Lingua   

Anna, te scrivo

Michele Gazich
Lingua: Italiano (Veneto veneziano)



Anna, te scrivo da l'isola
stasera qua so tornà
gò visto la tò finetsra
no gò avuo cuor de cantà

... manco scriver stanotte
so in camera e tutti dorme
te scrivo soto al...
le paroe che volevo cantar
le paroe che volevo cantar

Venessia ancoa s'era bea
tre ani che no a vedevo
gli oci brusai dal sol
chi mancavi soltanto ti

Gò parlà col Sior Diretore.
Lui ‘l ma dito che presto ussirò.
Te portarò un aneleto a Nadal,
vegnarò co’ to pare a parlar

Ne l’angolo la borsa xè pronta
ti lo sa, no go bisogno de tanto.
Un per de braghe e do camise,
e el violin che te fa inamorar

Da tre anni ormai no o sono
ogni matina però l'o vardà
l'o netà col pano de seda
come o specio però gò netà

Ma adesso i me gà dito
che de matina lo posso sonà
in legnaia in fondo al giardino
sonerò le canzoni d'amor

Ana no manca tanto,
mi lo so che altri tosi te serca
ma te prego no vèrzer la porta
vedaremo gli anei a Nadal
vedaremo gli anei a Nadal


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org