Language   

Asia

Francesco Guccini
Language: Italian

List of versions


Related Songs

Riccardo Marasco: Via Panicale
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Il virus cinese
(L'Anonimo Toscano del XXI Secolo e la Piccola Orchestrina del Costo Sociale)
La peste
(La Maison Tellier)



[1970]
Testo e musica / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel: Francesco Guccini
Album / Albumi : L'isola non trovata



La foto sopra è stata colta ieri sera, 4 giugno 2020, alla trattoria siciliana La Burrasca, a Firenze in San Lorenzo, e più precisamente in Via Panicale. Testimonia un momento particolare: è l'espressione, tipicamente un po' diabolica, che ho fatto quando mi è venuto in mente di chiudere simbolicamente il Canzoniere del Coronavirus con questa vecchia canzone del quasi ottantenne Francesco Guccini. Espressione diabolica, perché a detto canzoniere era stato dato inizio lo scorso 22 febbraio (il giorno dopo l'oramai famoso Paziente Uno di Codogno [Lodi]) proprio con il détournement di una canzone di Francesco Guccini, e terminarlo un po' cripticamente con una canzone del genere, nella sua versione pienamente originale, intende a suo modo chiudere un cerchio. Cripticamente? Forse che sí, forse che no. In questo caso lascio a chiunque considerazioni, riflessioni, spunti, suggestioni, storie, geografie e politiche; come dire, invito davvero chiunque a farsi il suo Dialogo Maieutico come fanno Marco Valdo M.I. e Lucien Lâne. Questo, a rigore, è il mio (condito con l'espressione diabolica di cui sopra). Dicevo comunque, chiusura simbolica del “Canzoniere”: è chiaro, nonostante io sia un santo, perfido & diabolico “Admin” di questo sito, che non posso e non voglio chiudere un bel niente: nel “Canzoniere”, chiunque potrà ovviamente continuare a inserire canzoni come e quando vorrà, e anche fino al 2050 e oltre. Questa è comunque la canzone n° 140 del “Canzoniere”: in questi mesi di segregazione, di virologi, di mascherine, di governatori, di picchi e decrescite, di morte e di negazionismi, di terrazzi, bandiere e silenzi, di tutto e del contrario di tutto, ho come l'impressione che il “Canzoniere” abbia seguito piuttosto fedelmente l'estrema confusione del periodo, alternando la leggerezza alla più cupa pesantezza, l'ottimismo al pessimismo, la semplice influenza alla nera pestilenza, l'ironia ed il sarcasmo alla partecipazione, le cose più intelligenti alle più evidenti scemenze. Insomma, una fotografia in musica (senza disdegnare la fotografia vera e propria). Canzoni fino al termine della notte, ha recitato fino ad oggi la news sulla homepage accompagnata dalla bellissima immagine che Jacques Tardi aveva concepito per la copertina del Viaggio al Termine della Notte di Céline; chiudendo, ancorché simbolicamente, il Canzoniere del Coronavirus non si sa, naturalmente, se tale termine della notte sia effettivamente giunto, almeno in Italia (altrove ci pensano ad esempio i Trump e i Bolsonaro a non far sorgere il sole); potrebbe anche darsi che, in realtà, la notte, quella vera e fitta, sia ancora al di là dal venire. Oppure che ci siamo davvero arrivati, oppure che siamo ad un crepuscolo, a un alba, tra il lusco e il brusco o a un mezzogiorno variegato. Però l'espressione diabolica che avevo voleva anche dire quanto segue: simbolicamente mi sono davvero rotto i coglioni del virus, e vada una buona volta a fare in culo. Grazie per l'attenzione. L'Asia, intanto, par che dorma; e figuriamoci quando si sveglierà, facendo colazione a pipistrelli!

Fra fiori tropicali, fra grida di dolcezza
La lenta lieve brezza scivolava
E piano poi portava fischiando fra la rete
L'odore delle sete e della spezia.

Leone di Venezia, leone di S. Marco
L'arma cristiana è al varco dell'Oriente,
Ai porti di ponente il mare ti ha portato
I carichi di avorio e di broccato.

Le vesti dei mercanti trasudano di ori,
Tesori immani portano le stive,
Si affacciano alle rive le colorate vele,
Fragranti di garofano e di pepe.

Trasudano le schiene, schiantate dal lavoro
Son per la terra mirra, l'oro e incenso,
Sembra che sia nel vento su fra la palma somma
Il grido del sudore e della gomma.

E l'Asia par che dorma, ma sta sospesa in aria
L'immensa millenaria sua cultura,
I bianchi e la natura non possono schiacciare
I Buddha, i Chela, gli uomini ed il mare.

Leone di S. Marco, leone del profeta,
Ad est di Creta corre il tuo Vangelo,
Si staglia contro il cielo il tuo simbolo strano
La spada, e non il libro hai nella mano.

Terra di meraviglie, terra di grazie e mali
Di mitici animali da bestiari,
Arriva dai santuari fin sopra all'alta plancia
Il fumo della ganja e dell'incenso.

E quel profumo intenso, è rotta di gabbiani:
Segno di vani simboli divini,
E gli uccelli marini additano col volo
La strada del Katai per Marco Polo.

Contributed by Riccardo Venturi - 2020/6/5 - 09:35



Language: French

Version française – ASIE – Marco Valdo M.I. – 2020
Chanson italienne – Asia – Francesco Guccini – 1970

Dialogue Maïeutique



Dans sa préface à L’Automne à Pékin, enfin si je me souviens bien, Lucien l’âne mon ami, Raymond Queneau soulignait combien ce titre était opportun puisque dans ce roman de Boris Vian, il n’est question ni de l’automne, ni de Pékin. Il n’en va pas du tout ainsi de cette Asie, puisqu’aussi bien, la chanson de Guccini, qui date quand même d’un demi-siècle, – la chanson, Guccini va sur ses quatre-vingts ans –, l’aborda à la proue d’un vaisseau vénitien, orné de l’oriflamme de la Sérénissime. C’était au temps où Venise rutilait, à l’époque où elle emmenait son Lion ailé partout en haut du mât de ses barzes, de ses galères, de ses galéasses, de ses galéones ; il flottait aussi et même surtout, sur ses vaisseaux de commerce. Venise préférait les comptoirs aux colonies ; on y investit moins et ça rapporte plus.

« Lion de Venise, Lion de Saint-Marc,
L’armée chrétienne est aux portes de l’Orient,
Dans les ports de l’Ouest, la mer amène sous le vent
Les charges d’ivoire et de brocart. »

Évidemment, Marco Valdo M.I. mon ami, c’est une manière d’aborder un autre continent, même si pour les descendants de l’Empire romain, l’Asie n’est pas vraiment une terra incognita. J’y étais chez moi en ma jeunesse folle. Mais à part ça, que raconte la chanson ?

D’abord, Lucien l’âne mon ami, je vais une fois encore insister sur le fait que c’est une version française et à l’origine, une chanson italienne de Francesco Guccini que l’on peut tout à fait comparer à Francesco Guccini, lequel commence à avoir des airs d’ancêtre. Cependant, comme tu vas le voir, sa chanson – dans sa version française – n’a pas pris une ride ; on la dirait nouvellement conçue.

Oh, dit Lucien l’âne, c’est drôle ce que tu dis, car ça me fait penser à la chanson de Brassens où il est question précisément d’être un ancêtre :

« Quand nous serons ancêtres
Du côté de Bicêtre,
Pas d’enfants de Marie, oh non !
Remplacez-nous les nonnes
Par des belles mignonnes
Et qui fument, crénom de nom !
Et qui fument, crénom de nom ! »


Ah, Lucien l’âne mon ami, il est des péchés capiteux qui ne doivent rien à l’industrie du tabac. Enfin, à chacun ses préférences, mais comme c’est son anniversaire d’ancêtre de ces jours-ci, on souhaite à Guccini « un buon compleanno », on lui dédie cette version française, la chanson de Brassens : « L'ancêtre » et un bon moment avec le calumet de la paix ; ce serait autre chose que de toucher sur une place publique le Monsieur Tout-Blanc. Cela étant, revenons à la chanson qui se garde bien de pareilles allusions, mais offre un voyage oriental et le rêve d’un espace et d’un moment disparus. Le Lion de San Marco était quand même un animal fort belliqueux qui s’en prenait aux Ottomans et finit par perdre toute sa superbe, laissant partir à vau l’eau les Balkans tout entiers, les îles grecques jusqu’à sa Candie si précieuse.

Oui, dit Lucien l’âne, et à présent, le grand félin ailé n’a plus qu’à se repaître de touristes pressés avant qu’une grande marée vienne mettre fin aux restes de sa gloire. Ainsi va le long chemin de l’histoire. Pendant ce temps-là, nous tisserons le linceul de ce vieux monde perclus, toussotant, égrotant, avide et cacochyme.

Heureusement !

Ainsi Parlaient Marco Valdo M.I. et Lucien Lane
ASIE

Au milieu des fleurs tropicales, des cris en douce,
La brise légère et lente glissait ;
Sifflant à travers le filet, elle apportait,
Suave, l’odeur de la soif et des épices.

Lion de Venise, Lion de Saint-Marc,
L’armée chrétienne est aux portes de l’Orient,
Dans les ports d’Ouest, la mer amène sous le vent
Les charges d’ivoire et de brocart.

Les habits des marchands suintent d’ors,
Leurs soutes recèlent d’énormes trésors,
Aux rives croisent leurs voiles colorées,
D’œillet et de poivre parfumées.

Brisés par le travail, les dos transpirent ;
À terre reposent l’encens, l’or et la myrrhe ;
Dans le vent, on entend par-dessus la palme,
Le cri de la sueur et de la gomme.

Et l’Asie paraît dormir, mais flotte en l’air
Son immense culture millénaire :
Les Blancs et la nature ne peuvent défaire
Les Bouddhas, les Chélas, les hommes et la mer.

Lion de Saint Marc, Lion du prophète,
Ton Évangile court à l’est de la Crète ,
Sur le ciel se détache ton étrange bannière ;
Ce n’est pas le livre, mais l’épée que ta main serre.

Terre de merveilles, de grâces et de maux, terre
Des animaux mythiques du bestiaire,
Jusqu’au gaillard arrivent des sanctuaires
La fumée de l’encens et du chanvre.

Et ce parfum intense, percé de mouettes, est
Signe de vains symboles divins,
Et de leur vol haut, ces oiseaux marins
Montrent à Marco Polo la route du Cathay.

Contributed by Marco Valdo M.I. - 2020/6/9 - 22:03


TO WHOM IT MAY CONCERN

Ritratto del ritratto



Se la fisiognomica fosse una scienza si potrebbe dire che il personaggio raffigurato è l’opposto del Feroce Saladino, un toscanaccio purosangue dalla mente eccelsa (così ha sentenziato il dott. Pasquano nel suo referto in linea con le caratteristiche antropometriche). Osservando le dita affusolate il citato dott. Pasquano dice che ha una spiccata propensione per la digitazione. Montalbano ne inferisce che, oltre alle dita, anche i tasti dovrebbero essere affusolati e levigati. Inferenza dell’inferenza: la tastiera costituisce un raro reperto archeologico. Da buon cittadino, il personaggio dovrebbe presentare dichiarazione di possesso alla locale Soprintendenza (sede recentemente riaperta al pubblico: palazzo Pitti).

Da documenti recenti Montalbano si è persuaso che il soggetto ha qualche vezzo, tra questi una sottile, quasi impercettibile, propensione a considerarsi mal compreso in senso negativo (quando invece sa bene di esserlo nel senso opposto date le singolarità delle sinapsi e del muscolo cardiaco).
Un contributore senza malizia, orientato da una semeiotica distante dalla sua, gli ha dato del perfido: cacio sui maccheroni. Noi si sta ancora cercando chi gli avrebbe dato del santo o del diabolico: deve trattarsi di un provocatore di corto respiro o di uno che non ha capito una beneamata mazza dell’aria che tira a CCG. Tutte balle? Beh, volendo rovistare, qualcosina di sulfureo si potrebbe avvertire, ma da lì ad accostarlo ai demoni …Satana potrebbe aversene a male.

Bene, sperando che codesto ritratto, lo schizzo, che ha richiesto qualche attenzione, sia di gradimento del ritratto (participio passato),
noi ti si saluta caramente

Riccardo Gullotta - 2020/6/5 - 15:40


La canzone è stata interpretata anche dai Nomadi.
Compare per la prima volta nella discografia dei Nomadi in I Nomadi Interpretano Guccini (1974)



Poi in alcuni album dal vivo:
Like a Sea never dies (1987)



Nomadi & Omnia Symphony Orchestra Live (2007)

Dq82 - 2020/6/7 - 11:08


Mi scuso per la...piccola pausa che mi sono preso dal sito; ogni tanto ce n'è bisogno. Mi è rimasta particolarmente gradita la trasformazione pittorica che Riccardo Gullotta ha fatto della mia immagine, avvertendo che nella realtà sono molto meno "fotogenico" e, anzi, con tendenze spiccate al "cartaigienico"; tutto il merito va a chi mi ha fatto quella foto. Comunque, se mi può essere permesso, vada un abbraccio al mio omonimo (debitamente distanziato, in questo caso mi sa di qualche centinaio di chilometri) e anche a Adriana, autrice del seguente "warholamento" della stessa immagine:



Queste cose, davvero, suscitano la mia estrema ammirazione. Sono un riconosciuto e immarcescibile analfabeta informatico, e dovessi fare io una cosa del genere, non saprei nemmeno da dove e da che cosa incominciare. Unicuique suum. Però ribadisco che sono davvero non tanto lusingato, quanto empaticamente e semplicemente contento. Da qualunque parte la si voglia prendere, non è stato un bel periodo, per nessuno, e volerlo pur simbolicamente chiudere venga inteso come una sorta di catarsi ("catarsi addosso", direbbe il poeta). Sono peraltro fermamente convinto di tutta la pandemia di idiozie che ci è stata rovesciata addosso: "andrà tutto bene", "saremo migliori", "è un'occasione da non perdere"... basta così. Non andrà affatto tutto bene, non saremo né migliori e né peggiori, e lasciamo stare le occasioni perse. In mezzo a migliaia e migliaia di pontificatori più o meno a buon mercato, di analisti e delle loro anali analisi, di gazzettieri commentieri virussieri eccetera, sarebbe a mio parere bene non aggiungersi. Ad ogni modo, grazie ancora a tutt*, con deferenza e partecipazione.

Riccardo Venturi - 2020/6/11 - 11:46



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org