Lingua   

Ciente veleni - Sguarracino

Gruppo Operaio E Zézi
Lingua: Napoletano



Appillatev' o naso
arapite chist' uocchie
spilatev' e recchie
e stateve zitte
tengo 'nu fatto che v'aggia a cuntà

Ciente paise aggiu cammenato
milla disastri nc' aggiu truvato
Napule bella n'è chella 'e 'na vota
munnezza, veleni, bidune atterrate
mò chesta è 'a terra de' disperate

E ch'aria fina ce sta a Tufino
sacchette ammiscate a Marigliano
muntagnell' 'e cianuro sulo a Pianura
a Chiaiano hannu perz' 'e cerase
a chiù sporca rignuta 'a fann' a Terzigno

A Macchia Soprana e Casalduni
a Piano d'Ardine e Ariano Irpino
Difesa Grande e Savignano
a Sant'Angelo e Calabritto
Serre Lo Uttaro e Vallata

Villa Literno, Giugliano e Marano
Castelvolturno, Afravòla e Caivano
Boscoreale, Cardito e Mugnano
Santa Maria e Pummigliano
che brutta guerra s'è fatta p'Acerra

Caivano.
Caivano.


Amianto, cianuro e batterie
asbesto, piombo e ecoballe
arsenico, cadmio e diossina
scumma janca e percolato,
e chest'è 'a robba ca c'hanno rialato.

Fracetunne e saldatrici,
cuòfene, ornie e balice
sicchie, riggide, musdèe e scardune
purcelluzze e gravune
maruzze, vruòccole e nu treno,
annoglie, arche e turrene
scalune, soglie e serenghe
evere, bocce, tièrmene e sdanghe

Mbroglie, cònnole, vòtte e chiummo,
spighe, traccole, cazune a zeffunno
forge, verce e caurare,
gloriapate e muzzinare,
nirofummo e capetiella,
scolabrodo e varriciella,
capechiuove e sagliescinne,
capulicche, cozzeche e cucine

Bussole, nozzole e scalelle
dammiggiane e fenestelle,
spurchizia, màmmule sfarzosa,
quanta rena sporca e 'nfosa
provole, vrenzole, sterpe e scarpe
fauze, zuocole e ati scarti
mubbiglie, camorra e 'na giostra,
nova nora co tutt' 'e poste

Scatulune, caure e runcille
casce rosse e piccirille,
ai che fieto e fucarone tantille,
tante, chiù tante e tantone
quanto sfratte arrasussìa
ca ce steveno, mammamia
a centenare li sfrattate,
a meliure le mappate

Merda e schifezze a belluna,
a tunnellate e a muntune
nun ve dico che bivo fuoco
ca se vere pe' ogni luogo
té té té ca pistulate
tà tà tà lu percolato
tù tù tù ca lu veleno
bù bù bù ca li biduna
pure a cantà c'aìmma allentato
ca ce manca mò lu ciato
nuie priammo ca murite
pe' fà mpriesto piazzapulita
e ce bevimmo na meza de seje
pe' la salute de lui e de lei
e ca ce guardammo lo cannarone
pe' salvarce lu premmune

Appillatev' o naso
arapite chist' uocchie
spilatev' e recchie
e stateve zitte
tengo 'nu fatto che v'aggia a cuntà

Ciente paise aggiu cammenato
milla disastri nc' aggiu truvato
Napule bella n'è chella 'e 'na vota
munnezza, veleni, bidune atterrate
mò chesta è 'a terra de' disperate

E ch'aria fina ce sta a Tufino
sacchette ammiscate a Marigliano
muntagnell' 'e cianuro sulo a Pianura
a Chiaiano hannu perz' 'e cerase
a chiù sporca rignuta 'a fann' a Terzigno

A Macchia Soprana e Casalduni
a Piano d'Ardine e Ariano Irpino
Difesa Grande e Savignano
a Sant'Angelo e Calabritto
Serre Lo Uttaro e Vallata

Villa Literno, Giugliano e Marano
Castelvolturno, Afravòla e Caivano
Boscoreale, Cardito e Mugnano
Santa Maria e Pummigliano
che brutta guerra s'è fatta p'Acerra

Amianto, cianuro e batterie
asbesto, piombo e ecoballe
arsenico, cadmio e diossina
scumma janca e percolato,
e chest'è 'a robba ca c'hanno rialato.

Villa Literno.
Villa Literno.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org