Lingua   

Alla Lungara

Alvaro Amici
Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)



Dentro a ste mura indove er carcinaccio
pare impastato de sospiri e pene,
me sento gelà er sangue ne le vene
quanno sento lo scrocchio ar catenaccio.

Qui m’hanno cancellato li penzieri
ricordi che se smorzeno co’ niente,
se ner silenzio libero la mente,
sento li passi de li carcerieri.

Qui a la Lungara,
nell’ombra appiccicata su ste mura
se sente appena er battito der còre,
ma er tempo se ne scorda e batte l’ore.

Qui a la Lungara,
quanno che viè er silenzio de la sera,
l’anima strilla senza fa’ rumore
come ‘na fronna, poi se storce e more.

La libertà è un gabbiano sopra ar mare
che se diverte a navigà ner vento
e l’ale je diventeno d’argento
quando ch’er sole l’empie de calore.

Pupetta mia papà nun cià più l’ale,
te lo promette e nun ritorna mai,
sei ‘na pupetta e ancora nu’ lo sai
ma ste promesse poi me fanno male.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org