Lingua   

Manù dorme sotto i ponti

Mimmo Mòllica
Lingua: Italiano



Manù dorme sotto i ponti,
mangia poco ed al mattino
con il traffico fa i conti,
col frastuono cittadino
di automobili e passanti,
come spine nel cuscino:
le automobili assordanti.

Si alza presto e senza meta
per le strade si trascina,
forse chiede una moneta:
vita grama e assai meschina.

Manu ha dieci annetti appena,
ed è un povero bambino
senza casa e per la cena,
qualche volta c’è un panino.

Non ha stufa ed il suo letto,
dove mettersi a dormire,
è un giaciglio stretto-stretto,
senza piume e senza affetto,
che dal freddo fa morire,
quando il gelo della notte
scende pure sotto zero
ed è come nelle grotte,
come sotto un cielo nero.

Il suo tetto è un porticato
di un palazzo antico in centro,
oggi vecchio e diroccato,
ieri invece baricentro
della vita cittadina
dello shopping e del rientro:
ogni passo una vetrina.

Manu non ha documenti
il suo aspetto è trascurato
specialmente nei momenti
in cui piange ed è affamato.

E nessuno quando è notte
gli rimbocca le coperte,
vecchie, fredde e malridotte:
chissà chi gliele avrà offerte?

Manu deve andar via presto,
è impossibile restare
senza risultar molesto,
senza il rischio dell’arresto.

Quel riparo era una banca
chiusa per difficoltà;
oggi invece è zona franca,
franca quanto non si sa.
È un rifugio di persone
senza casa e senza amore,
c’è il clochard ed il barbone,
gente in cerca di calore.

Ma di Manuel chi sa nulla?
E anche il nome del bambino,
è un’identità fasulla?
Cosa c’è in quel fagottino
che trascina sulle spalle,
custodisce il suo cuscino,
ci son libri, c’è uno scialle,
c’è una mela, c’è un panino?

E poi Manuel a scuola andrà?
Chi lo accudirà al mattino?
Ed i compiti farà?
Chi mai gli darà un bacino?

E chi lo accompagnerà?
Dove tiene il grembiulino?
Dove tiene le matite,
dove i sogni di bambino?

Dormon qua tante persone,
vengon solo quando è notte,
quando i pusher alla stazione
vendon droga o fanno a botte;
ed al bar di buon mattino
fuma il primo cappuccino.

Li hanno visti nel giaciglio,
tra le pentole e i cartoni
stretti stretti madre e figlio,
abitanti degli androni ,
abbracciati dentro al letto
per scaldarsi con l’affetto,
riscaldarsi senza fiamma,
con l’amore della mamma.

E al mattino di buonora
se ne vanno infreddoliti
senza dire una parola
con quegli abiti sgualciti,
ma tenendosi per mano,
se ne vanno, piano piano.
Vanno a scuola o son partiti?
Non sappiamo, son spariti!


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org