragione

Oggi nella nostra città di Dublino
Il popolo langue, la ricchezza è in declino
Folle cenciose di bimbi mendicanti
Avvinghiati alle gambe dei passanti
Si trascinano coi piedi insanguinati
Sbavando addosso come cani affamati

Non facciamoci misteri, per noi è impossibile
Introdurli nei vestiari, impiegarli in manifattura
O in opere di agricoltura o in opere di agricoltura
I bimbi sotto i quindici anni
Mangiano solo e recano malanni
I bimbi sotto i quindici anni
Mangiano solo e recano malanni

Prima di diciotto anni, un ragazzo è una merce invendibile
Mentre è incredibile la quantità di beni che riesce a consumare
In cenci, scarpe, roba da mangiare
I bimbi sotto i quindici anni
Mangiano solo e recano malanni

Da una testimonianza americana
Pare che un bimbo di un anno appena
Se ben nutrito da una madre sana
Sia un cibo delizioso e nutriente
Per il palato di molta gente
Ho calcolato in modo approssimato
Che un bambino che sia appena nato
Pesa soltanto dodici libbre
Ma dopo un anno di allattamento
Raddoppia il peso... ed è un investimento
Perché si alleva senza spese un figlio
Con solo latte che la madre spande
Mentre per allevare un maiale
Ci voglion tante ghiande
Erba per un coniglio
Fieno per i vitelli
Ed un fucile per gli uccelli

La nostra Irlanda produce annualmente
Duecentomila bimbi di povera gente
Duecentomila bimbi di povera gente
Ho potuto calcolare
Che la spesa per il mangiare
Di un figlio di mendicante
Di contadino, di bracciante
Non supera due scellini
Tre per i gemellini
Nel periodo seguente
Lo stato di lattante
Cioè finché matura
La carne e il peso della creatura
La carne e il peso della creatura

Un bimbo grasso può costare
Dieci scellini sul mercato
E ogni macellazione può portare
Dieci scellini di guadagno netto
Sotto a un povero tetto
Sotto a un povero tetto
I bimbi sotto i quindici anni
Mangiano solo e recano malanni
I bimbi sotto i quindici anni
Mangiano solo e recano malanni

Sarà un cibo caro, questo è vero
Ma ornerà la mensa dei fondiari
Dei benestanti, dei ricchi non avari
Sollevando i bilanci familiari
Del popolo minuto non meno di un aumento dei salari
I bimbi sotto i quindici anni
Mangiano solo e recano malanni
I bimbi sotto i quindici anni
Mangiano solo e recano malanni

Questa è la mia modesta proposta
Che sottopongo all'attenzione vostra
Che sottopongo all'attenzione vostra:
Macellazioni regolari
Macellazioni regolari
Distribuzione dei denari
Distribuzione dei denari
Macellazioni regolari
Macellazioni regolari
Distribuzione dei denari
Distribuzione dei denari
Macellazioni regolari
Macellazioni regolari
Distribuzione dei denari
Distribuzione dei denari
Macellazioni regolari
Macellazioni regolari
Distribuzione dei denari
Distribuzione dei denari

Vediamo ora di elencare
I vantaggi di questo nuovo affare
Primo: sollievo del mercato nazionale
Non avremo troppe merci da importare
Secondo: i molti debitori abituali
Avranno un nuovo bene da farsi sequestrare
Un tignoso figlioletto
Invece del lercio materasso del letto
Terzo: le donne, le donne feconde
Non dovran più bestemmiare
Il santo letto matrimoniale
Perché fonte di bene materiale
Il letto matrimoniale
Fonte di bene materiale
Quarto: crescerà il traffico alberghiero
Per il nuovo piatto lusinghiero
Tenere carni ben arrostibili
Non più montoni indigeribili
Tenere carni ben arrostibili
Non più montoni indigeribili
Quinto: soffierà sulla vita coniugale
Un bello spirito morale
Le madri chine sulle creature
Stringeran tra i cenci con amore
La pregiata carne partorita con dolore
Mai timore d'aborto
Mai più marito accorto
Picchierà la moglie ingravidata
Mai più, mai più, mai più legnate
Ma carezze innamorate
Come per le cavalle impregnate
Come per le cavalle impregnate
Sesto: non scordiamo le esportazioni
Ne possiamo fare previsioni
Su un incremento del trenta per cento
A partire dal mese di aprile
Sulla vendita all'estero
Delle carni di un barile

Mi son giunte voci molto insistenti
Da parte di alcuni consiglieri
Sulle persone indigenti:
Vecchi malati, idioti mutilati
Io ritengo che la loro esistenza
Non tocchi la nostra coscienza
Ogni dì, costoro, lasciano la terra
Affamati marci e intirizziti
Rosi da bubboni infetti
Divorati dagli insetti
Rosi da bubboni infetti
Divorati dagli insetti
E riguardo ai giovani lavoratori
Non abbiate dei timori
Essi son disoccupati
E perciò non son nutriti
Se venissero impiegati
Sarebbero licenziati
Da lavoratori deboli, ignoranti
Divenuti ladri, mendicanti
Predestinati morituri
Liberano la nazione
Il paese e loro stessi
Da tutti i mali futuri

La nostra strada è lunga, ma possiamo arrivare
Basta continuare così
A quarantadue chilometri sulla stella del mattino
Dentro al cestello del cuoricino
Lassù vedemmo tutti un uomo grande
Con una lastra di ardesia sul petto
Da portare sul tetto:
Era Dio che, tra lampi e tuoni
Aveva fatto sorgere i mattoni
Era Dio che, tra lampi e tuoni
Aveva fatto sorgere i mattoni

Ma io avevo fatto il tetto
E gli ho detto:
"Voglio essere pagato"
Questo non risultò gradito
Dio si era stufato
Dio si era stufato
Perché anche lui aveva fatto il tetto
E gli toccava una certa metratura
Corrispondente al lavoro in natura
Per una scuola dove i bambini
Senza parenti crescessero genuini
Senza parenti crescessero genuini

Aveva fatto una polpa che mandava latte
Che poi fu chiusa perché i più grandi
Non lasciavano bere i piccini
E così fu che incominciarono
I delitti a distanza
I delitti a distanza
I delitti a distanza
I delitti a distanza
I delitti a distanza
I delitti a distanza

Tutti sentimmo che urinavano nella nostra vescica
Le scariche elettriche indurivano la lingua
E le ossa del piede destro, intenerite
Come gambi di margherite
Nel cervello piantato un chiodo
Pesante un grammo e mezzo
Tutto in due ore si deciderà
Tutto in due ore si deciderà
Macellazioni regolari
Macellazioni regolari
Come gambi di margherite
I bimbi sotto i quindici anni
Macellazioni regolari
Come gambi di margherite
Tutto in due ore si deciderà
E nel cervello piantato un chiodo
E nel cervello piantato un chiodo
E nel cervello piantato un chiodo
Tutto in due ore si deciderà
Tutto in due ore si deciderà
Tutto in due ore si deciderà
Tutto in due ore si deciderà


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org