Lingua   

Petru (26/05/09)

Roberto Ormanni
Lingua: Italiano



Petru lascia il suo paese in un giorno come tanti
In Italia con la moglie, viene, suona e tira avanti
La sua fisarmonica sui treni ed in cumana
porta un suono sporco che non porterà la fama
Quello che lui cerca non è un sogno americano
Quello che lui vuole è soltanto un sogno umano
E’ da piccolo che ha amato quelle note su quei giri
Quando musica e canzoni sono come i tuoi respiri
Un sorriso ed uno sguardo alla gente che è seduta
Qualche spicciolo gli basta per dir “L’ha vita l’ho vissuta”

Oooh, ‘ncoppa a ‘stu mare
sotto a ‘stu sole ce credo ancora
Oooh, nun me scetà
cu’ chistu suonno voglio campà

Era un maggio come tanti, forse un poco troppo caldo
Petru passa tra i passanti lì nel vico a Montesanto
Quattro moto all’improvviso son sbucate sulla strada
Per segnare il territorio fanno fuoco all’impazzata
Petru ora è a terra con Mirella lì al suo fianco
Tutti sono attorno, ma nessuno gli sta accanto
Ti giri dall’altra parte e fai finta di non guardare
Petru lì agonizzante che non riesce a respirare
E scappi da un’altra parte, senza voglia di cambiare
E Petru morto da solo non lo senti più suonare

Oooh, cà è tutto scuro
‘a pioggia cade ‘ncuollo ‘e criature
Oooh, famme scetà
pare ‘nu suonno ma è la realtà

Le canzoni certe volte, sono storie scritte in note
ma le storie certe volte, tu le vedi per le strade
Ti ricordi ancora Petru, che suonava eppoi sognava
una vita generosa con la voglia e la speranza
Ti ricordi ancora Petru, che moriva abbandonato
Se non c’eri non ricordi, ma ora sai che cosa è stato…


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org