Lingua   

Aprite le città

Nada
Lingua: Italiano



Gennaro parla una lingua amara,
Ha fatto saltare la terra in aria,
Gennaro chiede perdono alla testa.
Capisce che un uomo è rimasto a terra.

Uè bastardi, carne ai denti.
C'eravamo conosciuti milioni di anni fa,
Ci siamo ritrovati oggi qua
E la storia non cambia
Il discorso s'infanga tra le frange dell'anima
Nella libertà.

Aprite le città, aprite le città
A tutti i presenti,
Avanti avanti,
Senza barriere o discorsi importanti
Aprite le città, aprite le città
A tutte le genti.
Uguali e diversi.
Aprite le città

Uè Gennaro, Gennaro,
Cosa vedi qua giù?
È caduto dal cielo
O era già messo qui?

Ci è voluto un pensiero decodificato
Ci è voluto lo stato che si è impegnato

Aprite le città, aprite le città
A tutti i presenti,
Avanti avanti,
Senza barriere o discorsi importanti
All'aria, all'aria
Buttiamo tutto all'aria.
Serenità apparente contagiosa e umiliante.

Aprite le città, aprite le città
A tutti i presenti,
Uguale e diversi
Aprite le città, aprite le città
A tutti i presenti,
Avanti, avanti
Tra le frange dell'anima
Nella libertà


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org