Lingua   

Naracauli

Nomadi
Lingua: Italiano



Poche luci nelle poche case
quando si fa sera
la miniera non lavora più
e la sabbia brucia il mare
e come è blu il tuo mare
e com’è stanca la voce.
Una rabbia brucia i boschi e poi
si ubriaca all’osteria
canti antichi e sacri filano
la lana in strada di sera
o nelle sere d’estate
piangono i gatti e le stelle.
Dorme il gregge ma il pastore no
no lui non riesce a capire
gli han portato via il lavoro sai
e adesso la fame sui monti
lui padrone dei monti
lui prigioniero dei monti.
Ma una nave è approdata
stanotte si per non farsi vedere
e i negozi sono pieni già
di cose che non userai mai, mai, mai e poi mai
non avresti pensato
che così t’hanno fregato.
E come è blu il tuo mare
e com'è stanca la voce


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org