Lingua   

Ninna nanna de guera

Laetitia Boschi Hüber
Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)



Fa la ninna, pija sonno
che se dormi nun vedrai
le tragedie e tutti i guai
che succedono ner monno,
per le spade e li fucili
de li popoli civili,
per i mitra e li cannoni
de ‘sto branco de marpioni.

Fa la nanna, tu che ignori
le ferite e li dolori
de la gente che se scanna
per un matto che comanna,
che se scanna e che s’ammazza
giusto in nome de la razza,
ogni scusa è ben trovata
pe’ mollacce ‘la steccata !

Fa la ninna, tu che nun senti
li sospiri e li lamenti
de la gente che se scanna
per un matto che comanna,
proprio in nome de una fede
per un Dio che nun se vede...
...ma che serve da riparo
ar Potere macellaro;

‘Sto ber branco d’assassini
che c’insanguina la tera
sa benone che la guera
muove un mucchio de quatrini,
preparando le risorse
pe’ i gran ladri de le Borse,
nonché la fregatura
per chi ha fiducia in ‘sta jattura.

Fa la ninna, cocco bello,
finché dura ‘sto macello,
tanto è certo che domani
ri-ve-dremo li sovrani
amichi boni più de prima,
che se scambiano la stima
invertendo le alleanze
e attrippan-dose le panze.

So’ cuggini, so parenti
nun avvezzi a li complimenti!
Li rapporti personali
Ri-tor-neranno cordiali:
e, riuniti infra de loro,
e senza il minimo rimorso
ce terranno un ber discorso
su la pace e sur lavoro….

...E magari pure in rima
pe’ te popolo cojone
risparmiato dar cannone,
ma schiavo e povero più de prima !


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org