Lingua   

Il blues della cella di prigione

Joe Fallisi
Lingua: Italiano



Grigio il cielo, grigia la cella
E il letto fame,
Portatemi adesso un boccale di mare.

L’orizzonte rossonero
Mi strappa il cuore,
Ne sento il colore oltre tutte le sbarre.

Certe notti io sogno tremando
Che tu voli nel buio
Per venire a consolare i miei occhi.

Allora tu sei azzurro corallo
Nelle mie mani,
Oh Madù, tuffati nel cielo.

Io sono in prigione, ma fuori o dentro
Siamo tutti legati
E per tutti c’è una squallida vita.

Di ogni giorno dobbiamo subire
Le miserabili ore,
Al lavoro e dappertutto sfruttati.

Vieni mia amica, nera signora,
Rivoluzione,
E finalmente ci guarderemo negli occhi.

Spiga Madù, allora potrai
Veramente amarmi
E vedere il mio volto felice.

Spiga Madù, allora potrai
Veramente amarmi
E vedere il mio volto felice.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org