Lingua   

Canzone di Portolongone

anonimo
Lingua: Italiano



Avevo quindici anni, ero bambino,
m'innamorai di quella bambinella;
l'amor cominciò lì
e lei mi disse sì
e incominciò a tradirmi la mia stella.

A piazza Margellin, Castelammare,
avevo appuntamento quella sera
e mi girai di qua
e mi girai di là:
la vidi accompagnata da un signore.

Io ti perdono, per la prima volta,
io ti perdono perché sei bambina,
ma ho detto, e lo farò,
che il sangue tuo berrò;
delle parole mie farò dottrina.

Sappi ch'io son nativo parmigiano,
il capo sono della malavita
e giro notte e dì
armato di pugnal
per toglierti la vita, scellerata.

Sona sona la campana, la campana
la campana di Portolongone,
la campana della reclusione;
in prigione mi voglion portar.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org