Language   

Sotto il cielo dell'ILVA

UNA
Language: Italian



Ti ricordi quella notte sulla spiaggia
le stelle si impigliavano nei capelli
le tue carezze dolci
lambivano i miei sogni
e avanzavi sui miei fianchi come onde del mare
ci vedemmo alle nove
in stazione
volevamo andare via non importava dove

Poi facemmo l'amore
nei bagni di un bar
la gente si chiedeva cosa stava succedendo
e le tue labbra mi ricordo sapevano di sale
e svanivano i tremori e il fumo della città
e noi ci sentivamo vivi mentre Taranto bruciava
noi ci sentivamo vivi tenendoci le mani

E mi chiedesti "perché piangi?" e se mi avevi fatto male
e io ti dissi che il piacere non è altro che un dolore
straordinariamente dolce
e a farci male è molto altro
la rovina e la miseria, le fabbriche dell'ILVA

Ma ti ricordi com'era bella, Taranto dal treno?
il mar piccolo, le barche, le scritte sui muri
anche se erano solo le dieci sembrava d'essere al tramonto,
il tramonto infermo di una intera civiltà

Dal finestrino dell'espresso salutammo la città
era l'addio di chi sa bene che un giorno tornerà
dal finestrino dell'espresso salutammo la città
era l'addio di chi sa bene che non si fugge dalla verità

E mi chiedesti "perché piangi?" e se mi avevi fatto male
e io ti dissi che il piacere non è altro che un dolore
straordinariamente dolce
e a farci male è molto altro
la rovina e la miseria, le fabbriche dell'ILVA

E mi chiedesti "perché piangi?" e se mi avevi fatto male
e io ti dissi che il piacere non è altro che un dolore
straordinariamente dolce
e a farci male è molto altro
la rovina e la miseria, le fabbriche dell'ILVA

E mi chiedesti "perché piangi?" e se mi avevi fatto male
e io ti dissi che il piacere non è altro che un dolore
straordinariamente dolce
e a farci male è molto altro
la rovina e la miseria, le fabbriche dell'ILVA

E mi chiedesti "perché piangi?" e se mi avevi fatto male
e io ti dissi che il piacere non è altro che un dolore
straordinariamente dolce
e a farci male è molto altro
la rovina e la miseria, le fabbriche dell'ILVA


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org