Language   

Una tristezza che si chiamasse Maddalena

Enzo Jannacci
Language: Italian



Una tristezza che si chiamasse Maddalena
l'avresti dovuta vedere
mentre scendevi piangendo
giù dalla fabbrica
scandendo il tempo di un rhitm & blues.

Una tristezza che si chiamasse Maddalena
l'avresti dovuta adorare
marcio per la vergogna
di un segno di croce mancato
a un povero Cristo smagrito,
ammazzato di cancro ier sera, ier sera.

Una tristezza che si chiamasse Maddalena,
non l'avresti nemmeno trovata
quando a un tramonto
rivestito di grigio
non ti sei neanche chiesto
se fosse assai meglio un ultimo bacio
che non il solito arrivederci.

Una tristezza che si chiamasse Maddalena,
l'hai lasciata morire con gli altri
una sera di un 12 Dicembre
senza il coraggio di alzare una mano
o signore la faccia.

Arriverà insieme all’alba
insieme allo svanire nel tuo sporco fiato
quando cercherai di tenertela contro il seno
senza sapere
senza aver mai saputo
senza sapere
senza aver mai saputo
senza sapere
senza aver mai saputo
senza sapere
senza aver mai saputo


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org